Welcome Guest [Log In] [Register]
Welcome to Raven Project.


If you're already a member please log in to your account to access all of our features:

Username:   Password:
Add Reply
Uprising #109
Topic Started: Apr 25 2014, 21:08 (207 Views)
Trax
Member Avatar
The Bad
"Atom Heart Mother" risuona nell'arena... Sta per entrare il Parnaso!
Bohèmien e l'Artiste, dopo una serie di promo trasmessi via titantron, si riaffacciano sullo stage.
Stasera affronteranno i Gallaghers e forse avranno qualcosa da dire al riguardo.
L'entrata è sempre molto lenta.

I due si piazzano a centro ring e Bohèmien inizia a parlare.

B: "Parnaso. Per voi soltanto un semplice nome come tanti altri... Magari un nome da voi non gradito. In queste sette lettere è racchiusa la mia storia, la mia essenza... La NOSTRA essenza".

Si vede che Boe ci tiene al nome.

B: "Come tutti voi sapete... Come tutti voi spero sappiate... Il sottoscritto, il SuperUomo, Le Decadent, ha iniziato a diffondere il suo Verbo in WBFF. Lì nacque il Parnaso! Una delle forze più dominanti mai viste. Il Parnaso vinse il WBFF King of Fight Title, il WBFF Desperation Iron Man Title, i WBFF Tag Team Titles e il WBFF WORLD HEAVYWEIGHT TITLE, strappato dalla mia persona al vostro campione, Red Revolution Raven!"

Boe rimarca spesso questa cosa, si è leggermente notato.

B: "Parnaso significa vittoria... TRIONFO! Avevo timore nel pronunciare questa parola ma lo spirito da OltreUomo che risiede in me e in Alex l'ha desiderato... Eccoci, ecco di nuovo il PARNASO!"

Bohèmien alza il tono della voce e passa la palla ad Alex.

A: "Un Artista tiene molto ai dettagli e il nome che dà a sè stesso è TUTTO! L'Artiste esprime la mia essenza... E qual è l'essenza dei nostri nemici? This Time Could Have Been Died... Cosa potrebbe pensare di loro chi non conosce Mr. Lahart e Mr. Donovan? Che sono intimamente ridicoli... E i Gallaghers? Ciò che li unisce è un semplice legame familiare. Il legame del Parnaso è diverso, è ideologico, esprime un progetto concreto da realizzare! Noi vogliamo splendere in cima alla WFS, proprio come le divinità sul monte Parnaso!"

Ambizioso, il ragazzo.

A: "E infine, i Campioni. Gli Extreme Idols, gli idoli estremi. Questa ostentazione di essere diversi, di rappresentare ciò che è di più estremo qui, è soltanto una MENZOGNA! Perchè nella Whole Fuckin' Show non è chi si richiama al verbo del sangue e dell'hardcore a distinguersi... Ma chi esalta l'Arte, la Perfezione, la Tecnica! Questa volta... Questa volta imporremo il nostro volere. E saremo NOI i NUOVI Campioni del Mondo. Così parlò... Il Parnaso!

I Pink Floyd tornano a farsi sentire e i due del Parnaso si avviano verso il backstage...
Riusciranno nel loro intento?


[align=center][utube]http://www.youtube.com/watch?v=zI432pmpbvs[/utube][/align]
Backstage. La telecamera inquadra Calvin Donovan ed Aaron Lahart seduti davanti all'obbiettivo, il primo a predere la parola è Donovan.

CD: Nessuno, NESSUNO può permettersi di fingersi Calvin Donovan e percularmi davanti a tutti senza poi non essere ringraziato con una scarica di legnate. La settimana scorsa i Gallaghers hanno firmato la loro condanna a morte. Ridicolizzandoci così hanno fatto intendere di voler confrontarsi con noi. Si credono migliori.

Donovan sorride.

CD: Peccato che loro non sono migliori. Sono semplicemente due sempliciotti, mentecatti con manie di grandezza. Su quel ring, là fuori, voi non siete nulla. Piccoli esserini che strisciano per terra e che presto verranno schiacciati. Per ora siamo costretti a lasciare la nostra strada principale che ci porterà ai titoli e fare una piccola deviazione. Una deviazione che porterà i Gallaghers a subire le conseguenze del loro comportamento. La settimana scorsa abbiamo deciso di mostrargli un piccolo assaggio di quello che li aspetta. Ma credetemi, è solamente l'inizio.

Lahart inizia a parlare.

Calvin si è già sprecato troppo, perché voi siete pattume. Lo scarto dei bassifondi del Pro Wrestling, risorti dall'oscurità per attentare alla salute dei nostri testicoli, sì, ma non valete nulla, e al nulla tornerete.

Basta. Non c'è altro da dire. No digressioni, no analisi approfondite, nessun virtuosismo oratorio.

Vi prenderemo a schiaffi ininterrottamente e senza pietà da una campana all'altra e poi ce ne andremo, come se niente fosse successo, mentre voi rotolerete nella vergogna.

Non vi meritate neanche una catchprase.

Vaffanculo.

Dito medio. Manata alla telecamera.

Camera Fades.


[align=center]Posted Image[/align]
La linea va nel backstage e davanti alla telecamera c'è Simon Steed, l'ex Stuntman è già pronto per il match e si tira in basso un labbro mostrandolo mentre cerca di parlare senza sbiascicare troppo.

Steed: "Sono qui per far vedere a tutti cosa mi ha fatto Kurt Hammer, questo, se si può vedere bene..."

Primo piano sul labbro di Steed... Che sembra non avere niente al labbro.

Steed: "Queste sono le conseguenze della nostra scazzottata di settimana scorsa qui nel backstage, vedete? Vedete? NIENTE! Niente di spaccato e nemmeno un po' gonfio! Questo è per farvi vedere che razza di persona è Kurt Hammer!"

Simon Steed lascia perdere il labbro e inizia a parlare normalmente.

Steed: "Kurt! Non vali niente, ti sfido ad una rissa, cerco di portare lo scontro sul tuo campo preferito, ma mi fai andare via senza un graffio, senza un livido... Patetico.
Pensi di essere un duro perchè hai 'fatto fuori' Dylan McZax?!? Bullshit! Quel relitto è in giro da più anni della tua theme song porca troia! E' ASW Material o come io amo definire quelli come lui: 'Così tenero che si spezza con una sedia'."

Piccola pausa, con il californiano che come sempre gesticola senza senso.

Steed: "Vuoi una dimostrazione di quello che ti dico? Guarda il mio compagno di questa sera, David Barriage, ha sfidato te, F'n Pete e tutta la vostra combriccola di ritardati mentali e ne è uscito indenne... Senza un graffio o un labbro gonfio, questo è quello che valete!
Avete fatto solo una cosa alla grande da quando siete tornati sulla scena, Kurt, scegliervi il nome... Bad Habits... C'era chi beveva, chi si drogava, chi scommetteva, chi si prostituiva... E poi ci siete tu e Pete, con la cattiva abitudine di fare figure di merda! That's the truth!"

