Welcome Guest [Log In] [Register]
Welcome to Raven Project.


If you're already a member please log in to your account to access all of our features:

Username:   Password:
Add Reply
Raven Project “R³volution #21" 28/09; 8th King of Rome MMXIV – Final Round
Topic Started: Sep 28 2014, 20:15 (259 Views)
Red Revolution Raven
Member Avatar
The Ugly
Dal Cinecittà World Special Ring è tutto pronto per iniziare e il pubblico freme dall'impazienza, quando ecco che il titantron si accende mostrano delle immagini al pubblico di Roma. Ci troviamo in un appartamento: la telecamera inquadra un divano e dietro di esso c'è una libreria e un tavolo con alcune sedie: su quel divano dopo pochi istanti si siede Red Revolution Raven, senza face paint e in abiti civili con un jeans chiaro e una camicia a scacchi neri e rossi.

RRR: "Signore e signori, sono costernato dal non poter essere con voi in questa serata così magnifica, ma purtroppo la legge è la legge... E se un giudice emette un ordine restrittivo nei miei confronti imponendomi di stare a distanza da Daniel Stuart, beh, a me non resta che fare ciò che devo e starmene qui a casa a guarda questo show in PPV mentre voi dovrete sorbirvi la sua faccia da cazzo sul ring..."

RRR: "E dire che questo sarà un grande show! Inizieremo con un nuovo match del 2 Worlds 1 Cup Tournament che stavolta vedrà una nostra vecchia conoscenza, ossia Lin Li Yung, contro Thomas Ross della GWF! Se mi chiedete per chi faccio il tifo tra un fiero figlio della Grande Cina Rossa e un riccastro emblema del capitalismo, la risposta non dovrebbe essere difficile..."

Raven ridacchia e ricomincia a parlare.

RRR: "Proseguiremo con le due finali del King of Rome MMXIV; nella prima avremo Kenny Jones contro Aaron Lahart: riuscirà la luce del pro-wrestling ad illuminare il wrestler più nero della storia? Nella seconda invece il mio partner, Simon Steed, se la vedrà con "faccia da culo" Daniel Stuart: fatti valere, bro, questa sera difendi anche l'onore del tuo partner del Top Tag Team!"

RRR: "Se qualcuno di voi si chiedesse invece se si può avere un po' di figa qua, noi ve ne forniamo a pacchi! Avremo una Tag Team Battle Royal valida per THÈA Divas Tag Team Titles: Eve Sins e Safiye dovranno faticare parecchio per resistere all'assalto di Chelsea & Maria, Harajuku Crusher & "PINK Rabbit" Miku, Lilith & Aelita Zaytsev, Muirne Maggruder & Pilàr Velasco, Reina Explosiva & Chica Mariposa, Scarlett Rouge & Grianne Granger e Zoey Di Maggio & Rachel Stowen!"

RRR: "E se ve lo state chiedendo, sì, ho i nomi scritti dietro la telecamera perchè altrimenti non li avrei mai ricordati tutti."

RRR: "Ma lo show non termina qui, perchè ad occupare indegnamente il pre-Main Event ci sono quei 3 coglioni dei Muse's Demons che ci ammorberanno con un penoso siparietto per decidere chi debba essere il leader della stable..."

RRR: "Ma quando i bambini avranno finito di giocare a chi è più brutto e cattivo, finalmente avremo la possibilità di assistere al match che incoronerà il nuovo King of Rome! Sarà un nobile o sarà un guerriero che viene dalla strada? Sarà una stella ormai ben fissata nel firmamento della R-Pro oppure una stella in ascesa che lentamente sta dimostrando il suo valore?"

RRR: "Difficile dirlo, ma una cosa sola è certa..."

RRR: "Tieni gli occhi aperti, Daniel!"

Raven scoppia a ridere e il collegamento si interrompe di colpo.

Posted Image

[align=center]I've got another confession to make
I'm your fool
Everyone's got their chains to break
Holdin' you


Non è una theme che si ascolta spesso in questo show. E' la theme di un'atleta GWF... THOMAS ROSS!
L'atleta di Atlanta entra in scena con il suo solito sorriso beffardo.
E il pubblico?
Nonostante non sia mai salito su un ring R-Pro, Thomas Ross non è di certo uno qualunque e dalla folla parte qualche fischio, testimonianza del fatto che è un lottatore disprezzato.
Eppure, non sono i soliti fischi di disapprovazione... non c'è un rumore assordante e questo perchè c'è curiosità attorno a un'atleta GWF che partecipa a questo show.

L'esecutore della Moment of Olympia è sul ring e con sè ha un microfono in mano.

TR: "Roma.
E' passato circa un mese dalla mia ultima presenza qui a Roma per presenziare ad un PPV GWF, Summergeddon.
In quell'occasione, ho dimostrato ancora una volta, quanto io non menta mai.
A Summergeddon, il mio amico Michael Armo, grazie al mio aiuto, ha continuato vittoriosamente il suo percorso, che lo porterà presto a vincere il suo tanto desiderato titolo mondiale.
Perchè io sono un uomo buono.
Io sono un lottatore valido.
Ed anche un grande manager.
E, soprattutto, il miglior amico che tutti possano desiderare."


Menzogne.

TR: "Ed ora, cari romani, riavete l'onore di poter assistere alle mie gesta, in questa città, dove un tempo i più valorosi gladiatori si affrontavano nel Colosseo.
Eccomi.
Io sono come uno di loro.
Forte e tenace, che non si tira mai indietro e che... soprattutto... VINCE.
Io sono un vincente, signori.
Nel corso della mia carriera, non ho fatto altro che vincere match su match, trofei su trofei e questo non ha fatto altro che portarmi gloria.
Prendete come esempio questa sera.
Non sono un'atleta di questa federazione, eppure mi conoscete.
E quindi, è inutile ricordarvi come io abbia vinto in un solo anno Royal Rumble, Main Event di Forumania e come il mio regno sia stato il migliore che la GWF ricordi... o meglio... che tutte le federazioni ricordano."


Lo ha appena ricordato...

TR: "Sono stato a chiamare a rappresentare il mio paese, la Georgia.
Sebbene io non abbia molti motivi per difendere il mio paese, devo però ammettere come siano stati furbi ed intelligenti a scegliere il miglior lottatore che potesse rappresentarli.
Io sono destinato a vincere anche questo torneo e, per quanto questo possa non andarvi giù, perchè invidiosi ed infastiditi dai miei successi, vi comunico che dovete iniziarvi ad abituarvi.
Il Two World One Cup è destinato ad essere inserito nella mia bacheca.
E questa sera, continuerò a darvene dimostrazione.


Lin Li Yung.


Il mio avversario.

Anche lui, atleta GWF, ma che in questo torneo, oltre alla sua Cina, rappresenta un'altra federazione in cui milita... la 2FH.
Facile così.
Partecipare in due federazioni per avere più possibilità di trionfare.
E, infatti, NELLA MIA FEDERAZIONE, Lin non è riuscito mai a combinare nulla.
Mentre io sono impegnato nel Main Event, lui è nei bassifondi della federazione.
Ma, così, è troppo facile sparlare di lui.
Non conosco i suoi obiettivi.
Non conosco la sua vera forza sul ring.
Non so se abbia le giuste capacità per poter dire un giorno di averlo affrontato in un Main Event di un PPV GWF.
Ma, so che è grosso.
So che è terribilmente grosso e che sfrutta la sua stazza per distruggere i suoi avversari."


Sorrisetto di Ross.

TR: "Ma, contro di me, non basta.
Io ho i giusti mezzi per fermarlo e per farlo rimpiangere di aver partecipato a questo torneo.
Gli farò capire quanto sia stato sfortunato ad essere capitato dalla mia parte del tabellone.
E tutto questo perchè io sono un vincente.
Non conosco la parola sconfitta, uso qualsiasi mezzo per vincere.
Io, questa sera, farò piangere tutti i cinesi del mondo che hanno un briciolo di speranza in quell'energumero.
Il mio stato sarà orgoglioso di me.
La Georgia metterà in ginocchio l'intera Cina e... per quanto questo non m'interessi più di tanto, devo dire che non vedo l'ora di vincere questo torneo...



DO
YOU
KNOW
WHAT
I
MEAN?"


*SDRUSH*

Il microfono di Ross viene fatto cadere a terra, con il ragazzo di Atlanta che inizia a sorridere, guardando tutto il pubblico.
Le note di Best of You dei Foo Fighters ripartono ed ora, non si attende altro che questo scontro.

LIN LI YUNG VS ROSS.


CAMERA FADES
[/align]

Posted Image

Si fronteggiano in questa sfida due heavyweight dalla stazza considerevole, oltre 110kg per Ross ed oltre 120 per Yung. Ross ha un bagaglio da technician, mentre Yung si basa principalmente su powerwrestling e brawling.

1st Match – 2 Worlds 1 Cup Tournament:
Lin Li Yung vs. Thomas Ross


L’arbitro fa suonare la campanella e il match può cominciare. Inizia con una classica presa di clinch con entrambi i wrestler che vogliono mostrare all’altro chi è il più forte dei due. Il cinese ha una stazza maggiore e riesce a portare il suo avversario contro uno dei paletti del quadrato. Classica serie di chop su Ross, che però risponde con un calcio alle gambe. Break per Ross che poi lancia Yung contro il paletto. Il cinese frana a terra dolorante, avendo impattato con il ginocchio contro il paletto. Ross decide di non intervenire subito aspettando che Yung si alzi… E, appena quest’ultimo lo fa, si lancia subito in corsa contro di lui, placcando le gambe dell’avversario! E il cinese finisce fuori ring!

Il ritmo del match aumenta con Ross che si sente molto carico. Yung, intanto, si rialza fuori ring e rientra nel quadrato molto lentamente. Thomas Ross decide di non stare a guardare e va subito ad attaccare il cinese, ma Yung decide di ricorrere alla sua elevata tecnica e colpisce il Re pazzo con una serie di pugni alla Bud Spencer, stendendo l’avversario. Quindi rincorsa… Clothesline! E tenta il pin: 1…2…no! Yung , dopo lo scatto iniziale di Ross, rallenta il ritmo del match, lasciando Ross a terra con una serie di calci. Quindi preme sul collo di Ross con il suo stivale con Ross che soffre a terra… Cerca di togliere lo stivale con le mani ed è Yung a smettere l’assalto. Ora va con una serie di elbow drop su Ross. La velocità dell’azione si è ridotta di molto dopo l’inizio sprint e il pubblico se ne lamenta, fischiando il cinese che incomincia ad inveire contro il pubblico, mentre Ross è ancora a terra.

Questa distrazione però costa caro a Yung , perché Ross tenta il Codebreaker! Ma Yung aggrappa Ross al volo per poi scagliarlo a terra! Il cinese comincia a deridere il suo avversario… Che tira dal nulla un Big Boot! Yung steso a terra! Ross va per lo schienamento: 1…2…no! Schienamento non messo a segno ma Ross stava per farcela! Yung si rialza barcollando, Ross sale sul secondo paletto… E si lancia sul cinese con una Flying Clothesline! Match ancora sotto il controllo di Thomas Ross! Yung continua a barcollare senza cadere. Allora
Ross cerca di completare l’opera mettendo l’avversario in posizione di Belly to Belly Suplex… Yung reagisce con una gomitata sullo stomaco, ora è Ross a barcollare… Bodyslam di Yung! No! Ross gli scivola dietro la schiena… OLYMPIC SLAM!!! 1…2…NO! Ross stava di nuovo sorprendendo il cinese! Yung si rialza, Ross si prepara alla Codebraker… CLOTHESLINE IMPROVVISO DI YUNG!

