Welcome Guest [Log In] [Register]
Welcome to Raven Project.


If you're already a member please log in to your account to access all of our features:

Username:   Password:
Add Reply
Bohèmien; Le Decadent
Topic Started: Feb 6 2014, 03:38 (154 Views)
Frog Splash
Member Avatar
Napoli Fogna d'Italia
DATI DELL’HANDLER

Nome e Cognome: Davide Esposito

DATI DEL WRESTLER

Nome: Bohèmien
Vero Nome: Jacques?
Soprannome: Campione della Disperazione, Le Decadent, Uomo in Nero, Le Roi Soleil
Data di nascita: ???
Luogo: Chaos, World
Altezza: 1.98 m/ 272 lb
Peso: 123 kg / 6 ft 6 in
Allineamento: Tweener
Theme Song: Pink Floyd, “Atom Heart Mother”

[utube]https://www.youtube.com/watch?v=3zO2zVjeQYA[/utube]

Titoli Vinti: Undisputed WBFF World Heavyweight Champion [1], WBFF Desperation Iron Man Champion, WBFF King of Fight Championship [1], WBFF Tag Team Champion [1], Forever ITDTF World Heavyweight Champion [1]
Stile di lotta: Power/Submission

Mosse tipiche: 2nd Rope Piledriver, Chokeslam, Cranium Crunch, Elevated Powerbomb, Fujiwara armbar, Gogoplata, Gorilla Press Slam, Haas of Pain, Overhead Belly to Belly Suplex
Finisher: Dionisiac Dream (Tazzplex), Fleur du Mal (Crucifix Powerbomb to Turnbuckle), Atom Heart Spleen (Over the shoulder single leg Boston Crab)

ATTITUDE E STILE DI COMBATTIMENTO
Signori, qui ci troviamo un bohèmien, un wrestler decadente. Aspettate, non decadente nel senso odierno del termine, ma praticamente immerso nell’atmosfera del Decadentismo fine ‘800. Non è una persona retrogada, semplicemente assume quel tipo di mentalità sempre e comunque, quindi anche nei promo, quando combatte, etc. Ma cos’è questa mentalità decadente?
Prima di tutto è completamente irrazionale. Attenzione, irrazionale non significa distruggere tutto e tutti. Irrazionale semplicemente inteso come violare ciò che è ritenuto “normale”. Bohèmien cerca di imporre regole SUE sia sul ring sia fuori. Ossia? Cerca di combattere in modo non convenzionale, potrebbe usare subito le finishers all’inizio o magari dedicarsi solo a mosse di sottomissione, o vagare fuori dal ring e decidere di combattere fra il pubblico, farsi squalificare e non importarsene… Insomma, sempre qualcosa di stravagante e inaspettato.
E l’assenza di regole è assente anche fuori ring. Può concedere interviste anticonvenzionali, spostare il discorso su tutt’altri argomenti, non rispondere o dire qualcosa che non c’entra affatto con la domanda. Ma soprattutto il suo modo di parlare è tipico di un decadente. E’ strapieno di citazioni, letterarie o non, ma soprattutto non è mai banale, tira sempre qualcosa di nuovo, che può essere di tono alto o basso.
Caratterialmente mostra un grande fascino per il male e in generale per il misterioso. Lo affascina il mondo ottocentesco, le atmosfere gotiche, l’inconscio e le droghe. Ha un certo gusto per le perversioni, di ogni genere, basta che siano “fuori dal comune”. Si potrebbe definire pervaso da uno spirito dionisiaco, da una continua ebbrezza e vitalità che lo portano ad essere sempre più creativo possibile, in ogni cosa egli faccia.
Altro elemento che caratterizza fortemente Bohèmien è il suo sentirsi qualcuno di straordinario, un vero e proprio superuomo, la tappa successiva dell’evoluzione umana seguente alla decadenza di quest’ultima, che deve apporre il suo marchio alla WFS e in generale a tutto ciò che fa. Bohèmien è geneticamente un vincente, è diventato campione del mondo ovunque sia stato e ciò lo rende fortemente superbo e sicuro di sè. Nonostante la sua personalità particolare, egli è un uomo concreto, un perfezionista, che calcola minuziosamente tutti gli strumenti necessari per realizzare le sue azioni.
Bohèmien si sente al di là del bene e del male, il che rende fa sì che Bohèmien non sia né un heel né un face tradizionali. Non cerca il favore del pubblico ma al contempo odia le alleanze con gli heel. In generale disprezza chi si adagia alle convenzioni, quindi sia gli heel codardi sia i face funamboli. Bohèmien è un solitario, un vero e proprio “aristocratico” del ring. Non ha una morale, potrebbe fare di tutto per i suoi scopi, ma comunque segue sempre uno stile pseudo raffinato.
Per quanto riguarda il Wrestling Style Bohèmien nasce sostanzialmente come un Power Wrestler, la maggior parte dei suoi marchi di fabbrica sono mosse di potenza. Dall’ultima avventura in WBFF però il suo stile si è evoluto. Il repertorio di mosse di potenza è rimasto, ma si è ampliato con una grande gamma di mosse di sottomissione, che diventano frequenti nei suoi incontri, soprattutto verso la fine del match. Sono rarissime le mosse aeree e quelle hardcore, mentre fra le mosse tecniche dispensa perlopiù varianti abbastanza “vistose” di Suplex, quale ad esempo la Overhead Belly to Belly, che garantisce un grosso impatto col suolo. Non ama le armi, pensa che basti la sua arguzia per vincere, ma non si fa alcun problema ad usare qualsiasi tipo di arma se il suo scopo lo rende necessario. Il suo stile di lotta non è molto veloce, e diverse volte mentre combatte si prende delle vere e proprie pause per vari motivi, come sistemarsi il vestito, colloquiare col pubblico o con l’arbitro, si siede sul tappeto oppure a volte sembra quasi imbambolarsi assorto nei suoi pensieri. Rimane comunque un wrestler molto reattivo, non si fa mai prendere di sorpresa.