In un breve momento di riflessione, Steed porta una mano al pizzetto.

Steed: "Ma nonostante tutto, spero tu ti goda il momento stasera, Kurt... Perchè dopo più di 100 Uprising e almeno altrettanti Revolution, oggi combatterai il tuo ultimo match in Inghilterra... Poi il baraccone si sposterà a casa mia, negli Stati Uniti d'America e posso garantirti una cosa: tra tutte le cose che la WFS si porterà indietro sulla tratta transoceanica dopo questa nuova esperienza, non ci saranno i vostri grassi culi!"

Un saluto con la mano, prima di chiudere.

Steed: "Saluta Manchester Kurt... 'Cause That's The End!"

Simon esce dall'inquadratura, la linea torna alla regia.


[align=center]Posted Image[/align]
Cala la noia nel WFS Asylum quando è il momento dell'entrata dei primi contendenti ai Tag Team Titles, il Parnaso, composto da The Artist e Bohemien. I due avanzano fino al ring con il loro solito passo lento e sicuro, fino a quando finalmente raggiungono il quadrato e la loro theme song viene sostituita da quella dei Gallaghers...

Frank: "Ma quelli non sono i Gallaghers?!"
Ian: "Certo che sono loro, si sono solo travestiti di nuovo da Lahart e Donovan!"
Frank: "Ah cazzo, non li avevo riconosciuti!"
Ian: "Beh, stasera hanno persino le parrucche con la pisciata!"


Gli pseudo-TTCHD arrivano sul ring, e finalmente il match può iniziare!

DIN DIN DIN!!!

Phil Gallagher e l'Artista cominceranno questo match... subito clinch! The Artist cerca di sfruttare il vantaggio di stazza, ma Phil gli sguscia via e prova subito un German suplex... no! Ha qualche problema a sollevare Alex... e passa lui in posizione di waist lock... spinge Phil contro le corde, e via subito per un rollup... 

1... 2! 

Subito pericolosi i membri del Parnaso, L'Artista incalza con un'irish whip... ma viene sorpreso da una hurricanrana di Phil! Irish whip, stavolta da parte del maggiore dei fratelli Gallagher... dropk... no! Alex si regge alle corde mandando totalmente a vuoto il tentativo di Gallagher... e gli si lancia subito addosso per un altro rollup... 

1.... 2... NO! 

Charlie interferisce per salvare il suo compagno! Il ref lo rimanda al suo angolo, il Parnaso ne approfitta per darsi il tag... e connettere con un Double Suplex! Bohemien rialza Phil, ormai totalmente in balia dei due... full nelson slam! Lo rialza ancora, nuova full nelson sl... no! E' una full nelson lock! 

E CEDE! PHIL GALLAGHER CEDE!

Ian: "What the hell, sono neanche 3 minuti di match... e Charlie non è nemmeno entrato!"
Frank: "Qualcosa mi dice che i Gallaghers erano molto 'nel personaggio'..."


Bohemien lascia andare Phil Gallagher, che viene raggiunto da Charlie... e i due si rammaricano nel modo più teatrale possibile per la sconfitta...

Parnaso def. The Gallaghers via Tap Out in 2'52"

[align=center]Posted Image[/align]
Backstage.

Shane Hero cammina per i corridoi, manca poco, ormai, al main event della serata in cui lo Straight Edge debutterà nel Two Worlds One Cup Tournament. Ad un certo punto il wrestler di Chicago abbozza un sorrisetto malefico.

SH: "Povera Islanda..."

Chiaro riferimento al suo avversario.

SH: "Debuttare in questo torneo affrontando il rappresentante dell'Illinois, Shane Hero, ovvero il lottatore più quotato per la vittoria finale nel Two Worlds One Cup, è un destino davvero amaro. Dopotutto, qualcuno doveva pur essere sacrificato, qualcuno doveva pur ritrovarsi al primo turno di già contro un avversario invincibile. E questo destino è stato riservato a te, Jonas Johannson, sarai tu a tornartene nella tua patetica federazione con la coda tra le gambe, dopo aver deluso la tua nazione per essere uscito a calci in culo sin dal primo turno!"

Hero annuisce, strofinandosi le mani.

SH: "Sarai ridicolizzato dal lottatore più grande che possa esser mai esistito. Da quanti anni sei in questo business, Jonas? Eppure andando a vedere il tuo palmares, io in un anno e mezzo sono riuscito a conquistare molti più titoli di quanto tu ne abbia conquistati in tutta la tua patetica carriera. E parlando proprio di dati, ho avuto non poche difficoltà nel cercare informazioni sul tuo conto. Mentre Shane Hero è un nome noto a tutti gli uomini del globo terraqueo, tu sei solo un essere patetico destinato a vivere nell'ombra di lottatori dal mio calibro."

Sorrisetto dello Straight Edge, che si ferma.

SH: "E come se non bastasse, nonostante questo torneo non preveda che i lottatori rappresentino le loro rispettive federazioni, bensì i paesi di loro provenienza, sono assolutamente certo che stanotte il pubblico di Manchester non avrà la benché minima intenzione di sgolarsi per appoggiare un islandese idiota proveniente dell'ASW, federazione che sente ancora bruciare il culo per tutti i calci ricevuti nel momento in cui è stata cacciata dal nostro territorio. So...Mentre questo pubblico è pronto per l'ennesima dimostrazione che la WFS non ha rivali, io sono pronto a dimostrare che l'Illinois è destinata a dominare il Two World One Cup Tournament."

Ricomincia a camminare. La telecamera invece rimane ferma e inquadra le spalle dello Straight Edge. Hero, allora, si lascia andare a tre ultime parole.

SH: "End of Story."

CAMERA FADES


[align=center]Posted Image[/align]
Siamo nel backstage in compagnia di David Barriage. La East End Machine, che oggi assieme a Simon Steed affronterà Kurt Hammer e Pistol Pete, è in piedi sorridente davanti all'inquadratura.

DB: "Buonasera animali da cortile! Scommetto che metà di voi è triste per quanto successo questa settimana dalle parti dell'Old Trafford..."

I fans di Manchester accompagnano con dei fischi le parole del londinese.

DB: "Non fischiate me, io vi sto solo dicendo la verità, non sono io quello che ha sbagliato, non sono io quello che tifa la squadra sbagliata di Manchester o quello che ha scelto ed accettato David Moyes come allenatore, siete voi!"

Nuova serie di fischi da parte dei tifosi mentre Barriage sorride contento.

DB: "Vi starete chiedendo il perchè di queste mie parole, beh... c'è una cosa che accomuna Moyes, lo United ed i miei prossimi avversari... il fallimento!!!

Nonostante i proclami Kurt Hammer ha fallito contro di me e ha perso! Come il Manchester ad inizio anno ha disatteso le aspettative e ha deluso i suoi tifosi. Lo ha fatto a Night Of The Scars e continuerà a farlo stasera quando, assieme al suo compagno di merende, verrà travolto da me, la East End Machine...

DAVID BARRIAGE!!"

Il londinese se ne va e la linea torna alla regia.