Yung rovescia un’altra volta gli equilibri del match. Il ritmo del match cala di nuovo, con il cinese che afferra Ross per il collo… Lo alza in aria… GORILLA PRESS SLAM! 1…2…Ross mette il piede sulle corde! Yung si dispera ma non ha alcuna fretta. Con Ross a terra il cinese colpisce l’avversario con una serie di pugni. Il pubblico fischia l’azione di Yung che rende noioso l’incontro. Yung quindi prende una leeenta rincorsa… Splash in corsa! Appena Yung prende il controllo dell’azione, il match rallenta di moltissimo. Schienamento: 1…2…solo due. Yung rialza Ross e lo lancia contro uno dei paletti. Quindi lo ferma lì e inizia una lenta serie di chop, col pubblico che continua a fischiare… Yung rialza Ross… Chiama la Dragon Rising… Dropkick di Ross! Ed evita la finisher di Yung! Ma il cinese si rialza immediatamente. Ed ecco che Yung si lancia contro Ross… POWERSLAM DI THOMAS ROSS!

E tenta il conteggio: 1…2…no! Vicinissimo al pin! Ross rialza subito Yung… OVERHEAD BELLY TO BELLY SUPLEX, STAVOLTA CONNESSA! Il tonfo del cinese al suolo rimbomba per tutta l’arena! Di nuovo tentativo di schienamento: 1…2…no! Yung esce dal pin! Ross è comunque in fase di berserkering, saltella per il ring aspettando che sia Yung a raggiungerlo… Flapjack di Ross su Yung! 1…2…ancora no! Yung non è un mostro di agilità e di reattività ma ha una grande resistenza! Ross rialza Yung, lo lancia verso le corde… MA IL CINESE REAGISCE CON LA THE GREAT CHINA! Elbow Drop in corsa! Quindi aspetta che Ross si rialzi per tentare la sua DRAGON RISING… Il pubblico fischia… Ross si rialza barcollando… CODEBREAKER! CODEBREAKER! CODEBREAKER IMPROVVISA DI ROSS! Si tratta della sua Moment of Olympia! E Thomas Ross va a tentare lo schienamento: 1…2…3!!! La vittoria è di Ross, ma che fatica!

Thomas Ross sconfigge Lin Li Yung (8:04) con la Moment of Olympia.

Posted Image

Siamo nella Cinecittà World Special Ring, Roma. Lo show è iniziato da poco tempo, ma subito si sente una theme famosa.... quella del Niggest Man in Professional Wrestling, Kenny Jones.

HARDER

BETTER

FASTER

STRONGER

Kenny Jones is here in Rome! Il 2FH/WFS Material è qui! Kenny, vestito in ring, chiede e ottiene un microfono da un addetto ai lavori, e comincia a parlare sulla rampa.

KJ: "Kenny Jones is here, nella città eterna, Roma! Questa è la terza volta che faccio parte ad uno show della R-Pro, e nei primi due non ho certamente brillato, lo ammetto. Nel primo show, dopo aver lottato duro, ho perso contro Tyson Hardaway mentre nel secondo show ho sì passato il turno per questo torneo, quello per decretare l'ottavo re di Roma, però sono passato perchè il mio avversario ha deciso di non combattere più pur di mantenere la sua cinturetta Cruiserweight e per tornarsene con tutte le ossa intatte a Montecarlo."

KJ: "Beh, Zane, alla fine ti sei tenuto la tua cintura... ma a che prezzo? Non sei passato comunque nel torneo, hai deciso di scappare come un codardo... Hai fatto capire che tu non hai valore, e perciò non ha nemmeno valore la tua cintura. Il campione dà importanza a una cintura, e un campione che preferisce non lottare rende la cintura senza importanza, la rende soltanto una parte del tuo attire. Perciò è come se tu non possedessi nemmeno un titolo, non vali praticamente niente."

Kenny si avvicina sul ring, per poi salire...

KJ: "Tre avversari, uno certo, gli altri due dipendono solo dall'esito del mio primo match. Il primo è lui, è Aaron Lahart. Una domanda mi viene subito spontanea... come cazzo fa uno come Aaron Lahart a essere Honor Champion se è la persona che ha meno rispetto per gli avversari e gli importa solo di sè stesso, non sicuramente dell'onore o di altro? Io vengo dalla Fight For Honor, lotto per il mio onore... il mio onore non è quello tipico dell' Iliade, è un onore tipico delle mie radici... lottare per ciò che è giusto, ma soprattutto per la tua gente, per il tuo pubblico... io mi spaccherei il culo per ogni singola persona che viene a vedermi, che sia a Roma, a Manchester o a Dublino, mentre tu, Aaron, lo faresti? Oppure prenderesti in giro i propri avversari, credendo di essere superiorità mentre la tua è soltanto una grossa autoconvinzione?"

KJ: "L'onore... va a pari passo con il rispetto, e tu sei rispettoso? No, te ne freghi. Tu dispezzi qualsiasi lottatore che mette piede nel ring dove ci sei anche tu, perciò disprezzerai anche a me. Ma prova, prova a stuzzicarmi con i tuoi giochetti prima o durante il match, e vedi che dopo il match non ti sentirai molto una parte del corpo. Perciò, ti dò un consiglio... ok, va benissimo essere competitivi, ma sei provi a prenderti gioco di me... il tuo velo di superiorità si trasformerà in rimpianto di aver disprezzato colui che ti farà il culo nero e come il suo, perchè spegnerò la tua luce... I WILL SWITCH OFF YOU, MAH NIGGAH!"

Kenny prende una pausa, poi ricomincia a parlare...

KJ: "Un lottatore che potrei incontrare è Simon Steed. Steed è una leggenda del mondo del wrestling, sarei un ipocrita se dicessi il contario. Ha vinto tutto, ha dominato in PWS, ha dominato in WFS, due settimane fa si è laureato Triple Crown Champion conquistando i titoli di coppia in WFS ed è l'attuale campione FWF... Si, ha vinto moltissimo... io invece non ho vinto praticamente niente, in confronto a lui... però abbiamo qualche analogia."

KJ: "Siamo tutti e due Californiani, di Los Angeles, tutti e due amiamo il rischio e ci piacciono le belle donne... ma poi? Niente. Io sono di Compton, tu sei di Hollywood... veniamo dai quartieri più diversi della città, qualcuno dice che tu vieni dal migliore mentre io dal peggiore, e forse hanno anche ragione... io sono entrato in una gang, cosa che a Hollywood nemmeno esiste. Io ho dovuto picchiare, ho dovuto subire, ho dovuto rischiare la vita in quel quartiere, mentre tu facevi lo Stuntman, mentre io il rischio lo respiravo ogni giorno... poi tutti e due siamo passati al wrestling, tu prima di me, e hai conquistato tutto... mentre io devo ancora farmi valere, ma vi assicuro che giorno dopo giorno sono sempre più forte, e quando la mia carriera finirà sarò ricordato come il wrestler più forte degli Stati Uniti... più forte anche di Steed."

KJ: "Simon, ti rispetto, ti stimo... ma tu il rischio lo hai vissuto solo su un ring di wrestling, io lo vivo da quando sono nato... Sei sicuro di voler rischiare più di me? Io sono pronto a spaccarmi tutte e due le gambe pur di farti un Missile Dropkick da una scala di 6 metri, sono pronto a fracassarmi 6 costole con un Niggas Fly dal Titantron su te steso su un tavolo... Io non ho paura di nulla... Il rischio ha paura di me, la paura mi teme. Se ci incontreremo, ti dimosterò che la nuova faccia della città degli Angeli può battere quella vecchia. Simon, Kenny, due Angelenos che vogliono un Trofeo... Forse accadrà, forse no."

Kenny si ferma, poi riparte.

KJ: "Dipende se batti Daniel Stuart... Daniel Stuart, caro Daniel Stuart. Noi non ci conosciamo bene, ci conosciamo troppo bene. Vi faccio un piccolo recap di quello che è successo tra noi. In Fight For Honor vinco il Torneo Beginning Of Fight che è stato conquistato da Stuart l'anno prima, ma Stuart non mi crede degno di quel trofeo perciò mi attacca dopo la vittoria. Stuart dice che non sono alla sua altezza, riesce pure a battermi. Io, allora, che ho fatto un solo errore grave in quel match, chiedo un'altro incontro, mettendo in palio una cosa a scelta del Nobile. Daniel dice allora che devo costringerlo, perciò lo costringo a suon di sediate, e ottengo il rematch. Poi lo distruggo anche con un mind game mentre lui voleva vendicarsi per l'attacco subito, poi lo sconfiggo nel rematch, costringendolo all'abbandono della Fight For Honor."

KJ: "Si, ho cacciato Daniel Stuart... a calci in culo, letteralmente. Daniel, credi di avere chance contro di me? Ti ho già dimostrato che tu non puoi più battermi, ti ho distrutto a Galaxian Wars, ti ho fatto andare via dalla Fight For Honor, per di più ti ho battuto a casa tua, in Scozia! Credi che se cambiamo paese il risultato del match cambi? No, Daniel, non cambierà... non cambia nulla nemmeno il fatto che noi due lottiamo per un trofeo, per essere l'Ottavo Re di Roma. Io ho dimostrato di essere migliore di te sul ring, sulla rissa da strada e pure con gli inganni e magheggi di cui tu sei maestro, non credo ci sia altro da dire... sei inferiore a me."

KJ: "Roma... il vostro re non sarà inglese, non sarà scozzese, e non sarà nemmeno Hollywoodiano... sarà un negro, con le palle quadrate, che cammina a schiena dritta, con lo sguardo fiero e a testa alta, che non ha paura di nessuno. Sarà Kenny Jones a vincere il torneo per decretare l'Ottavo Re di Roma."

KJ: "Because I am The Niggeeeeeeeeeeeeeeeest... Man... in all Professional Wrestling!"

Risuona Stronger, e Kenny abbandona il ring... sarà lui a vincere il torneo... lo scopriamo stasera.

CAMERA FADES

Posted Image

Backstage. Ambientazione spartana per Lahart, semplicemente appoggiato ad un muro.

AL: 10 Agosto. Schieno Nathan Storm e supero il primo turno del King Of Rome. E' semifinale. La semifinale di uno degli eventi più importanti nel Pro Wrestling, la semifinale di un torneo nel partecipare al quale avevo il diritto di aspettarmi, quantomeno ora, un avversario degno di calcare questi palcoscenici. Credevo di essermelo meritato.

Invece no.

Evidentemente mi sono meritato Kenny Jones.

Lahart scuote la testa.