ATTIRE
Capelli lunghi neri con punte bianche fino alle spalle, lungo mantello nero che tocca il pavimento, corpetto stile gotico-ottocentesco in colore rosso-nero-grigio, cravatta nera, fiore rosso sul taschino sinistro, guanti bianchi, pantaloni neri più chiari del resto del vestito.
L’ingresso avviene sempre con una camminata lenta ma decisa, a testa alta, con quasi tutte le luci dell’arena soffuse tranne alcune luci intense di colore rosso. Giunto all’apron, sale le scalette ed alza per qualche secondo le braccia al cielo. Salito sul ring si toglie il mantello, e così è pronto a combattere.

HISTORY:
Il debutto di Bohèmien avviene in IEWD, dove partecipa ad un torneo col nome di Bulldozzer Machine. Successivamente cambia nome in Xaos, abbozzo della futura gimmick, dividendosi inizialmente fra WBFF e ITDTF, per poi lottare esclusivamente per quest’ultima, dove vincerà il titolo massimo e ne sarà l'ultimo campione, a seguito della chiusura della fed. Dopo un lungo periodo di pausa, ricompare nel luglio 2010 in WBFF con alcuni promo che presentano la nuova gimmick di Bohèmien attraverso citazioni di Baudelaire e Nietzsche. Insieme ad un cameraman, Johannes, e a un ex stella pVw, Jax, fonda il Parnaso, una stable che ha come l’obiettivo la trasformazione radicale della WBFF. A WBFF Maniacs Bohèmien vince il suo primo titolo, il WBFF King of Fight, contro Eddie Evans. La prima difesa del titolo in PPV avviene contro Simon Steed, a The People’s Choice, dove Bohèmien trionfa; sarà poi lo stesso Steed a togliergli il titolo. Il Parnaso rafforza il suo dominio in WBFF aggiungendo al suo palmares i titoli tag team, assegnati a tutti e tre i membri della stable. A WBFF Survivor of the Ring 2011 vince il torneo omonimo, sconfiggendo Steed in semifinale e James McFist in finale, che gli garantisce la title shot al titolo massimo, occasione che sfrutta nella stessa serata, dove affronta e sconfigge l’allora campione Red Revolution Raven in un Gates of Hell match: Bohèmien è il nuovo Undisputed WBFF World Heavyweight Champion. Tenta anche l’assalto ai titoli di coppia FWF detenuti da RRR e Jack Leone combattendo a fianco del FWF Heavyweight Champion Mehmet Arkin, ma sono i face a trionfare. Bohèmien perderà poi sia il titolo mondiale WBFF sia le cinture di coppia, mentre Jax abbandona la stable. Bohèmien punta quindi il WBFF Desperation Iron Man Championship detenuto da Aaron Kirk, che sconfigge, fregiandosi della cintura e del soprannome di Campione della Disperazione. Bohèmien metterà poi in palio il Desperation Iron Man Championship nel match di unificazione col titolo mondiale e col Deadly Shiver Title, incontro che decreterà, però, Mehmet Arkin WBFF Triple Crown Champion. Il Parnaso allarga le sue fila includendo i nuovi membri Eddie el Profeta e Captain Mark, ma la nuova forza del Parnaso non potrà esser dispiegata del tutto perché di lì a poco, a metà 2012, la federazione chiuderà.

Di Bohèmien si perdono le tracce, tranne alcune sporadiche apparizioni in R-Pro, come se non volesse legarsi a nessuna federazione. L’ormai ex leader del Parnaso ricompare, improvvisamente, ad inizio 2014 iniziando a sostenere Alex l’Artiste a seguito di una crisi d’identità di quest’ultimo, ritornando a lottare, questa volta nella più grande federazione di wrestling al mondo…
Posted Image

Posted Image

Ciao Eddie...
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
1 user reading this topic (1 Guest and 0 Anonymous)
ZetaBoards - Free Forum Hosting
Create your own social network with a free forum.
« Previous Topic · Roster · Next Topic »
Add Reply

Theme Designed by McKee91 and Lout of ZNR