[align=center]Posted Image[/align]
Melanie Iglesias è nel backstage, davanti alla porta di una changing room chiusa. Con l' espressione un po' imbarazzata sta confabulando alacremente con un tecnico.
MI: “Lo so che lotta nel main event, ma non vuole rilasciare interviste...”
Inserviente: “Ma come ci è finito qui”
E mentre la porta rimane chiusa, i due vengono bruscamente interotti da un' altro tecnico, che li separa passandogli in mezzo. Indossa una tuta da lavoro ed un cappellino abbassato su metà faccia.
Inserviente due: “Vecchio, lo so che sei li dentro, è inutile che continui a fare lo stronzo!”
E bussa sulla porta, mentre la Iglesias lo riconosce e lo lascia parlare.
Ins2: “Dov' eri un anno fa quando c' era bisogno di te?!? Con te al fianco li avremmo spazzati via come niente. Ora guarda cos'è successo a questi jobber; hanno pensato di potersi credere qualcuno, di elevarsi al nostro livello, ed ora ti trovi uno di loro che ti sfida uno contro uno”.
Pum!
Altro pugno sulla porta
Ins2: “Non esci neanche se mi offro di prendere una Bosforeyon, vecchio rincoglionito?”
Il soggetto se la ride.
Ins2: “Io ci son già passato. Non è più tempo di eroi. Proclami di essere colui che ha creato il Mito; beh forse stasera lo farai davvero. Lo so che ai tuoi occhi devi sfidare un bimbominchia che ha appena imparato a camminare sul ring. Ma forse lo siamo stati anche noi ai tempi. E' ora di guardare in faccia alla realtà. Ci son già passato e so cosa si prova a lavorare con questi ragazzi.
Porta fuori quel culo gelido e crea un eroe questa sera. Se hai ancora le palle e non due cubetti di ghiaccio al loro posto, fagli vedere perchè non potranno mai essere quello che sei stato tu, …..ma dagli la possibilità di tentare.”
Si allontana dalla porta mettendosi le mani nei tasconi: “Fa quel che cazzo vuoi, io torno a pulire i cessi”


[align=center]Posted Image[/align]
Siamo nel parcheggio in compagnia di...

“Ho parlato con le ragazze che curano il mio ufficio stampa. Una valanga di email dopo lo show di venerdì scorso, gente che ha chiesto in ogni modo la mia presenza, salottini bene di tv internazionali e nessuno che ha potuto accusarmi di violenza...ha fatto tutto Nene. Io, in fondo, volevo solo il mio match a Wrestlempire”

Si tratta ovviamente di Mehmet Arkin e di Ismail, i due membri del new Turkish order.

M: “Oturk ha dovuto rimangiarsi le sue parole. è un uomo d'affari, non gli interessa come e quando la si fa, a lui interessa solo averla la pubblicità e la terza edizione di Wrestlempire ha avuto la più grande pubblicità che si potesse avere... aspetta Ismail, mi sa che non siamo soli.”

Il volto due turchi si tinge di sorpresa: nei pressi dell'auto di Mehmet qualcuno ha steso Ifrit the Giant!
Il possente gigante del deserto è stato abbattuto, giace per terra privo di sensi.

M: “Cristo sono qua e hanno attaccato Ifrit, occhio Ismail, quei bastardi sono venuti a darci la loro risposta di persona...”

Neanche il tempo di voltarsi che... MEHMET ED ISMAIL VENGONO ATTACCATI ALLE SPALLE!!!
Qualcuno gli atterra a tradimento. Mehmet prova a rialzarsi ma viene nuovamente colpito dietro la schiena.
Uno degli aggressori inizia a parlare.

“Devo solo decidere dove colpire... e poi addio WrestlEmpire, addio Mehmet Arkin.”

È lui: KEMAL!!!
Dopo oltre 6 mesi Kemal torna a Manchester, e non è solo, infatti con lui c'è MUSTAFA! I Dev Adam sono qui, ma la lista non è finita, ci sono anche “Wild Mega-Power” Hun Baldone e nTo Oldwacker, tutti armati con delle mazze da baseball.

K: “A differenza tua, voglio sporcarmi le mani direttamente. A differenza tua non lascerò nessun lavoro a metà. Come vedi qui ci sono fin troppi sopravvissuti alle tue vili bastardate. Troppi errori.”

M: "E tu vorresti sporcarti le mani personalmente usando delle mazze da baseball? Belle parole Kemal. La realtà è che voi non siete errori da cancellare, voi siete il monito di cosa la debolezza può fare a dei vincenti... trasformarli in ombre di se stessi!"

Per tutta risposta Kemal tira un pestone sulla mano di Mehmet!

K: “Parlavi tanto di voler resuscitare i morti. Ma non lo sai, non si disturba il sonno dei defunti. Sei andato troppo oltre, hai voluto esagerare. Tutto questo non ha nulla a che vedere con quello che abbiamo fatto insieme in questi anni. Dominazione globale, onore per la Turchia, nulla di tutto ciò. Mi fa schifo che il tuo nome sia affiancato a quello della MIA Nazione. Avrei potuto chiudere un occhio, hai voluto comandare il new Turkish order tutto da solo, va bene, sarebbero stati i risultati a giudicare il tuo operato.
Ma no, a te non interessa il gruppo, interessa solo Mehmet Arkin.”

M: “E cosa farai quando avrai messo fine a Mehmet Arkin? Cosa farai? Tornerai a fare lo sparring partner per i nuovi tag team che devono essere lanciati? O la guida spirituale che in realtà nasconde un debole al servizio di una ragazzina asiatica viziata? Kemal tu eri un uomo finito, senza nessuna ragione di vita... io ti ho ridato un motivo per essere qua. TI HO DATO UN MOTIVO PER RITORNARE AD ESSERE KEMAL! Ridicolo però come, per far smuovere il tuo culo, ci sia stato il bisogno di quella povera puttana”

K: “CHIUDI IL BECCO!!! Lurido inglese. Tu non sai nemmeno cosa significhi la parola ideale, non sparare stronzate dicendo che combatti per quello in cui credi, perché l'unica cosa in cui credi è te stesso. Adesso sei per terra, e posso vedere la tua vera forma, sei un verme, e non sei degno nemmeno degno di strisciare ai miei piedi.”

Kemal alza la mazza, pronto a colpire Mehmet al collo.

K: “Addio Mehmet, avrai tanto tempo per riflettere steso sul letto.”

Kemal sta per colpire quando... qualcuno lo ferma. Hun Baldone.

B: “Wait, birader figliolo. Non farlo, non qui, non ora. Lui meriterebbe di diventare polvere di jabroni, ma tu non meriti di abbassarti al suo livello. Ma soprattutto non puoi privare il pubblico della Turkish Nation di questo piacere. Rimanda questo justice act...”

Kemal si ferma, si allontana da Mehmet con passo ancora poco sicuro.

K: “Vecchio Hun, non dovrei ascoltarti. Ricordati che quando avrei avuto bisogno di te sei andato via, e devi ancora farti perdonare per questo. Sai cosa voglio da te... la testa del tuo allievo rinnegato Selim.”