AL: In primo luogo, mi sono domandato con diritto semplicemente chi diavolo fosse. Una volta scopertolo però, mi sono amaramente pentito di non essere rimasto nel dubbio... Devo avere qualche conto aperto con il Karma, e anche di gravità, poiché non augurerei neanche al peggior uomo di questa terra d'avere a che fare in qualsiasi contesto con un simile scempio su duo gambe.

Volete sapere chi, o meglio COS'è Kenny Jones?

Non un professionista, non un atleta, non un Pro Wrestler, ma un banale stereotipo. Un povero imbecille che ha bisogno di urlare stronzate di infima orginalità tentando di catalizzare un minimo di attenzione, per evitare così di sprofondare nel profondo oblio che, tuttavia, un'esistenza così offensivamente prosaica come la sua meriterebbe.

In breve, questa sera Aaron Lahart affronta una squallida Attention Whore.

E per quanto io sia tremendamente indignato a causa di questo, non posso fare altro che presentarmi sul quadrato e dimostrare ancora una volta cosa significa essere la salvezza di questa disciplina, dispensando nel mentre il dolore necessario a arrestare la fittizia ascesa di questa altrettanto fittizia stella, la quale, per il bene di tutti, probabilmente non sopravviverà alla caduta.

Lahart sospira.

AL: Sopporterò questo supplizio indicibile semplicemente in virtù di ciò che viene dopo. Dopo il ciarpame viene la Finale. La vittoria, il coronamento del percorso, la porta per la gloria... L' FWF World Championship.

Sorriso dell'inglese.

E che a contendere il mio diritto di assurgimento alla monarchia ci sia in seguito Daniel Stuart o Simon Steed poco importa, si tratterà semplicemente del nome di uno sconfitto, caduto innanzi a me...

Un re eterno per la città eterna.

I
WILL
BRING
THE
LIGHT
.

Posted Image

Stronger di Kanye West è la prima theme a risuonare per il secondo match della serata e a fare il suo ingresso è il più negro: Kenny Jones! Il lottatore proveniente dalla 2FH fa il suo ingresso ricevendo un buon saluto dall'arena di Cinecittà e una volta piazzatosi al suo angolo è il turno di Innervision a presentare al pubblico romano Aaron Lahart! La luce del pro wrestling raggiunge il quadrato e fronteggia a centro ring l'avversario, fisicamente i due sono molto simili, solo pochi centimetri in favore dell'atleta della California li separano, entrambi inoltre sono cresciuti sui ringhirestri del Canada... E ora per chiudere il quadro, si affrontano nella prima semifinale dell'8th King of Rome Tournament! Finite le raccomandazioni arbitrali suona il gong e il match ha inizio!

2nd Match - 8th King of Rome MMXIV - Semifinale:
Kenny Jones vs. Aaron Lahart


Subito prova di forza a centro ring, Kenny sembra avere la meglio, ma Lahart spezza il tutto con una ginocchiata all'addome del rivale, per poi colpirlo con una serie di European Uppercut che portano Jones alle corde, da qui parte l'Irish Whip di Aaron, che sul rimbalzo stende il Black Jesus con un Back Elbow Smash! Lahart continua la sua offensiva con una serie di Stomp e rialza poi il Niggest, che però reagisce! Serie di gomitate di Kenny Jones che si libera della presa del rivale per poi sollevarlo e connettere un Back Suplex! Ora Jones rimette in piedi Lahart, serie di pugni al volto e un lancio all'angolo, quindi la rincorsa e la Clothesline che schiaccia Lahart contro le protezioni!
Aaron ora barcolla verso il centro del ring e Jones lo solleva immediatamente sulle spalle... Ma non riesce a fare niente! Lahart scende alle spalle del rivale e con un Leg Trip lo fa cadere al tappeto e connette subito un Leg Drop alla nuca dell'avversario schiacciandogli la faccia sul tappeto!
Lahart ora gira l'avversario e dopo averlo sistemato su un fianco lo colpisce con due calcioni alla schiena, quindi prova un primo pin!

One... Twnemmeno 2! Jones kicks out!

Ancora Lahart a rialzare Jones, serie di Chop, e nuovo lancio contro le corde, per poi connettere un Back Body Drop... No! Jones spiazza il nemico con una ginocchiata al volto e poi connette un Neckbreaker! Jones ha così l'occasione di rialzare Lahart e spingerlo al paletto, dove inizia a colpirlo con una serie di spallate, ora c'è la rincorsa di Jones e poi lo scatto per lo Stinger Splash!!! A vuoto! Lahart si sposta in tempo e Jones impatta sul turnbuckle! Lahart ora attacca Jones al paletto con una serie di calci e poi lo solleva sulla corda più alta, ora è il turno di Lahart di salire sulla seconda corda! Blocca le braccia dell'avversario e connette un Double Underhook Superplex!!! Seguito dal pin!

One... Two... Thnooo!!! Right Shoulder Up per Kenny!

Aaron Lahart non si dà per vinto e con calma riprende i suoi attacchi a base di ginocchiate e calci su Jones, per poi rimetterlo nuovamente in piedi e colpirlo con un paio di chop, seguite da un calcio all'addome e poi da uno Swinging Neckbrea... E invece no! Jones ferma l'attacco di Lahart spingendolo via... Il lottatore di Manchester torna subito alla carica, ma Jones lo anticipa e connette un Exploder Suplex!!!
Jones ora si appoggia alle corde riprendendo fiato dopo la lunga serie di attacchi subiti, poi attende che Lahart si rialzi ed appena lo fa gli blocca un braccio con un Arm Wrench seguito da un Irish Whip, rimbalzo di Lahart e Clothesline di Kenny Jones! No! Lahart evita! Altro rimbalzo e Maphia Kick di Lahart!!! Noooo! Anche Jones evita! E poi abbraccia da dietro Aaron Lahart per un German Suplex con schienamento a ponte!!!

One... Two... Threnooo!!! Lahart si libera a pochi attimi dal 3!

Jones si dispera per qualche secondo, ma decide immediatamente di non perdere altro tempo, prende Lahart e lo piazza sotto le gambe per la Gospel!!! Sollevamente per la Powerbomb finale del Niggest... Ma Lahart reagisce! Serie di pugni al volto di Jones, che non riesce a tenere la presa, Lahart riesce a scendere alle spalle dell'avversario, ma Kenny è abbastanza rapido e sveglio per attaccare comunque con un Pelè Kick!!! Schienamento di Kenny Jones!!!

One... Two... Thrnooo!!! Coito interrotto per il Right Shoulder Up di Lahart!

The Black Jesus non si rassegna, prende per le gambe Lahart, gliele allarga e colpisce con un paio di Stomp all'addome, per poi provare la Niggest Lock!!! NOOOO!!! Lahart anticipa e chiude il californiano in uno Small Package!!!

One... Two... Three!!! NOOOO!!! Jones si libera!

I due scattano in piedi, Lahart va a segno con un Toe Kick e prova la Kneel Before Me! NO! Jones si libera prima della presa a Double Underhook facendo un doppio sgambetto con le braccia all'avversario! Lahart cade a terra di nuovo in posizione per la Niggest Lock... Ma Jones stavolta prova la cosa più imprevedibile con uno schienamento a ponte!!!

One... Two... Three!!! NOOOOO!!! Lahart si libera ancora!

I due tornano nuovamente in piedi... E stavolta è Jones a giocare d'anticipo con un Toe Kick! Lahart lo blocca e Kenny connette un Enziguiri Kick!!! NOOO!!! Lahart evita e Jones cade a terra! Il Wrestler of Them All lo blocca subito sotto un braccio, connette un paio di ginocchiate allo stomaco e poi lo solleva per il Brainbuster.... A segno! Lightbringer di Aaron Lahart e pin su Kenny Jones!!!

One... Two... Three!!!

Aaron Lahart sconfigge Kenny Jones (10:03) con la Lightbringer.

Stavolta c'è il tre!!! Aaron Lahart riesce a sconfiggere Kenny Jones al termine di un match molto incerto ed è il primo finalista della seconda edizione dell'8th King of Rome, dove affronterà il vincitore del prossimo incontro, con protagonisti Daniel Stuart e Simon Steed!

Posted Image

Al Cinecittà World Special Ring risuonano le note di “The Rains of Castamere” e quella che si solleva, praticamente subito, è una contestazione pari a quella scatenata dalla presenza di Aurelio De Laurentis allo stadio San Paolo. Sornione, esattamente come l’istrionico presidente partenopeo, vediamo comparire sullo stage “The Nobleman” Daniel Stuart.
Lo scozzese è in attire da gara, e sebbene sia da solo, porta in bella vista la cintura di FWF World Tag Team Champion, titolo che divide con il compagno di stable Dylan McZax, stasera assente, probabilmente perché alle esequie della defunta ASW2013. Stuart si avvia, con calma verso il ring, accompagnato dai fischi del pubblico che aumentano di intensità ad ogni passo. Una volta sul quadrato, si fa passare un microfono ma gli viene praticamente impedito di prendere parola. Stuart sorride, attendendo la fine della contestazione ma inizialmente il suo atteggiamento di sufficienza non fa altro che causare un incremento dell’acredine nei suoi confronti. Dopo diversi secondi, finalmente i fischi sembrano scemare e lo scozzese ne approfitta per prendere la parola.
DS: “Benvenuto, popolo di Roma, al primo show del Raven Project…. senza Raven! Non trovate anche voi che sia una liberazione? Non pensate che Nobleman Project suoni molto meglio?”
Il ricordo del forzato allontanamento di Red Revolution Raven, dovuto all’ingiunzione inflittagli dal giudice, riscatena l’heat del pubblico che ricopre di insulti Daniel Stuart e comincia a far partire cori in favore dell’idolo di casa, stasera assente. Stuart, da “badass” consumato, si porta la mano alle orecchie per meglio sentire le contestazioni, e non trattiene una risata di scherno.
DS: “Forse no, forse non siete d’accordo. Se pensate che ciò per me cambi qualcosa… beh, evidentemente non mi conoscete abbastanza. Trovo… inebriante il fatto che perfino uno come RRR, una titles-machine, una Living Legend rispettata in tutto il mondo… alla fine, se messa di fronte al mio cospetto, deve miseramente chinare il capo. Nello scorso turno del torneo, l’ho eliminato, sul ring, distruggendo le sue già flebili speranze di incoronarsi “King of Rome”. E, se ciò non bastasse, l’ho eliminato anche fuori dal ring, insegnandogli cosa vuol dire mettersi contro Daniel Stuart! Una lezione che farete bene a ricordare voi tutti… perché, fedeli appassionati del Raven Project, stasera sono qui non soltanto per… fare in modo che RRR non possa esserci, ma anche per arrivare fino in fondo a questo torneo, riuscire laddove l’anno scorso ho fallito. Ammetto che diventare il Conquistatore di Due Mondi sarebbe stato un titolo più… altisonante, e consono alla mia grandezza. Ma, tutto sommato, diventare il prossimo Re di Roma, non è un ripiego da poco. Dalle fiction ho imparato che “Roma non vuole padroni”, tuttavia nella vostra storia avete già avuto un “Dandy” come vostro Re, quindi perché dovreste essere abituati, no?”
(Per i più ignoranti, il riferimento è a Enrico De Pedis, detto “Renatino”, boss della “Banda della Magliana”, trasposto in “Romanzo Criminale” nel personaggio del “Dandi”)
DS: “Sono ben pochi gli ostacoli sul mio cammino ormai. In finale affronterò uno tra Aaron Lahart e Kenny Jones. Del primo conosco solo l’inutilità e le tendenze sessuali ambigue, il secondo… beh, è una conoscenza più approfondita. Di recente, non è un mistero, Kenny Jones mi ha sconfitto. Non cercherò giustificazioni per quanto è successo. Ne voglio dedicare parole al fiele verso una Federazione del quale non faccio più parte. Mi limiterò a dire: it doesn’t happen again. Prima di loro però, avrò contro di me un avversario che già altre volte ho affrontato, ho snobbato, e mi ha punito: Simon Steed.”
Le parole di Stuart sono interrotte da un face-pop e cori a favore dell’attuale FWF World Champion. Lieve smorfia di Stuart, che poi riprende.
DS: “Non posso dire che la mia opinione su Steed sia mutata, o che la mia stima sia cresciuta. Per me, Simon Steed non è altro che un patetico fallimento. Continuasse a vincere cinture, da qui fino alla fine della sua carriera, il mio giudizio non cambierà: di Steed non me ne fregherà mai nulla, è un residuato bellico che vivacchia in quest’epoca, cercando di restare sulla cresta dell’onda quando ormai non è altro che un clichè sulle gambe. C’è però una sostanziale differenza tra QUESTO ed i miei precedenti scontri avuti con lui: per quanto Simon non desti in me alcun interesse, come persona, il fatto di essere libero dagli impegni con altre Federazioni rende molto più appetibile quella cintura che porta in vita. Quindi, sebbene per me non ci sia nulla di… onorevole, né ammirevole, nel battere Simon Steed, sarà invece estremamente soddisfacente laurearsi FWF World Champion prima di diventare il prossimo King of Rome!”
I proclami di Stuart sono accolti da una proficua dose di pernacchie, mentre lo scozzese, in un delirio di grandezza, reclina il capo all’indietro e socchiude gli occhi, come un The Rock dei bei tempi.
DS: “Che vengano srotolati i tappeti rossi dunque, e venga dato fiato alle trombe. E preparatevi ad inchinarvi. Al vostro. Nuovo. Re.”
Riparte “The Rain of Castamere” e Daniel Stuart lascia il ring. I fischi non sono meno di quelli che l’hanno accolto, ma lo scozzese se ne va con estrema convizione. Le sue parole, per quanto possano essere esagerate, sono quelle di uno che ci crede davvero e forse The Nobleman non ha torto. Al primo turno del torneo ha eliminato Red Revolution Raven, sfogliando la rosa dei prossimi avversari, l’impegno potrebbe sembrare in “discesa”, ma sarà davvero così?

Posted Image

L'arena speciale diventa buia per qualche secondo e un faro bianco inizia a muoversi tra il pubblico alla ricerca di qualcuno in particolare... Dopo diversi secondi di ricerca però, il faro sembra non trovare nessuno e si sposta verso l'ingresso degli atleti, per poi sollevarsi e fermarsi sul maxischermo, che solo a questo punto si accende, facendo partire un video.
Al centro dell'inquadratura c'è il campione FWF Simon Steed appoggiato con la cintura allacciata in vita ad un balconcino, ai suoi piedi ghiaia e al suo fianco alberi, alle sue spalle la visuale mozzafiato che si gode da una terrazza panoramica che mostra in lontananza il la città di Roma.

Steed: "Gentile pubblico del Raven Project, è come sempre un piacere tornare a Roma per mettere ancora una volta in palio la mia cintura di campione FWF."

Buco nella ripresa, piazzato ad arte per permettere ai paganti nell'arena il classico urlo di approvazione per la propria città.

Steed: "Ma questa volta non si tratta di difendere ciò che è mio da tempo, non solo... Guardate alle mie spalle, buttate un occhio alle cupole e ai colli, perchè stasera tutta questa ammasso di storia, sangue versato, vite perse e miti distrutti diventerà il mio regno... E per quanto importante sia una cintura o una federazione, non sarà mai grande quanto una città, non quanto la capitale del mondo... La sede del mio prossimo regno!"

L'ex Stuntman spalanca le braccia nella sua classica posa di esultanza, in modo che l'inquadratura dia l'effetto della città nelle sue mani e osserva il cielo sopra di sè.

Steed: "Mi sono presentato a voi come un combattente nell'arena, in mutande nei panni di un uomo che non aveva altro che la sua vita e il suo onore da mettere in gioco e ora ho la chance di diventare Re... Mi perdoni l'International Board, ma tengo a questo più che al titolo di campione mondiale di tutte le federazioni riunite e non che rappresenta questa cintura.
Il mio posto nell'albo d'oro dopo quelli di Memeth Arkin, Nathan Storm o Mad Dog non sarà più importante... Perchè il mio nome verrà dopo Tarquinio Il Superbo nella lista che parte da Romolo"

Finalmente il californiano chiude le braccia e riporta lo sguardo sulla telecamera.

Steed: "Per farlo, dovrò sbarazzarmi di Daniel Stuart e di un avversario tra Kenny Jones e Aaron Lahart, ma prima di pensare a chi sarà l'altro finalista voglio concentrarmi sul 'Nobleman'.
Un uomo che fatico a definire tale, un 'lottatore' che non ha mai mostrato ambizione e rispetto nei confronti del mio titolo e delle mie sfide, che non ha esitato a farsi beffe delle mie motivazioni e del mio stile... E che solo Arkin e la sua compagine 'turca' hanno salvato dall'umiliazione della sconfitta l'ultima volta che ci siamo trovati contro..."

Come sempre quando schifa qualcuno o qualcosa, Simon scuote la testa deluso.

Steed: "Chissà... Magari stavolta per lui sarà abbastanza importante degnarsi di ricordare con chi lotterà e magari saprà dire anche qualcosa di più rispetto al solito 'Simon Steed è un uomo che vive nel passato'... Perchè io sono perfettamente concentrato sul presente che mi vede in possesso di questa cintura e sul futuro che mi vede Re di Roma, sul presente che mi vede come Last of the Real Champion e sul futuro che vede Daniel Stuart come wrestler ritirato che la gente cercherà su wikipedia tra 10 anni per cercare di ricordare chi cazzo era il 'Nobleman'!
Perchè al termine della serata, dopo che avrò distrutto una volta per tutte Daniel Stuart, e dopo che avrò sconfitto lo sfortunato finalista che uscirà vincitore nel match tra Kenny Jones e Aaron Lahart, un solo nome sarà scandito nell'arena, un solo trionfatore, re e dominatore verrà acclamato dalla folla, da Hollywood a Cinecittà, da Stuntman a Re.
SIMON STEED! SIMON STEED! SIMON STEED! SIMON STEED!"

Il messaggio registrato si conclude, la telecamera si spegne e le luci ritornano nello Special Ring di Cinecittà, dove i fans del californiano stanno già continuando il coro del loro beniamino, iniziando l'acclamazione del loro aspirante re.

Posted Image

Siamo in quella che è sicuramente l'attrazione più divertente di Cinecittà World: il parcheggio.
Una figura è appoggiata su un pilastro a fissare un po' l'asfalto un po' l'infinito (Grignani può farmi una pippa).
Sentiamo un leggero rumore di passi, un'altra figura si avvicina alla colonna di cemento, una figura nettamente più minuta.
No, non si tratta del possente Jacomo Boretti, ma di 150 cm di altezza ben più piacevoli: Eve Sins.
La campionessa indossa un lungo accappatoio nero, segnale che sotto ha già indossato l'attire da ring.

ES: “Manca poco al nostro match. Mon dieu, non vorrai di certo perderlo?”

Il fissatore di asfalto si palesa, si tratta di Kemal, che sembra destarsi dai suoi pensieri.

KM: “Non amo particolarmente le Battle Royal. E non amo vederti... “lottare”.”

ES: “Hai deciso tu di accompagnarci... e adesso non vuoi nemmeno vedere il match? Potevi evitare di scomodarti.”

KM: “Scomodarmi? Non lo sai che per andare da Manchester a Dublino bisogna passare da Roma, facendo il giro largo dalla Grecia?”

La Generalessa non sembra apprezzare l'umorismo del Dev Adam, che torna ad appoggiarsi al pilastro.

ES: “Mon dieu. Il match di Arkin ti sei sforzato a vederlo.”

KM: “Era nell'interesse dell'nTo... Fino a qualche mese fa avrei rinunciato a tutto, anche a tornare sul ring, oggi invece ogni singolo istante di vita del mio gruppo per me è importante.”

ES: “Pfff... - la donna sbuffa – Cielo e Terra non conoscono umanità, trattano le miriadi di creature come cani di paglia. L'uomo saggio non conosce umanità, tratta la gente comune come cani di paglia.”

KM: “Cani di paglia?”

ES: “Nella Chine ancienne durante le feste sacre erano offerti alle divinità dei fantocci di paglia a forma di cane. Durante i rituali erano adorati con la massima riverenza... ma quando non servivano più venivano buttati e calpestati, non erano più nulla.”

KM: “Ecco, interessante e condivisibile. Senza saperlo ho spesso seguito questa massima. E tu sei una donna saggia Generalessa? - Kemal continua a dare le spalle ad Eve – e noi siamo i tuoi cani di paglia?”

La GM della WTF con una calma olimpica.

ES: “Non avevo scelta. Sai bene che tu avresti potuto essere qualcosa di più di un cane di paglia, ma hai saputo solo ringhiare... anzi no, i cani di paglia non ringhiano, possono solo... prendere fuoco. L'unico atto di ribellione che possono permettersi è quello di smettere di esistere.”

Breve pausa di silenzio.

KM: “Bene adesso entra li dentro e dillo anche a Safiye. Dille che è solo un cane di paglia.”

ES: “Safiye è ben altro... Doveva essere un cane di paglia ma non lo è mai stato. Lei e un'ossessione... Una sola volta l'ho avuta, e fugacemente ho avuto te... Ho voluto tutto ma non ho stretto niente.”

Il turco si volta verso la donna.

KM: “Se è vero quello che dici, è vero anche il contrario. Sono stato il tuo cane di paglia? Bene, lo sei stato anche tu per me. Mi sei servita, mi sei servita contro i McMax, mi sei servita alla fine anche per capire chi sono le serpi attorno a me. Siamo tutti il cane di paglia di qualcun altro, tutti ci serviamo degli altri, tutti siamo stati usati dagli altri. Per il resto...”

Kemal afferra con decisione e allarga la vestaglia di Eve.

KM: “Con questo... - il turco guarda il corpo della Generalessa – quanta gente hai avuto... fugacemente. Quanta gente ti ha avuto fugacemente. Non posso giudicarti, ero in fila anche io con gli altri...”

ES: “Guardami, cosa c'è che non va in me? Kemal... ti contraddici... tutto quello che hai fatto per me... ma mon dieu cosa vuoi da me? Vuoi il mio corpo, il mio cuore? Entrambi? Cosa, cosa?”