Baldone abbassa la testa, Kemal si avvicina ad Ismail tenuto a terra da Mustafa e nTo Oldwacker.

K: “Volete WrestlEmpire? Bene, io voglio il mio tributo di sangue. Vedi Mehmet, vedi cosa hai combinato. Povero Ismail, lui è stato al fianco mio e di Mustafa sin dall'inizio. Una persona fedele, fedele come un cane. Un cane ti sta vicino senza farsi delle domande, purtroppo però quando un cane ti morde... sei costretto ad abbatterlo. Mi spiace Ismail, mi spiace davvero.”

Kemal dice qualcosa in turco ed immediatamente i due storcono il braccio di Ismail offrendo il gomito a Kemal.

K: “Arkin è tempo di trovarti un nuovo autista...”

CRACK! Colpo secco, urlo smorzato di Ismail, il quale viene lasciato cadere a terra.
In un silenzio quasi irreale il gruppo si allontana, mentre Ismail quasi piange a terra, Mehmet si rialza.

M: “Kemal, ti senti così superiore ma quanto ti riguarderai indietro vedrai che non sei tanto diverso da me. Guardati Kemal, hai colpito un tuo vecchio alleato... guardati dove ti sto portando Kemal, GUARDATI! SE QUESTO NON PUO' ESSERE IL MIO NEW TURKISH ORDER ALLORA SARO' IO A SPINGERE TE STESSO A DISTRUGGERE LA TUA CREATURA KEMAL!”

CAMERA FADES


[align=center]Posted Image[/align]
Il primo tag team ad entrare per questo secondo match è la coppia composta da Kurt Hammer e Smoking Pete, i due fischiati dall'Asylum si portano sul ring in attesa degli avversari, che senza farsi attendere troppo si presentano con ben altra accoglienza all'arena, un cenno di intesa tra Simon Steed e David Barriage e i due si lanciano di corsa verso il ring, passano sotto la corda più bassa e vanno subito all'attacco degli avversari! Il referee fa suona la campanella e il match è già iniziato!

Ian: "Quanta bella ignoranza in un solo ring!"
Frank: "Quando ho visto la card mi chiedevo perchè un team composto da Steed e Barriage, ma ora capisco..."
Ian: "Qui si sta cercando di raggiungere un nuovo record da aggiungere nel Guinness..."
Frank: "Categoria Maggior ignoranza in un solo tag team match!"


Hammer e Pete sembrano riuscire subito ad avere la meglio degli avversari e li buttano fuori dal ring a suon di pugni e manate, Barriage però reagisce immediatamente e si libera di Pete, dalle parti opposte del quadrato, come se si fossero messi d'accordo, Hammer lancia Steed e Barriage lancia Pete, entrambi contro le transenne!
Barriage continua l'opera bloccando Pete e sbattendolo di schiena contro l'apron, mentre Hammer ha deciso di riportare Steed sul ring e di portarlo all'angolo, ancora dei pugni e spallate da parte dell'Hooligan... Che poi subisce il ritorno di David Barriage! La East End Machine colpisce più volte Hammer alla schiena, poi lui e Steed prendono ognuno da un braccio l'Hooligan e lo lanciano all'angolo opposto! Barriage si abbassa davanti ad Hammer e Steed parte in corsa, sfrutta il compagno come trampolino e Running Spinning Kick al paletto! Hammer barcolla verso il centro del ring... E Barriage lo stende con un Lariat!!! Schienamento!

One... Two... Thrnooo!!! Smoking Pete interrompe il pin lampo!

Il referee finalmente approfitta dell'attimo di tregua per ricacciare all'angolo gli uomini ritenuti non legali, Simon Steed e Smoking Pete e il match può riprendere con Barriage e Hammer sul quadrato.
Barriage rialza Kurt Hammer e riprende a colpirlo con i suoi pugni, inutili i richiami arbitrali e David prende un passo di rincorsa, per una Clothesline... Evitata! Hammer passa sotto il braccio dell'avversario e lo solleva... Backdrop Suplex e cambio per Smoking Pete!

Barriage si rialza, ma viene investito dalla carica di Pete Martins! Scarica di pugni, poi un Irish Whip, rimbalzo di Barriage e Back Elbow Smash di Smoking Pete! Steed prova ad intervenire, ma Pete lo anticipa con un Toe Kick e poi lo lancia fuori dal ring tra seconda e terza corda, a provare ad approfittare del momento è Barriage che si lancia in corsa contro Pete... Ma viene bloccato al volo! Powerslam!!! Seguita dal pin!

One... Two... Thno! Right Shoulder Up al 2!

Smoking Pete non si scoraggia e aspetta che Barriage si rialzi per proseguire nel suo ottimo momento, quindi prende la rincorsa contro le corde... E Simon Steed gli tira i piedi dall'esterno del quadrato! Smoking Pete cade di faccia sul quadrato e Barriage conclude l'opera con un Elbow Drop!
Barriage rialza Pete e lo porta all'angolo da Simon Steed, cambio e doppio Irish Whip... Seguito da un Doppio Flapjack!!! Schienamento di Steed!

One... Two... Tsolo 2! Pete kicks out!

Simon Steed ora sembra voler accelerare le cose, sale sul paletto e aspetta che Smoking Pete si rialzi, per poi lanciarsi... Ed essere travolto da una Clothesline al volo di Pete! Smoking Pete ora cerca di raggiungere Hammer, ma Steed è più vicino e veloce di lui e raggiunge Barriage, cambio e Low Dropkick al volto di Pete, bloccato a pochi centimetri da Kurt Hammer!

Frank: "Un'ottima prova finora di Pete, comunque..."
Ian: "Non l'avrei mai detto, deve esserci qualcosa a caricarlo particolarmente."
Frank: "Il viagra."
Ian: "Io pensavo a motivazioni personali contro quei due, ma il viagra ha comunque senso..."


Incurante dei farmaci da lui usati, Barriage infierisce su Pete con una lunga serie di Stomp, poi lo rialza e connette un Vertical Suplex! Barriage rinuncia alla chance di schienamento e preferisce sollevare subito l'avversario per la Green Light! Diamond Cutter... NO! Pete spinge via Barriage, rimbalzo contro le corde e Big Boot di Pete!!!
Smoking Pete stende Barriage e raggiunge lentamente Hammer per il cambio, che nello stesso momento la East End Machine riesce a dare a Steed!

Hammer e Steed si accorgono dell'accaduto e si lanciano uno contro l'altro a centro ring in uno scambio di calci e pugni! Hammer ha la meglio e lancia Steed fuori dal ring, l'ex Stuntman si aggrappa alle corde per evitare di cadere fuori dal quadrato, ma Hammer non se ne accorge, distratto dall'attacco illegale di Barriage... Che Hammer riesce comunque a respingere con un Flapjack contro la corda più alta!
Intanto però Steed si riporta sul ring e parte di corsa verso Hammer, Clothesline dell'Hooligan, evitata! Altro rimbalzo di Steed e... Back Body Drop!!! Back Body Drop altissimo di Kurt Hammer con conseguente pessima caduta di Steed! C'è lo schienamento!!!