KM: “Nessuna delle due cose vale la mia anima. Potrei avere tante donne se volessi, i loro corpi ovvio, ma quello che ho pensato di avere da te mi ha reso sporco, stupido, cieco... debole.”

La Generalessa perde la calma, come nei suoi rari ma violenti momenti d'ira. Adesso è lei ad afferrare Kemal per il collo provando a tirarlo a sé con tutte le sue forze.

KM: “Fermati. Fermati. Fermati, questo non fa bene a nessuno di noi due.”

Eve è fuori di sé il suo sguardo si riempie di rabbia.

ES: "Niente! Non ho avuto niente di quello che volevo! Maledetti! Io ho sempre avuto il controllo su tutto, su di te, su Safiye, maledetti!”

La donna colpisce il petto del turco con i pugni, mentre le lacrime rigano il suo volto.

ES: “Che cosa sono diventata... che cosa sono diventata!”

KM: “Basta.”

Kemal stringe la donna per soffocarne la rabbia isterica.

ES: “Vattene! Dannato turco lasciami da sola!”

KM: “Risparmia questa rabbia per Lilith.”

Il Dev Adam solleva Eve Sins in braccio che nulla può contro la sua forza.

KM: “Andiamo alla guerra. Generalessa.”

Posted Image

Il terzo match della serata, semifinale del King of Rome, ma soprattutto valevole per il FWF World Heavyweight Title! A fare il suo ingresso per primo sotto le note Brains di Mark Tremonti è Simon Stees, il campione in carica. Il passo è lento e si ferma a salutare qualche fan tenendo il titolo ben visibile. Arrivato sul ring, sale sul quadrato e aspetta il suo avversario che non si fa attendere.
The Rain of Castamere di The Nationals risuona nell’arena ed ecco uscire dal backstage Daniel Stuart. Il nobile sorride, percorre la rampa e si ferma a guardare il campione ancora al centro del ring. Daniel sembra incitare Steed ad attaccarlo, ma appena questo tenta di andargli in contro l’arbitro lo blocca. Stuart sale anche lui sul ring. I due si guardano, lanci di sfida.
Suona la campanella e il match può partire!

Din Din Din

3rd Match - 8th King of Rome MMXIV - Semifinale /FWF World Heavyweight Title:
Simon Steed © vs. Daniel Stuart


A farsi avanti è subito Steed che prova a chiudere all’angolo Stuart colpendolo con dei pugni al volto. Daniel però se ne accorge e non aspetta a replicare con dei calci piazzati all’altezza della milza. I due sono di nuovo al centro del ring, chiusi in un clich. Una prova di forza in cui nessuno dei due riesce a prevalere. Stuart sembra un po’ in difficoltà, ma all’improvviso parte con una testata al viso del campione! Senza lasciargli tempo di riprendersi dal colpo e ignorando l’arbitro…
Sold Out!! Modified Sleeper Slam!!!!
La manovra va a segno, ma il nobile sa che è troppo presto. Senza pensarci due volta si fionda sopra al paletto. Vuole eseguire una Diving Elbow Drop! Allarga le braccia al cielo e…
Noblesse Oblige!
A vuoto!
Steed è riuscito a spostarsi all’ultimo momento, lasciando così schiantare Daniel sul ring. Simon è già in piedi, mentre Stuart si lecca le ferite in ginocchio. Steed afferra il rivale, obbligandolo a rialzarsi, e… #Pontiplex a SEGNO!!!! Va subito per il pin…

1…

2…

Colpo di reni di Stuart che rompe il conteggio salvando il match!! Steed non ci crede e si mette le mani nei capelli. Occasione persa per il campione che ora rialza per la testa il nobile. C’è la reazione di Stuart che si libera dalla presa e sferra dei ganci al volto di Simon, costringendolo ad arretrare. Daniel gli afferra il braccia e lo lancia contro le corde. Big Boo…NO!! Steed si scansa continuando la sua corsa! The End a segno!! Una incredibile spear di Steed che ribalta di nuovo il match in suo favore! Daniel però si porta velocemente vicino alle corde evitando così un possibile schienamente. Simon colpisce con dei calci le costole e l’avambraccio del nobile, il quale riesce a mettersi in ginocchio. Steed spegne l’anima di rivincita di Daniel con una ginocchiata allo stomaco. Irish whip che porta Stuart verso le corde, rimbalzo e… Zzyzx Road di Steed!!! Taekwondo Jumping Knee Strike! NO!! Daniel si scansa all’ultimo, andando alle spalle del campione. Simon si volta per cercare l’avversario…

Deep Vanity!!!!!!!
Jumping 3/4 Facelock Bulldog a segno!!!

Daniel riesce a connettere la sua finisher e ora la pratica sembra conclusa. Il pin è quasi una formalità…


1…

Stuart si aiuta con le corde!!

2…

3…

NO!! All’ultimo istante Steed ha alzato la spalla!! Stuart non ci crede! Il nobile è preso dall’ira verso l’arbitro e tra i due si accende un diverbio che tra poco non sembra concludersi solo a parole. Attenzione!!!
Roll up improvviso di Steed ai danni del nobile!!!

1…

2…

solo conto di due!! Stuart è il primo a rialzarsi, carico come non mai. Colpisce subito al volto Simon con delle gomitate. Senza perdere troppo tempo lo afferra e… Noble Boy Style! Full Nelson Forward Russian Leg Sweep!! Brutto colpo per Steed, ma Daniel sembra non voler concludere qui. Senza aspettare neanche un minuto di più lo rialza e… Irish whip sul paletto! Stuart inizia a colpire Steed con dei pugni e l’arbitro inizia a contare. Stuart però guarda male l’arbitro che per la paura fa qualche passo indietro, ma non smette di fare il suo lavoro. Daniel però non sembra importargliene più ormai. Con brutalità afferra Steed e lo fa salire sopra il paletto, per poi raggiungerlo. Timida reazione di Steed che per poco non faceva cadere il suo avversario, ma Daniel se ne ravvede subito e assesta un colpo ben piazzato al setto nasale di Simon. Il nobile vuole ripetere la sua manovra conclusiva dalla cima del paletto!!!
Alza le braccia al cielo, afferra la testa di Steed e… Ginocchiata liberatoria di Steed!! Che senza pensarci due volte si butta Afferrando lui la testa di Stuart e…

Need 4 Steed!!!!!!!
Modified Edgecution a segno!!
L caduta non è stata delle migliori, né per Daniel né per Simon. I due rimangono stesi a terra, ma Steed sembra riuscire a trascinarsi. L’arbitro deve iniziare il conteggio, quando dal pubblico ecco che qualcuno scavalca le transenne e si fioca sul ring… è Dylan McZax! Il compagno della Legacy si presenta ad aiutare il suo compare! L’arbitro però lo blocca prima ancora che riesca ad entrare con tutto il busto oltre le corde.

Aspettate un attimo!! Dalla parte opposta del ring ecco accorrere Pedro Da Reis!! The Special One of Pro-Wrestling sale velocemente sul ring e… Buyout Clause!!! Tremendo Punt Kick sul campione che riuscitosi a mettersi in ginocchio cercava di raggiungere l’avversario ancora a terra. Pedro afferra velocemente Stuart, mettendolo sopra Steed e abbandona il ring il più in fretta possibile sotto i fischi del pubblico. Mczax dopo aver fatto la sua parte “si fa convincere” ad abbandonare il ring. L’arbitro si volta e non può che andare a contare per il pin…

1…

2…

3…

Daniel Stuart vince la semifinale del King of Rome, qualificandosi per la finale, ma soprattutto diventa il nuovo FWF World Heavyweight Champion!! Gli altri due soci della Legacy vanno ad aiutare il compagno che non ha finito ancora di combattere per questa sera.

Daniel Stuart batte Simon Steed (10:05) con un'interferenza esterna e conquista il titolo
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
Red Revolution Raven
Member Avatar
The Ugly
Backstage del Cinecittà World Special Ring, la telecamera inquadra Aelita Zaytsev seduta su una sedia... E dietro di lei c'è Lilith che la osserva girandole attorno! Che diavolo sta facendo la campionessa FWF??? Anche la russa sembra piuttosto a disagio e le lancia qualche occhiataccia ma cerca di non esagerare, dato che le due questa sera lotteranno insieme. Finalmente Lilith si decide a parlare.

L: "Meravigliosa! Sei davvero meravigliosa! Una perfetta macchina da guerra: ogni tuo singolo muscolo è allenato per distruggere ogni avversario, ogni tua articolazione è fatta per annientare il nemico!"

L: "Tu sei ciò che ho sempre cercato... Un partner alla mia altezza! Qualcuno capace di aiutarmi a portare violenza e distruzione sui ring di tutto il mondo! Non Eve Sins, non Grianne Granger... AELITA ZAYTSEV!"

Aelita resta in silenzio fissando il vuoto dopo le parole di Lilith, per poi alzarsi in piedi ed osservare la sua compagna di stasera dall'alto dei suoi 204 centimetri.

AZ: Siediti.

Lilith non se lo fa ripetere due volte, contraddire Aelita sarebbe un errore molto rischioso per la propria incolumità. La campionessa si siede... E Aelita solleva la sedia con Lilith sopra! La porta sopra la sua testa! La campionessa FWF urla e si agita, rischiando di cadere, ma Aelita la rimette giù prima che possa farsi un volo di due metri e mezzo. Aelita va faccia a faccia con la sua compagna di stasera.

AZ: Hai dannatamente ragione. Sono una macchina da guerra, ogni cellula del mio corpo é stata creata per distruggere e devastare tutto ciò che si mette tra me e il mio obbiettivo. Tu non sei esclusa, Lilith.

AZ: Fai una qualsiasi cazzata durante il nostro match e mi assicurerò che tu non possa più mettere piede in un ring di wrestling. Un touch mancato, un attacco alle spalle e ti ritroverai con gli arti fratturati, costole incrinate e il titolo sulla mia spalla. Hai ragione, non sono come le altre ragazze. Sono molto di più.

Lilith fa un piccolo passo indietro.

L: "Non lo metto in dubbio, mia cara Aelita... L'ultima delle mie intenzioni è quella di incorrere nella tua ira, anzi! Spero che la nostra collaborazione possa dare i suoi frutti e che possa continuare anche in futuro..."

L: "Pertanto non temere e fidati di me... Sono una serpe velenosa, è vero... Ma con te ho tutto l'interesse a tenere le mie fauci ben chiuse."

Lilith ora si allontana di parecchi passi e sta quasi per girare un angolo, ma ha un'ultima cosa da dire.

L: "E in ogni caso, non sentirti troppo sicura... Probabilmente se dovessi vedermela contro di te, soccomberei in pochi istanti. Ma anche io ho i miei assi nella manica e dubito che tu riusciresti a sopravvivere se venissi accerchiata dagli eXiled Souls al gran completo!"

L: "Ci vediamo più tardi, Aelita!"

Lilith lascia la scena, mentre Aelita tira fuori dal borsone dei pesi e comincia a fare esercizi di riscaldamento.