One... Two... Thno! Steed kicks out!!!

Hammer guarda Storto l'arbitro, ma non vuole perdere tempo! Rialza Simon Steed e se lo carica sulle spalle, per poi portarlo davanti a Smoking Pete! Cambio tra i due e non senza fatica, Martins sale sulla corda più alta... per poi connettere la loro versione della Doomsday Device!!! Schienamento di Pete su Steed!!!

One... Two... Three!!! NOOOO!!! Barriage interviene con un Double Axe Handle!!!

Il referee rimanda David Barriage al suo angolo, ma l'intervento è stato comunque decisivo, lentamente ora Smoking Pete si rialza aiutandosi con le corde, mentre Steed striscia verso il paletto e dà il cambio a Barriage!

La East End Machine corre verso Pete, che però evita la Clothesline e blocca Barriage alle spalle... Per poi connettere la Damned Cigarette!!! Smoking Pete stende David Barriage e ora chiama la Lucky Strike!
Steed capisce che è il momento di intervenire e si fionda sul ring... NO! Kurt Hammer l'ha raggiunto e lo tira giù dall'apron! per poi sbatterlo violentemente contro i gradoni!

Nel frattempo Smoking Pete rialza David Barriage e Lucky Strike!!! NOOO!!! Barriage lo spinge via! Pete torna alla carica... E Barriage lo stende con un Leg Sweep!!! Per poi chiudere la East End!!! Crossface di David Barriage che blocca Smoking Pete a centro ring!!!

Hammer torna sul quadrato passando sotto la prima corsa, ma Simon Steed lo blocca tenendogli una gamba!!! Hammer prova a scalciare per liberarsi, ma ora il californiano è in piedi e lo tira fuori dal ring! I due riprendono la scazzottata che non hanno praticamente mai interrotto da settimana scorsa!

Pete sul quadrato cerca di allungare le braccia in tutte le direzioni alla ricerca di una corda che non troverà mai... E cede alla morsa di David Barriage e agli effetti sui polmoni del tabagismo!!!!! Smoking Pete cede intrappolato nella East End di David Barriage, che si porta a casa la vittoria!!!

Ian: "Che fregatura per Pete e Hammer, avevano fatto tutto abbastanza bene..."
Frank: "Ma sai... Ora come ora non mi pare gliene freghi granchè..."


Incurante del risultato del match infatti, lo scontro tra Hammer e Steed prosegue, i due ora sono passati oltre le transenne che dividono i lottatori dalla folla e se le stanno dando tra il pubblico, ancora calci, pugni e lanci contro i muri dell'Asylum, che evidentemente i due vogliono salutare al meglio prima della partenza per l'America.
I due scompaiono impegnati nel loro scontro e finalmente nell'Asylum può risuonare I Stand Alone, con David Barriage che festeggia sul paletto la sua vittoria!

David Barriage & Simon Steed def. “The Hooligan” Kurt Hammer & Smoking Pete via East End in 9’12”

[align=center]Posted Image[/align]
Mentre un promo ci ricorda che settimana prossima la WFS sbarcherà negli States, un uomo fa il suo ingresso sotto il titantrone: è Travis Pain.

Il pubblico nota la presenza nonostante l'Insane One non venga annunciato come sempre da Here Comes The Pain.

WTF?!?

Pain è vestito in giacca e cravatta, un'attire molto inusuale per l'Insane One. Il californiano ha in mano un microfono.


"Please, un attimo di attenzione"

Pain cattura l'attenzione del pubblico. Il suo comportamento pacato terrorizza quasi di più del suo classico comportamento.


"Please, volevo rivolgere due parole all'uomo immagine della WFS, all'Icon per eccellenza, al portavoce dei piani alti e braccio destro di John Tee: Nathan Storm"

"Seriamente Nate, per quanto vuoi andare avanti? Per quanto vuoi ignorarmi dopo quello che ti ho fatto a Night of the Scars? Pensi di poter sviare la cosa ancora per molto? Pensi di riuscire a mantenere il distacco ora che rivesti evidentemente un ruolo autoassegnato come Authority? Serimante Nate, pensi che questa pantomima possa andare avanti per molto? LO PENSI VERAMENTE? NATHAN ESCI E AFFRONTAMI DA UOMO CAZZO, ESCI E VIENI QUA CHE TI SPEZZO LA SPINA DORSALE UNA VOLTA PER TUTTE!"

Pain si volta verso il backstage, butta la giacca a terra e si strappa la camicia. Pain si mette in posizione di guardia ma da Backstage non arriva nessuno.

"SEI UN CODARDO NATHAN! Vuoi fare l'authority? Vuoi fare il Gm? Allora ti darò la possibilità di farlo per sempre. Ti spaccherò il collo, ti metterò le mani addosso, ti renderò un vegetale e ti dovrai ritirare. Si hai sentito bene, ti obbligherò a ritirarti per sempre e potrai dirigere questa federazione su una sedia a rotelle! METTERO' FINE ALLA TUA PATETICA CARRIERA NATHAN STORM, ora è una questione personale. NESSUNO PUO' IGNORARE TRAVIS PAIN!!!! Distruggerò ogni ossa del tuo corpo e ti farò il più grosso regalo della tua vita: ti ritirerò come wrestler in quanto sono oramai 2 anni che non sei più un lottatore."

Pain porta il polso all'orecchio come se stesse ascoltando un immaginario orologio.

"Tic, toc, tic, toc, la fine della tua carriera sta arrivando Nate. Tic, toc, tic, toc: THE END IS NEAR!"

Pain se ne ritorna nel backstage mentre la linea ritorno a Ian e Frank.


[align=center]Posted Image[/align]
PARKING LOT

Nel parcheggio riservato agli addetti ai lavori, una zona mal illuminata coi muri di un verde militare spento, anneriti dallo smog o scolorati da macchie di muffa, l’unico rumore che sentiamo sono gli sportivi stivaletti Dr. Martens di Kenny McZax che colpiscono il suolo con una cadenza ritmica.

L’Albionic Panther, in jeans ed un giubbotto di pelle da motociclista, avanza tra i veicoli, per andare a recuperare la sua Ducati Monster 696. Tra le labbra, una sigaretta spenta. Kenny raggiunge la motocicletta e sale in sella, quando nota, poco distante, nella penombra, un’altra figura.

Kenny si leva la sigaretta dalle labbra, e sorride.

KMZ: “Questa cosa dovrebbe essere… un’imboscata?”

La figura resta ferma nella penombra. Adagiata contro un muro, con le braccia incrociate sul petto. Indossa una felpa con cappuccio, il cappuccio calato sulla fronte gli nasconde il viso, già quasi totalmente avvolto nella penombra. Ma i colori bianco-celesti della felpa, la stazza… il modo stesso in cui sta poggiato contro il muro, con un piede contro i mattoni, ci fanno riconoscere Magnus Borg nella figura immersa nella penombra.