AZ: Stupida... Non mi interessa quanti sottoposti tu abbia, ti ho mostrato solo il 5% del mio potenziale... Non sono io che devo guardarmi le spalle, sei tu che devi farlo. Один...два...три...четыре...пять...шесть...семь...восемь...девять...десять...

Posted Image

Siamo tra i corridoi degli studi di Cinecittà.
La telecamera è in compagnia di Rachel Stowen, la ragazza sembra stia cercando qualcuno e quel qualcuno, dopo qualche secondo, si rivela essere Zoey Di Maggio!

La CEO della Fight For Honor sarà impegnata nella Battle Royal per i titoli di coppia Thèa assieme alla Stowen ed è proprio la ragazza londinese la prima a parlare.

RS: "Ciao Zoey, sai è tutto il pomeriggio che ti cerco, volevo discutere della strategia per il nostro match. Tu sei stata una pluricampionessa, e il mese scorso quando ci siamo affrontate ho avuto modo di imparare qualcosa da te. Io voglio vincere stasera e fare miei quei titoli e se c'è qualcuna che mi puó aiutare in questo, quella sei tu!"

Rachel sembra sincermente contenta di poter far coppia con la Di Maggio che, di contro, semra assente con la testa.

RS: "Oltretutto Zoey, ora che anche David è dalla tua parte noi potremmo formare una grandissima squadra. Noi sei contenta di questo?!"

La Devil's Muse fissa Rachel, scuotendo il capo.

Z: "Io non avrei mai voluto essere inserita in questo incontro, Rachel. Perché l'unica cosa che voglio realmente, ora, è chiudere la questione con Chelsea. Questo incontro non fa nient'altro se non distogliermi da quel che è il mio reale obiettivo, quello che otterrò al prossimo show della Thea. Tutto ciò è soltanto una perdita di tempo."

Z: "Ma cercherò di vedere il bicchiere mezzo pieno, dopotutto ci sono delle cinture in palio, cinture che io stessa ho detenuto. Le detentrici sono le stesse che mi hanno privato del mio primo titolo, di certo non mi mancano gli stimoli per fargliela pagare. Inoltre..."

C: "Bene, bene, bene..."

Chelsea, assieme a Maria, entra nell'inquadratura.

C: "A quanto pare il nostro obiettivo è lo stesso, cugina. Esattamente come te, sono desiderosa di riprendermi quelle cinture, stavolta però dando a quelle cinture il prestigio che meritano, con una tag team partner come si deve. Conosci Maria, vero? Probabilmente ti avrà giù distrutto in un'occasione."

Zoey e Rachel lanciano uno sguardo verso la glaciale seguace di Charles Casey.

C: "Sarò io a presentarmi col titolo nel prossimo show della Thea. E finalmente avrò il mio momento di gloria. Ma per stasera, mi limiterò a restituirti quanto mi hai fatto nel nostro ultimo scontro fisico."

Chelsea se la ride, fissando Zoey che, irritata, improvvisamente si lascia coinvolgere dalla risata.

Z: "E perché rimandare?"

Minacciosa, la Devil's Muse fa un passo in avanti, ma Rachel e Maria dividono le cugine, evitando l'ennesimo scontro! Le due però tra non molto avranno una battle royal da disputare, un preludio a quello che sarà lo scontro che più conta, il match singolo a Vampires Concubine.

CAMERA FADES

Posted Image

Primo match della serata esterno al torneo. Ad essere difesi saranno i titoli THÈA Divas Tag Team, la federazione femminile voluta dalla International Board di Sir Benson. Gli allori di coppia saranno difesi in una Battle Royal a 8 tag team, le eliminazioni potranno avvenire sia per lancio oltre la terza corda che per pin, submission e KO e saranno individuali, quindi per estromettere un tag bisogna eliminare entrambe le lottatrici. Sul ring sono già presenti le 7 coppie sfidanti, e adesso è il turno delle campionesse.
Eve Sins & Safiye arrivano nei loro neri e sensuali costumi da Pleasure & Delight, provocando boati ormonali vari.
Sul ring c'è Rachel Blows, la rispettata arbitro della WTF, assistita a bordo ring dagli arbitri FWF Giorgio Mastrota e Maurica Pronomì.
Le lottatrici sono disposte sul ring per coppie, con Lilith che è messa a sedere sopra il paletto coperta dalla gigantessa Aelita Zaytsev, 2 metri di donna bionda ed incazzata. Il match può iniziare.

DIN! DIN! DIN!

4th Match - THÈA Divas Tag Team Title – Tag Team Battle Royal :
Pleasure & Delight (Eve Sins & Safiye) © vs. Chelsea & Maria vs. Harajuku Crusher & “PINK Rabbit” Miku vs. Lilith & Aelita Zaytsev vs. Muirne Maggruder & Pilàr Velasco vs. Reina Explosiva & Chica Mariposa vs. Scarlett Rouge & Grianne Granger vs. Zoey Di Maggio & Rachel Stowen


Fase di studio iniziale. Lilith rimane seduta sul paletto, davanti a lei è ancora posizionata Aelita Zaytsev.
La russa avanza di qualche passo, accorgendosi che tutte le altre lottatrici sono in qualche modo disposte a coalizzarsi per eliminarla.
Gesto con la mano, fatevi sotto... momento di attesa... scatta quella pazza di Scarlett Rouge. La russa intercetta l'avversaria con una sberla potente rumorosa che la sbalza via, ma ecco che arriva Muirne Maggruder ma anche lei viene intercettata, sollevata senza sforzo e schiacciata a terra... BODYSLAM!!!! Ma si attacca ancora, Zoey Di Maggio & Rachel Stowen ci provano insieme, ma la prima viene afferrata per il collo e la seconda stesa con una OVERHEAD CHOP!!! Aelita schiaccia al suo anche Rachel... CHOKESLAM!!!
Lillith se la gode dal paletto, mentre le altre lottatrici si allontanano verso le corde, tutte tranne l'altra genio Grianne Granger che prova l'attacco frontale e la russa intercetta ancora, solleva... sopra la testa... e butta via... MILITARY PRESS FUORI DAL RING!!!!
Addio Grianne, non mancherai a nessuno, prima eliminazione davvero violenta.

1st Elimination: Grianne Granger (da Aelita Zaytsev tramite lancio oltre la terza corda)

Adesso tutte su Aelita, o meglio quasi tutte. Oltre la compagna Lilith, anche Eve Sins è rimasta in un angolo. Le altre stanno provando a pressare la russa per farla finire oltre la terza corda, addirittura Scarlett e “PINK Rabbit” Miku sono a cavallo delle corde per spingere la Zaytsev. Maria si stacca dal gruppo, breve rincorsa a pressare!!! Che impatto e Miku viene sbalzata giù dal ring!!! Seconda eliminazione.

2nd Elimination: “PINK Rabbit” Miku (finendo oltre la terza corda)

Il gruppo si sfalda, Aelita riesce ad allontanarsi dalle corde spintonando via le avversarie, ma Maria attacca ancora affondando un paio di colpi. Reazione della gigantessa, chiude l'atleta 2FH in un Clinch, alcune ginocchiate e tentativo di sollevamento. Maria prova a rimanere a terra, la Aelita la scolla dal tappeto... BODY SL... NO! Safiye, Rachel, Chelsea e Chica saltano all'unisono per colpire con un quadruplo DROPKICK!!! La Zaytsev perde l'equilibrio e cade all'indietro con sopra Maria, e come se non bastasse tutte le lottatici vicine si mettono sopra!!! Aelita è schienata da una marea di lottatrici!!! Lilith non può nulla, pin...

1...
2..
3!!!1

Aelita eliminata da una variegata coalizione.

3rd Elimination: Aelita Zaytsev (da Maria via pin)

Eliminata la gigantessa, può iniziare un match diverso, anzi può iniziare la vera battaglia.
L'azione riprende subito con Lilith che prova a buttare Safiye oltre la terza corda, interviene Eve a difendere la compagna, intanto arrivano anche Reina Explosiva e Rachel Stowen. Al centro del ring il resto del gruppo si da battaglia, soprattutto Zoey e Chelsea.
Sulla corda Reina allontana Lilith, mentre Safiye ed Eve provano ad eliminare Rachel, nel frattempo dal lato opposto Muirne Maggruder & Pilàr Velasco attaccano Harajuku portandola sulle corde prima di fulminarla con un DOUBLE LARATI!!! Fuori dal ring, eliminata.

4th Elimination: Harajuku Crusher (da Muirne Maggruder & Pilàr Velasco)

L'azione diventa concitata e difficile da seguire, si combatte per tutto il ring. Reina sta pressando Maria nell'angolo, arriva l'altra messicana Mariposa a dar manforte, ma arriva anche Safiye che interferisce nell'azione, seguita subito dopo da Eve che però viene attaccata da Lilith, a sua volta intercettata da Rachel. La Generalessa decide quindi di defilarsi uscendo dal ring sotto la prima corda.
Al centro del ring Zoey e Chelsea continuano a lottare la loro battaglia personale sfociando nel bieco “cat fight”.
Reina e Chica insistono su Maria tenendola all'angolo con l'aiuto di Scarlett, intanto Safiye e Rachel si aggiungono alla ressa sulle corde con Lilith, Muirne, Pilàr. Eve ritorna sul ring sorprendendo Lilith alle spalle!!! Intanto Maria esce dalla morsa delle tre avversarie con una rush di colpi impressionanti, quasi tutti indirizzati a Scarlett che viene poi sollevata per un BRAINBUSTER!!!! Pin!!!!

1...
2...
3!

Eliminata anche Scarlett.

5th Elimination: Scarlett Rouge (da Maria via Brainbuster)

Neanche il tempo di finire che Maria viene subito attaccata dalle due messicane.
Lilith ha sollevato Eve sulle spalle a prova a buttarla giù dal ring, ma La Geralessa trova appiglio nella corda. Rachel e Safiye si difendono dalla coppia Muirne & Pilàr, intanto ancora Zoey e Chelsea danno spettacolo in solitaria: Elbow Rush di Zoey, Chelsea evita e contrattacca con un ginocchiata, prova poi la rincorsa... DROPKICK a segno!!! Safiye è alle spalle di Muirne... RELASE GERMAN SUPLEX!!!
Maria nel frattempo salva indirettamente Eve attaccando Lilith, Reina Explosiva & Chica Mariposa invece attaccano Muirne Maggruder & Pilàr Velasco, infine Safiye battaglia con Rachel. Ma la situazione si evolve con Maria che decide di aiutare la sua compagna Chelsea contro Zoey. Scambi vari, Safiye centra Muirne con un RIGHT HIGH KICK!!! Eve intercetta la caduta dell'irlandese con uno School Boy Pin...

1...
2...
3!

6th Elimination: Muirne Maggruder (da Eve Sins via School Boy Pin dopo un Right High Kick di Safiye)

Neanche il tempo di contare questo pin che Maria solleva Zoey... SIT-OUT POWEBOMB!!! Pin...

1...
2... INTERVENTO DI RACHEL!!!

Zoey viene salvata dalla tag partner di questa sera, Chelsea attacca la “salvatrice”, a treno arriva il resto del gruppo, tranne Eve che vedendo ancora la Di Maggio stesa si mette sopra per un pin facile facile...