MB: “Se fosse stato un assalto… non te ne saresti accorto finchè non ti avrei attaccato.”

Kenny ascolta l’ex-teammate e fatica a trattenere una risata.

KMZ: “Quindi…? Se non vuoi attaccarmi… cosa? Ti prego, dimmi che non è una di quelle occasioni in cui mi chiedi il perché ho fatto quello che ho fatto… Please, dude. Evitiamoci quella parte patetica, OK? Sappiamo entrambi il perché, sappiamo entrambi che non c’era altro modo. E sappiamo entrambi come andrà a finire questa storia. O almeno… io lo so, ma ti concedo la possibilità di sperare che vada in maniera diversa. Magari puoi lasciare la Federazione, prima che io metta fine alla tua carriera sul ring.”

Borg non si smuove dalla sua posizione. Risponde dopo diversi secondi di silenzio.

MB: “Non ti chiederò il perché. Non sono venuto a chiederti nulla. Io e te… siamo stati fratelli…”

Kenny interrompe Magnus.

KMZ: “Si, anche Caino e Abele lo erano.”

MB: “… ma adesso non lo siamo più. Il tempo delle chiacchiere è terminato.”

Kenny sbuffa.

KMZ: “Non vuoi attaccarmi. Non vuoi parlare. OK, ho capito. Vuoi solo perdere tempo. Sai che ti dico, M.? Che per stasera passo.”

Il Mancunian Wildcat si infila il casco ed accende il motore della sua Ducati.

MB: “Non eri stato tu a dire di volerti vendicare di me, Kenny? Come on… dov’è la tua Vendetta?”

Kenny da gas sul posto alla sua motocicletta.

KMZ: “It’s not the time, boy. U.S. are waiting for US.”

Così dicendo, Kenny gira la moto…e da gas per andarsene. Purtroppo per lui non riesce a percorrere neanche cinque metri…. Perché, sebbene McZax non se ne fosse accorto, la ruota posteriore della motocicletta aveva una catena legata a sé. Una catena fissata ad un pesante argano nascosto nell’ombra. Quando Kenny è partito, la catena si è sciolta per qualche metro per poi, totalmente distesa, arrestare di botto la corsa della motocicletta. Kenny viene sbalzato in avanti, volando per poi atterrare con un tonfo pesante sul cofano anteriore di un SUV. Da lì, scivola sul cemento, gemendo per la pesante botta.

Magnus esce dalla penombra e va incontro all’amico.

MB: “E’ sempre stato un tuo errore Kenny. Partire sparato, con troppa foga…senza studiare bene la situazione. E senza pensare alle conseguenze.”

Strisciando sui gomiti, Kenny si ritrova ai piedi dell’ex-amico che l’ha ormai raggiunto. Magnus, sempre col cappuccio calato sulla testa, lo fissa freddamente.

MB: “Comunque concordo con te. Regoleremo le nostre… divergenze negli States. Quale migliore cornice di… ANARCHY?”

Magnus lancia la sfida… mentre Kenny si aggrappa alle sue ginocchia nel tentativo di tirarsi su, dolorante per il tremendo volo fatto poco fa. Un breve sorriso fa capolino sul volto di Magnus.

MB: “Ah… dimenticavo Kenny: prima stavo mentendo. Questo E’ un attacco.”

Magnus afferra Kenny per il casco… e lo colpisce, sotto al mento, con un tremendo Rising Knee Strike. Kenny ricade all’indietro, schiena al suolo e braccia aperte, mentre Magnus si allontana dal parcheggio, con le mani infilate nelle tasche dei jeans.

CAMERA FADES


[align=center]Posted Image[/align]
Frank: “Ed è l’ora del Main Event! La WFS ospita un match del 2 Worlds 1 Cup Tournament in cui l’atleta di casa Shane Hero se la vedrà contro una leggenda del ring, il wrestler un tempo conosciuto come Guardian… Jonas Johansson!”
Ian: “Quanta pompa per un vecchio decrepito…”
Frank: “Dai Ian, Johansson ha fatto la storia del wrestling e senza di lui probabilmente non ci sarebbero molti dei nomi che attualmente occupano i Main Event delle varie federazioni…”
Ian: “Il problema non è quello che ha fatto da giovane… Il problema è che lotta ancora!”


Ma andiamo con gli ingressi! Risuona la cover degli Aston di “Knights of Cydonia” ed è Jonas Johansson a farsi strada verso il ring! Il pubblico dell’Asylum tributa il giusto applauso alla leggenda del ring ma c’è anche una buona parte di pubblico che lo fischia, sperando nell’avanzamento del torneo del wrestler di casa! Quindi parte “Captain Straight Edge” degli International Super Heroes of Hardcore ed è Shane Hero che raggiunge il ring con la reazione opposta rispetto a quella ricevuta dall’ex-Guardian: tanti fischi ma anche qualche coro d’incitamento da parte dei WFS proud supporters! E’ tutto pronto per il match, l’arbitro ricorda a Guardian che, essendo in WFS, questo incontro si svolgerà con le Extreme Rules… E quindi possiamo iniziare!

DIN DIN DIN!!!

Johansson parte subito all’attacco, ma Hero evita l’avanzata dell’avversario e gli passa alle spalle colpendolo con dei calci alle gambe! Johansson inizialmente subisce ma poi spinge via Hero all’angolo e lo carica nuovamente! NO! Ancora una volta Shane evita Johannson e lo colpisce alle spalle con dei Forearm Smash alla nuca! Hero sa di essere fisicamente in svantaggio e evita lo scontro diretto con Johansson, quindi lo trascina a centro ring… Ma l’ex-Guardian si libera ancora e colpisce Hero con un Lariat out of nowhere! Hero crolla gambe all’aria, ma Johansson lo risolleva subito e lo lancia alle corde con un’Irish Whip! Back Body Drop sul ritorno! Hero crolla a terra per rialzarsi subito… Ma c’è il Big Boot dell’islandese che lo manda nuovamente gambe all’aria seguito da un tentativo di pin! One, two and NO! Hero kicks out!

Johansson non si scompone, solleva il suo avversario e lo stordisce con alcuni pugni al volto, quindi va a segno con un’Irish Whip all’angolo! OUCH! Hero rimane dolorante appoggiato ai sostegni del turnbuckle… E l’ex-Guardian lo carica con un’Avalanche! NO!!! Hero si sposta! Brutto impatto per l’islandese che barcolla all’indietro… Inverted DDT! A segno! Hero non perde un secondo e sale sulla terza corda… DIVING KNEE DROP!!! Impatto devastante sulla testa di Johansson che ora subisce anche il pin! 1…2…NO!!! Anche Johansson resiste! Hero però non demorde e comincia subito a riempire Johannson di Stomp per fiaccare la sua resistenza… Hero si concentra principalmente sulle gambe… PERCHE’ ORA INTRAPPOLA L’AVVERSARIO IN UNA FIGURE 4 LEGLOCK!!!

Johansson soffre ma non vuole cedere e lentamente, facendo forza sulle sue braccia possenti, si trascina all’indietro verso le corde… E CE LA FA!!! JONAS JOHANSSON TOCCA LE CORDE!!! Hero tuttavia non molla la presa e l’arbitro è costretto a contare fino a quattro prima che lo straight edge sciolga la sua Leglock! Hero si sorbisce la ramanzina del referee senza prestarvi eccessiva attenzione, il suo obiettivo è Johansson che si sta rialzando… E ora Shane parte con uno Yakuza Kick! NO! Johansson si abbassa e Hero finisce a cavalcioni sulla terza corda! THAT HURTS! Johansson decide di sfruttare il momento e comincia a far fare su e giù alla terza corda per il divertimento dell’Asylum e il dolore del povero Hero… Quando l’ex-Guardian finisce Hero crolla a terra tenendosi i gioielli di famiglia, ma l’islandese non ha pietà, solleva l’avversario… WRATH! A SEGNO!!! E ora c’è il pin! 1…2…NO!!! Hero resiste!

Ian: “Sai chi mi ricorda Johansson con queste movenze?”
Frank: “No, chi?”
Ian: “Ultimate Warrior di adesso…”
Frank: “Ma è morto!”
Ian: “Appunto!”


Guardian sembra comunque essere in controllo del match e attende che Hero si risollevi per colpirlo con un Toe Kick e lanciarlo con un’Irish Whip alle corde! E sul ritorno… NULLA! Hero si trattiene alle corde e evita il rimbalzo… Johansson allora lo carica! Ma Hero si abbassa e tira giù la terza corda, facendo crollare Johansson fuori dal ring! Mossa astuta di Hero che ora attende che l’islandese si rialzi… E CONNETTE CON UNA SUICIDE DIVE!!! Fantastico!!! Johansson impatta all’indietro contro le transenne e Hero si rialza subito iniziando a riempirlo di Stomp al petto! Quindi va a prendere una sedia e quando l’ex-Guardian si rialza… SBAM!!! Chair Shot in piena fronte! Johansson barcolla ma non crolla e allora parte il secondo Chair Shot! MA JOHANSSON RESTA ANCORA IN PIEDI!!! E allora SBAM! Terzo Chair Shot e l’islandese finisce nel mondo dei sogni! Hero non indugia un solo istante e lancia il wrestler dell’ASW all’interno del ring per poi provare un pin!

1!!!
2!!!
3NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!! Per pochissimo!

Hero si dispera e inizia a battibeccare con l’arbitro, ma questo non fa che favorire la ripresa di Jonas Johansson che lentamente si rialza e va ad abbrancare Shane Hero… Che lo anticipa con un Eye Poke! L’ex-Guardian si porta le mani al volto… E Hero lo colpisce con un Greatest Kick out of nowhere! Il wrestler ASW finisce all’angolo dove Hero lo fa vittima di uno Splash! L’islandese barcolla in avanti mentre Hero va sull’apron… E connette con uno Springboard Flying Forearm Smash! Hero è in controllo e si prepara ora a chiudere il match… E’ TUTTO PRONTO PER LA END OF STORY!!!

HERE IT COOOOOOOOOOOOOOOMES!!!

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!

Johansson unisce le mani… E SCHIANTA SHANE HERO A TERRA CON UNA FLAMESWORD DEVASTANTE PRIMA CHE QUESTI POSSA ANDARE A SEGNO CON LA SUA SPEAR!!! OUCH!!! Hero stramazza al suolo e rimane a terra! Johansson non attende un solo istante… E LO CHIUDE NELLA GEYSERLOCK! Le corde però sono molto vicine e Hero riesce ad allungarsi e a toccarle… L’ex-Guardian però ripaga l’avversario della sua stessa monete e non molla la presa! Ancora una volta è l’arbitro a dover intervenire e solo dopo il conto di 4 Johansson molla la presa… L’islandese non prende bene la ramanzina dell’arbitro, protestando e dicendo di aver fatto solo quello che Hero aveva fatto precedentemente a lui, quindi decide di tornare sul suo avversario… Che lo afferra per i pantaloni e lo tira facendolo finire contro la seconda corda! OUCH! Hero si rialza subito e si dà lo slancio alle corde… Leapfrog Body Guillotine dello straight edge! Johansson va a tappeto… E HERO LO INTRAPPOLA NELLA HERO GOLD EDITION!!!

Frank: “Dopo un inizio fisico, l’incontro ha preso una piega molto tecnica!”
Ian: “Ci credo, Johansson ha finito l’autonomia e ora può solo fare mat wrestling da fermo!”
Frank: “Dovresti smetterla di parlare male solo del wrestler dell’ASW…”
Ian: “Hai ragione, scusa… Shaneherofigliodiputtana! Adesso torniamo a parlare male di Johansson!”
Frank: “…”


Johansson soffre terribilmente ma non vuole cedere, eppure la presa di Hero è una morsa d’acciaio che non può essere aperta! Il wrestler dell’ASW si dimena… E ALLA FINE RIESCE A TOCCARE LE CORDE CON LA GAMBA!!! Stranamente Hero molla subito la presa… Ma lo fa solo per colpire all’istante Johansson con un calcio alla tempia! E ORA TENTA DI CHIUDERE LA HEROBREAK!!! OH MY!!! Hero armeggia con le gambe di Johansson ma questi si riprende e lo scalcia via! Il wrestler di Chicago però non demorde e si lancia subito all’attacco… Ma Johansson lo anticipa con un pugno al basso ventre! OUCH! Johansson spezza il fiato di Shane Hero… E POI SE LO CARICA SULLE SPALLE!!! OH MY GOODNESS!!! LO HA INTRAPPOLATO NELLA THE LOCK!!! Si mette molto male per Shane Hero! Il wrestler di casa soffre terribilmente, ma non accenna a cedere… Tuttavia è impossibile uscire dalla presa dell’islandese…

Frank: “Ma che succede?!?”
Ian: “Chi cazzo sono quei 3 che hanno scavalcato le transenne dal pubblico??”
Frank: “Hanno un che di familiare… Fammi vedere bene…”
Ian: “Non saranno mica quei tre trans che ho mandato ieri nel camerino di Max Cou…”
Frank: “NO! OH MY GAWD! Sono Rob Remington, Hirohito Sagayami e Ricky Fujinami!!!”
Ian: “Chi?”
Frank: “Oh non di nuovo, Ian! Hai fatto la stessa cosa la scorsa settimana con Cougar… Apri il tuo tablet e cercati chi sono!”
Ian: “Dai che lo so che sono altri tre vecchiacci del cazzo!”