1...
2...
3!!!

7th Elimination: Zoey Di Maggio (da Eve Sins via pin dopo una Sit-Out Powerbomb di Maria)

La strategia “parassitaria” di Eve gli è valsa sue eliminazioni. Intanto sul ring sono rimate 3 coppie e 3 solitarie.
Safiye, Reina e Rachel cingono d'assedio Maria e Chelsea all'angolo, mentre Lilith e Pilàr preferiscono staccarsi per accanirsi su Mariposa. La bionda spagnola carica la messicana... Lariat... la mascherata sta per finire fuori dal ring ma arpiona il braccio di Pilàr... Lilith ne approfitta per eliminare entrambe, alza la gamba della figlia d'arte e fuori dal ring, doppia eliminazione!!!

8th Elimination: Chica Mariposa (da Lilith tramite lancio oltre la terza corda)
9th Elimination: Pilàr Velasco (da Lilith tramite lancio oltre la terza corda)

Intanto vicino al paletto... LIGHTS OUT!!! Rachel su Chelsea, Pin...

1...
2...
3!!!

10th Elimination: Chelsea (da Rachel via Lights Out)

Una sola coppia, le campionesse, contro 4 solitarie, una specie di handicap match, anche se ogni alleanza potrebbe essere inutile. Ma un attimo qualcuno sta tornando in scena... AELITA ZAYTSEV!!! La russa forse si stava annoiando nel backstage, infatti sta tornando a bordo ring. Nel frattempo, Lilith prova a buttare Eve giù dal ring, nel frattempo le altri ci provano a farlo con Maria. Safiye, Rachel e Reina spingono come insieme contro la discepola della 2FH. Eve cade sull'apron, Lilith la spinge con i piedi e la manda di sotto. ELIMINATA!!!!

11th Elimination: Eve Sins (da Lilith tramite lancio oltre la terza corda)


Aelita è arriva proprio dove Maria pende verso l'esterno del ring. Allunga la manona afferrando la nera che ormai spinta da 4 donne cade giù dal ring, eliminataaaaa! La russa non ha digerito la sua eliminazione e si sta vendicando pestando Maria.

12th Elimination: Maria (da Safiye, Rachel Stowen e Reina Explosiva tramite lancio oltre la terza corda)

Adesso tutti contro Safiye! Le tre sfidanti attaccano duramente la campionessa rimasta sul ring, ad un tratto però Rachel attacca prima Lilith e poi Reina. L'inglese afferra la serba, Irish Whip contro il paletto, corsa di Rachel, Lilith si abbassa e fa leva alzando l'avversaria che finisce sopra l'apron... calcio della campionessa FWF e la Stowen cade giù. Eliminata.

13th Elimination: Rachel Stowen (da Lilith tramite lancio oltre la terza corda)

Lilith e Reina puntano Safiye che aveva trovato rifugio all'angolo, mentre a bordo ring c'è ancora Aelita che ha finito di mazzulare Maria.
Reina non ha pietà... FACEWASH!!! Per quattro volte la messicana “sfrega” il piede sulla faccia della turca. Tocca quindi a Lilith che spinge con il piede sul petto di Safiye per lunghi istanti prima di spostarsi per dare il “cambio” a Reina che adesso realizza un FACESTINK!!!
E la Turkish Delight fa quello che molti vorrebbero fare: conoscere il deretano di Explosiva.
Ancora un cambio, Lilith in rincorsa... LOW DROPKICK!!! Ouch!!! Povera Safiye. Le due sfidanti si guardano con circospezione, nessuna si fida dell'altra, ma alla fine decidono di rialzare insieme la turca. Doppio Irish Whip contro il paletto opposto, Lilith scatta per pressare l'avversaria... ma Safiye si scansa!!! Lilith contro le protezioni, parte anche Reina... ma Safiye la dribbla portandosi alle sue spalle e spingendola verso Lilith. Azione non stop, la Turkish Delight corre verso la serba ancora nell'angolo schiacciandola... SPEAR!!!
Safiye si volta, Reina le sta venendo incontro... braccio teso, evitato, la turca si abbassa e prende un nuovo rimbalzo... Running Knee, la messicana si piega, la turca la intercetta... UNSWEET LOKUM!!! Pin...

1...
2...
3!!!

Reina eliminata!

14th Elimination: Reina Explosiva (da Safiye via Unsweet Lokum)

Neanche il tempo di rialzarsi dal pin che Lilith inizia a prendere a calci Safiye. La campionessa FWF rialza la Turkish Delight, cintura da dietro... Safiye sgomita e si libera dalla morsa... BACKFIST CHOP!!! Lilith viene colpita dal manrovescio, la turca schizza verso le corde per prendere la rincorsa... è cade! O meglio è stata AELITA ZAYTSEV!!! Da bordo ring la russa ha afferrato le caviglie della turca facendola cadere in avanti. Fischi del pubblico, ma ecco che arriva qualcuno ad attaccare la russa... EVE SINS!!!
Come una chihuahua contro una alano, la Generalessa si attacca alla gamba della Zaytsev. Ma è tutto inutile, perché sul ring Lilith ha raggiunto Safiye, la rialza, ginocchiata e SNAP DDT!!!! Pin...

1...
2...
3!!!!

Il match è finito!!!

15th Elimination: Safiye (da Lilith via Snap DDT)

Ed abbiamo due nuove campionesse.

Unorthodox Sisters (Lilith & Aelita Zaytsev) sconfiggono Pleasure & Delight (Eve Sins & Safiye), Chelsea & Maria, Harajuku Crusher & “PINK Rabbit” Miku, Muirne Maggruder & Pilàr Velasco, Reina Explosiva & Chica Mariposa, Scarlett Rouge & Grianne Granger e Zoey Di Maggio & Rachel Stowen (16:18) conquistando i titoli.

Lilith è la prima “absolute champion” della THÉA, vincendo da campionessa FWF World Women's la cintura THÈA Divas Tag Team al fianco della possente Aelita Zaytsev. La russa nonostante l'eliminazione nei primi frangenti del match, frutto di una coalizione contro di lei, riesce ad essere decisiva nonostante tutto. Le due Unorthodox Sister vengono premiate con i titoli, e la bi-coronata Lilith alza al cielo i suoi trofei in segno di scherno verso le Pleasure & Delight che abbandonano la scena quasi in lacrime.

Posted Image

Si è concluso da poco l'incontro femminile, che vedeva tra le tante lottatici come protagonista Zoey Di Maggio. La Devil's Muse si trova nel proprio camerino, dinnanzi allo specchio. Zoey si lascia andare ad un profondo respiro, chiudendo gli occhi. Nel riaprirli, però, alle sue spalle nota la presenza di Conor Myers.

Z: "Perché sei qui? Hai un incontro da preparare."

Sorrisetto della bionda. Conor è appoggiato ad una parete e risponde con un sorriso di scherno.

CM: "Ho altro da pensare in questo momento. Nelle ultime settimane ho avuto modo di riflettere sui Muse's Demons, sul perché della loro nascita. Fin dal momento in cui ho accettato di farne parte, non ho mai pensato un solo secondo che questa sia un'alleanza priva di un protagonista. Ma non avendo alcuna prova, non ho mai recriminato nulla nei tuoi confronti Zoey. Non ho mai avuto nulla da ridire...Fino a Galaxian Wars, fino all'ultimo grande evento della tua Fight For Honor."

Zoey si aggiusta i capelli, voltandosi verso Myers. L'Imperfetto avanza con dei passi decisi.

CM: "La tua ascesa alla carica di CEO della Fight For Honor, ma sopratutto la creazione del Project Lobotomy. Tu avevi in mente sin dal principio, sin da quando sei divenuta una donna di questo business, di possedere una federazione. Ma per farlo, avevi bisogno di circondarti di talenti in grado di renderti pericolosa non solo a parole, ma anche con i fatti. Non hai fatto altro che utilizzare la nostra notorietà per alimentare la tua e, nel momento più opportuno, ti sei infiltrata nella 2FH...E sappiamo benissimo com'è andata."

Sorride maleficamente la Devil's Muse, ma quello non è un semplice sorriso. Nasconde un pizzico di irritazione, di frustrazione per, probabilmente, esser stata scoperta da Myers. Tra i due c'è uno scambio di sguardi, interrotti da una serie di lenti e ironici applausi.

HH: "E così un imperfetto è in grado di ragionare in un modo così...Perfetto?"

Hiroyuki Hasegawa entra in scena.

HH: "Bravo Myers, mi meraviglio delle tue capacità. Eppure, avresti dovuto capirlo prima, poiché quella che tu credi sia una realtà nuova, una novità, per me non è altro che una vecchia storiella di poco conto. Il Japanese Motherfucker aveva sin dal principio compreso, seppur non nei dettagli, che dietro ai Muse's Demons c'era qualcosa di ben diverso. Zoey voleva solo usarmi? Eppure, sono io che ho usato Zoey Di Maggio. Sono emerso da quell'ammasso di immondizia chiamato AVLL conquistando un titolo R-Pro e avanzando nel torneo Two Worlds One Cup, un torneo che conquisterò senz'altro."

Conor fissa in cagnesco il nipponico.

CM: "Quindi, sei così patetico e inutile, uno scarto del pro-wrestling, a tal punto da farti usare da questa donna?"

SH: "Eppure tu non hai fatto lo stesso, Conor?"

Shane Hero! Anche il wrestler di Chicago entra in scena, con un sorrisetto malefico.

CM: "Se l'avessi capito, a quest'ora avrei già distrutto i Muse's Demons. Cosa che farò stanotte, quando umilierò entrambi, quando vi sottometterò all'imperfezione. Visto che questa biondina sembra aver tratto ogni beneficio del caso da noi tre, non ne ha più bisogno."

SH: "Quindi quel muso giallo si è venduto come una delle peggiori prostitute, con il solo scopo di ottenere successo, mentre tu entro stanotte hai intenzione di distruggere i Muse's Demons, dopo aver vinto il match a tre. A nessuno interessa quello che è effettivamente l'unico importante parere? Quello di Shane Hero, chiaramente. Perché mentre voi giocate a chi ce l'ha più lungo, io me ne resto in silenzio a divertirmi, osservando la scena di due esseri patetici che non hanno ancora capito chi è che stasera godrà. Quello tra i due litiganti, come al solito."

Hero allarga le braccia.

SH: "Non ho intenzione di sottomettermi ad un venduto né di vedere i Muse's Demons sparire. Ma non ho intenzione di proseguire questa strada che mai ho sentito sulla mia pelle. Del nome dei Muse's Demons mi interessa poco o niente. Dei suoi componenti? Invece desto interesse, due sottomessi pronti a mettere una pezza laddove ne ho bisogno fa sempre comodo. Questo è ciò che fa Shane Hero."

Fissa Hasegawa.

SH: "Non si vende tanto facilmente..."

Fissa Myers.

SH: "E non distrugge senza alcun criterio. Trae vantaggio da qualsiasi situazione. In un modo o nell'altro. Abituatevi, perché da stanotte diventerete solamente delle pedine."

Shane lascia il camerino, con Conor e Hasegawa che fissano Zoey.

HH: "E' stato un piacere servirti, Lady."