Remington sale sul ring mentre Sagayami e Fujinami si armano con sedie e kendo stick! Remington colpisce Guardian con un Chop Block da dietro che lo manda a terra interrompendo la sottomissione su Hero, quindi si fa passare una sedia dai suoi compari della Last Revolution… E INIZIA IL MASSACRO AI DANNI DI JOHANSSON!!! IL TRIO STA COLPENDO SENZA REMORE L’EX-GUARDIAN A SUON DI COLPI DI SEDIA E DI BASTONE!!! L’arbitro vorrebbe intervenire, ma per la sua incolumità resta a debita distanza e dopo un paio di minuti abbondanti, il trio lascia Johansson esanime a centro ring per poi abbandonare il ring e scomparire in mezzo al pubblico che un po’ lo fischia per il vile attacco e un po’ lo applaude perché vede la possibilità che il wrestler della WFS, Shane Hero, possa capitalizzare l’occasione e vincere il match…

Hero infatti si sta rialzando e ha recuperato dalla The Lock in cui era stato precedentemente intrappolato… Incredibilmente anche Johansson riesce lentamente a riportarsi in piedi, ma ormai è tutto finito.

END.
OF.
STORY.

A SEGNO!!!

Johansson crolla a terra nello stesso punto in cui l’avevano lasciato quelli della Last Revolution e Hero prova il pin!

1!!!
2!!!
3!!!

Shane Hero passa il turno ed accede al Round 2 del 2 Worlds 1 Cup Tournament!

Shane Hero def. Jonas Johansson via End of Story in 18’44”

Frank: “Perché la Last Revolution ha attaccato Jonas Johansson? Come hanno fatto a introdursi nell’Asylum?”
Ian: “Ti fai troppe domande, Frank… L’importante è che quello stronzo di Hero porti avanti il nome della WFS, punto e basta.”
Frank: “Ma…”
Ian: “Ma niente! Ci vediamo la prossima settimana… WFS GOES TO THE UNITED STATES!!!”


Offline Profile Quote Post Goto Top
 
Frog Splash
Member Avatar
Napoli Fogna d'Italia
Commenti sparsi.

I Badundu fanno un promo breve e semplice, che sembra mooolto approssimato... In realtà questo loro stile mi piace molto, perchè li rende riconoscibili e distinguibili. Non avranno mai la possibilità di cadere nell'anonimato. Bravi.

Steed tira fuori un'idea originale e ci costruisce un bel promo. Bravo anche lui.

Hero nella norma, niente di eccezionale, sarà che a me il personaggio non piace proprio...

Barriage da apprezzare solo per il tentativo di sfruttare un'idea originale, ma poteva impegnarsi di più.

Johansson da... Boh?

nTo geniale nel tenere viva una faida che si concretizzerà fuori da qui. Sono le cose che fan capire perchè Ivan è la divinità delle e-fed...

...Insieme al promo di Pain. La rivalità Pain-Storm, nonostante i due non si tocchino, è una delle cose più interessanti viste qui.

Un po' meno interessante quella fra Borg e McZax, l'idea della moto è caruccia ma è una faida da opening/midcarding, alla fin fine.


In sostanza puntata che serve a Hero per rafforzare il suo status sconfiggendo una leggenda dell'e-fed, pesano un po' le assenze di Raven e Blaze ma continuano a delinearsi le varie faide che porteranno ad Anarchy, puntata non eccellente ma buona nel suo complesso.
Posted Image

Posted Image

Ciao Eddie...
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
The Special Uan
Member Avatar
The Good
Frog Splash,26 April 2014
10:47
nTo geniale nel tenere viva una faida che si concretizzerà fuori da qui. Sono le cose che fan capire perchè Ivan è la divinità delle e-fed...


no ma che


i complimenti vanno solo a Giovanni. Io mi limito a rendere Mimmo sempre più odioso con le parole.
ME DOVEDE DA LI SORDI, QUELLI GROSSI, BIG MONEY I BIG MONEY, I WANT BIG MONEY
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
Seifer
La "Concorrenza"
- Si parte con un promo molto classico dei Parnaso. Nulla di eclatante, ma un promo che ci sta anche se "televisivamente" non l'avrei visto molto come opener.

- I Badundu meno brillanti delle altre volte ma non per questo negativi. Certo che se si usasse la stessa formattazione del testo per i dialoghi, almeno nello stesso promo, sarebbe meglio.

- Steed dovrebbe feudare con Hammer, però una volta nomina Stuart, una volta Dylan McZax...gente che manco sta in WFS peraltro e che non se lo incul(erà)a di striscio. Sta messo così male che per richiamare un po' di heat serve tirare in ballo gente di altre Fed?

- Beh, una simpatica trovata per risparmiarsi un writing dai. :D

- Quanta cockiness. Hero non male ma in merito al torneo ho visto, fin'ora, promo migliori. Di certo, molto meglio del suo avversario (shame on him).

- Cheap-pop per Barriage ma servono anche promo di questo tipo per mantenere...contatto con la realtà.

- Ma chi è questo? Cougar? Promo meraviglioso comunque. Mi è scesa una lacrimuccia.

- Tanta violenza in questo promo. Non mi aspettavo un'escalation così rapida per questo feud.

- Un buon match, mi è piaciuto.

- Non me ne volete, ma a me stò feud tra Pain e Storm non dice niente. Sono sicuro che cambierò idea durante la tournè americana, ma per adesso very boring.

- Roba mia, perchè sarà pure un feud onanistico ma se mi mettete in card ad Anarchy devo pure fare in modo che se lo meritino no? :D

- Il match con più rotture di coglioni tra quelli bookati al primo turno è stato anche uno dei più piacevoli da leggere, quindi ringrazio il writer (se non erro, Francesco) perchè ha fatto davvero un lavoro che va oltre gli standard settimanali della WFS dove vige la regola "sticazzitantoimatchlileggonosolofraeseifer".
La vita è un varieté
e 'o cazz è cumm 'o rré
e io ca so' guaglione,
t'o ronco 'stu bastone sott' 'a luna
puttana comm'a ttè.

(O' tiempo se ne va - Squallor)
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
Red Revolution Raven
Member Avatar
The Ugly
Due righe al volo prima che vada online il nuovo Up:

Ottima la situazione dei tag con il Parnaso e i Badundu (condivido la richiesta di Danilo di omologare la formattazione) in grandissimo spolvero; con un maggiore impegno da parte di Paco e Tommy potremmo andare alla grande.

Avrei voluto vedere un promo di coppia di Barriage e Steed ma i risultati singoli sono comunque lodevoli; tra l'altro Barriage parla del Manchester e di Moyes, ma considerato che l'avversario era uno della Kop, avrebbe potuto lanciare anche qualche frecciatina sul Liverpool (anche se ultimamente c'è poco da dire ai Reds).

Meglio un promo degli inservienti che un promo di Johansson. Tra l'altro ringrazio Danilo per i complimenti, il ME l'ho scritto io ma se avessi saputo che Zambarda manco promava non mi ci sarei sprecato più di tanto.

Epico il confronto tra Mehmet e Kemal e altrettanto epico quello tra Kenny e Magnus. Queste due faide mi stanno prendendo molto. Altri complimenti sempre a Ivan per la gestione di Pain che porta sulle spalle un feud non facile e fa di tutto e in parte ci riesce per dare un po' di interesse al tutto.
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
1 user reading this topic (1 Guest and 0 Anonymous)
DealsFor.me - The best sales, coupons, and discounts for you
« Previous Topic · Show · Next Topic »
Add Reply

Theme Designed by McKee91 and Lout of ZNR