Zoey abbozza un sorrisetto malefico, mentre Hiroyuki si allontana.

CM: "Ti toglierò quel sorrisetto dal volto quando stanotte spezzerò il collo al tuo Shane."

Ma Zoey non cambia espressione. Myers stringe i pugni, lasciando l'inquadratura stizzito.

CAMERA FADES

Posted Image

Passiamo al penultimo incontro della serata, valido per la Leadership dei Muse's Demons. A scontrarsi saranno Conor Myers, Hiroyuki Hasegawa e Shane Hero. I tre sono all'interno del quadrato, si attende solo il suono della campana che decreterà l'inizio dell'incontro.

5th Match - Muse's Demons Leadership - 3Way Match:
Conor Myers vs. Hiroyuki Hasegawa vs. Shane Hero


DIN DIN DIN!!!

L'incontro ha ufficialmente inizio! I tre si studiano a distanza, avvicinandosi lentamente al centro del ring, cercando di mantenere alta la concentrazione...Ad un certo punto poi Hero colpisce con un calcio al busto Myers! Conor però reagisce mettendo all'angolo l'avversario e lo colpisce con un pugno! NO! Myers si abbassa e inverte le posizioni, nota con la coda dell'occhio che nel frattempo Hiroyuki scatta verso di lui e si scansa...Corner Splash di Hasegawa su Conor! L'Imperfetto barcolla, Hero si lancia alle corde tentando un braccio teso, ma Hasegawa lo para! E lo spinge alle corde, Big Boot a segno! NO! Hero rotola via, fuori dal ring! Hasegawa allarga le braccia, alle sue spalle però arriva Myers che lo colpisce con una ginocchiata violenta alla schiena! Hiroyuki si inginocchia al tappeto!

Conor poi scatta alle corde e si lancia verso Hero, tentando un Suicide Dive! Ma il wrestler di Chicago lo frena con un European Uppercut tra la seconda e la terza corda! Myers indietreggia stordito, Shane sale sulla terza corda, andando a segno con un Missile Dropkick! Myers rotola fuori dal quadrato mentre Hasegwa si rialza. Hiroyuki si avvicina a Hero e lo lancia alle corde con una Irish Whip, per poi raggiungerlo con una ginocchiata al busto! Shane si piega stordito al centro del ring, Hasegawa scatta alle corde e va a segno con una ginocchiata in pieno volto! Crolla al tappeto Hero, che poi striscia alle corde, Hiro allora lo lancia alle corde ma Shane para il Lariat! E SUBITO DOPO UNO SCHIAFFO IN PIENO VOLTO!! Hasegawa rimane stordito, Hero scatta alle corde...

MA IL LOTTATORE GIAPPONESE VA A SEGNO CON UN BIG BOOOT!!!
E C'E' IL PIN DA PARTE DI HIROYUKI!

Uno!

Due!

Solo due!!

Shane rotola fuori dal quadrato, mentre Myers entra nel quadrato e colpisce con un calcio al ginocchio destro il giapponese! Hasegawa si volta zoppicante e Conor lo colpisce con un Superkick! Hiro tenta di reagire spingendo l'avversario alle corde, Myers però evita il braccio teso...E SI LANCIA CON UN SUICIDE DIVE SU SHANE!!! MANOVRA ASSURDA DA PARTE DI MYERS!! L'Imperfetto si rialza sorridendo maleficamente, poi si volta, BIG BOOT DI HASEGAWA CHE LO FA VOLARE OLTRE IL TAVOLO DEI COMMENTATORI!! Hiroyuki allora prende Hero portandolo nel quadrato. Se lo carica, ANDANDO SUL PALETTO! WHAT?! Hasegawa sale sulla seconda corda sedendosi all'angolo, per poi posizionarsi Hero sulle spalle! Il pubblico tiene il fiato sospeso...HASEGAWA PROVA UNA POWERBOMB! MA HERO CON DEI PUGNI RIESCE A STORDIRLO...

HURRICANRANA DAL PALETTO DA PARTE DI HERO!!!

PIN!

Uno!

Due!

Solo due! Il pubblico è incredulo! Shane si rimette in piedi cercando di tenere alto il ritmo, posizionandosi all'angolo. Si riposa qualche istante...MA MYERS VA A SEGNO CON IL DROPKICK ALL'ANGOLO!! Hero si siede all'angolo stordito, nel frattempo Hasegawa si rimette in piedi. Lui e Conor vanno faccia a faccia...HASEGAWA PROVA UN ROLLING ELBOW, FALLENDO! Myers allora va a segno con un Pelé Kick! Hasegawa rimbalza alle corde e viene colpito da un Rolling Elbow! NO NO NO! European Uppercut del nipponico, Myers rimbalza stordito alle corde...LARIAAAAT! NOOOO! L'HA PARATO! E ALLA FINE MYERS LO METTE A SEGNO CON UNA ROLLING ELBOW!!! Hasegawa rotola fuori dal ring e Myers va sulla terza corda...

PROVA LA 630 SENTON SU HERO!!!
MA SHANE ALZA LE GINOCCHIA!!!

HOLY SHIT!!!
HOLY SHIT!!!
HOLY SHIT!!!

Myers rimane al tappeto, Hero allora si rialza immediatamente, Hasegawa torna nel ring e viene colpito da un Superkick! Sbatte all'angolo...SPLASH TO CORNER!! Hasegawa barcolla al centro del ring, Shane allora va all'apron...SPRINGBOARD FOREARM SMASH!!! Myers si è rialzato, volta di se Hero e prova a lanciarlo fuori dal ring, andando a coprire Hasegawa! Uno...Due...Solo due! Myers si rimette in piedi, poi si volta..HERO SI LANCIA CON UN ALTRO SPRINBOARD FOREARM SMASH!! Ma non si accontenta, rialzando immediatamente l'Imperfect Human Berzerker, ANDANDO A SEGNO CON LA HERO SILVER EDITION! HURT DONUTS A SEGNO!!

UNO!

DUE!

TRRRR...NOO!! Solo conto di due! Hero mette le mani nei capelli, fissando l'Imperfetto. Hasegawa allora prova a rientrare nel ring, Shane prova ad ostacolarlo ma Hiroyuki lo colpisce con un placcaggio tra le corde. Hero si volta, venendo colpito da un Pelé Kick di Myers...E UN SUCCESSIVO LARIATTOOOOO DEL JAPANESE MOTHERFUCKER!!! Shane però rotola fuori dal quadrato per la disperazione di Hasegawa, che aveva messo a segno la sua miglior manovra! Ma non c'è tempo di disperarsi, Myers lo prende da dietro...THIS TIME IMPERFECT! NO! Gomitate da parte di Hasegawa, che poi si lancia alle corde...LARIAAAAAAAAAT DA PARTE DI HASEGAWA!!!

UNOOOO!

DUEEEEE!

TREEEEE!!!

MA MYERS HA UN PIEDE SULLA CORDA! Hasegawa lo trascina via, Conor però con i piedi lo spinge, avendo il tempo di rialzarsi. Hasegawa prova a raggiungerlo scattando, ma Myers va a segno con un Superkiiick! Hasegawa crolla al tappeto, Myers allora si dirige sulla terza corda! E VA A SEGNO CON LA DOUBLE ROTATION MOONSAULT! REQUIEM A SEGNO! LA SUA MIGLIOR MANOVRA!! Myers si rialza e prova a coprir...

END OF STORY!!!
END OF STORY!!!
END OF STORY!!!

SPEEEEAAAAARRRR DI HERO!!!

UNOOOOO!

DUEEEEEE!

TREEEEEE! TRE! TRE! TRE!

Shane Hero sconfigge Conor Myers e Hiroyuki Hasegawa (12:21) con la End of Story.

Posted Image

La telecamera ci porta nei parcheggi di Cinecittà. Arriva una macchina che si ferma proprio davanti all'entrata dei lottatori. Dal sedile posteriore esce un uomo, ma non capiamo chi è. Porta una hoodie nera con il cappuccio alzato, jeans scuri e converse ai piedi. La telecamera lo segue di nascosto e l'uomo non sembra accorgersi di essere inquadrato. Dopodiché entra nell'arena e si fa strada per il backstage. L'uomo misterioso chiede ad un addetto qualcosa, ma non riusciamo a capire cosa. Lo vediamo entrare in un camerino... E' QUELLO DI SAFIYE!! E l'uomo si toglie il cappuccio...

SELIM ARKIN!!

Il giovane turco è venuto qui a Roma per parlare con la giovane ragazza, autrice di un autentico salvataggio nei confronti del futuro del pro-wrestling.

SA: “Ciao Safiye.”

La Turkish Delight strabuzza gli occhi (non lo si scriveva da tempo), ma è troppo stanca e delusa dalla sconfitta patita per accennare una reazione degna di tale nome.

SF: “Sei venuto fino qui? Vuoi seguirmi ancora per molto?”

SA: "Si, sono venuto fin qui perché devo dirti una cosa. Non voglio seguirti per molto, ma ti chiedo di ascoltarmi solo ora."

SF: “Qualunque cosa tu voglia dirmi non è il momento. Devo fare la doccia e poi riposare... Maledetta Lilith.”

La frustrazione nella voce della ragazza è palese.

SA: "Ti prego Safiye, aspetta solamente un minuto! È tutto ciò che ti chiedo, non voglio disturbarti."

SF: “Avanti... dimmi...”

Safiye si siede seccata ma sembra aver ceduto alla richiesta del giovane Arkin.

SA: "Grazie per ciò che è successo in WFS. Se non fosse stato per te in questo momento non avrei neanche la possibilità di dimostrare ciò di cui sono capace. In questo momento sarei caduto nell'oblio, ma grazie a te sono ancora qui."

SF: “Non ti illudere, non l'ho fatto per te. Troppo sangue è stato versato inutilmente tra membri dell'nTo, in nome di Allah non posso sopportare di vederne altro.”

SA: "So che non è così. So che nonostante tutto ciò che è successo tra noi due, tu provi ancora un briciolo di bene per me! L'hai fatto per me, perché se mi odiassi veramente mi avresti lasciato in balia di Kemal."

Safiye sbotta spazientita.

SF: “Insomma hai le gambe ancora tutte intere che altro vuoi? Fuggi via da qui.”

SA: "Ti prego Safiye. In nome di tutti i momenti di difficoltà che abbiamo passato insieme. Cerca di ricordare che solo a causa di mio fratello io non c'ero. Ma ora, se vuoi ci sono per recuperare il tuo rispetto dopo tutti gli errori commessi. Scusa, Safiye."

La Turkish Delight sembra indifferente alle parole del giovane.

SF: “Selim sono sul ring da quando avevo 18 anni. Non sono vecchia ma sono cresciuta, sono cambiata, non sono più la stessa timida debuttante che sperava di essere ricambiata, non ci credo alle favole, non più. Torna da dove sei venuto se non vuoi vanificare tutto.”

SA: "Parli così solo perché hai appena subito una sconfitta ingiusta, ma tu sei più forte di Lilith e questa non è l'ultima occasione per sconfiggerla. Tu sei forte e non devi dimostrarlo a nessuno, devi solo stare calma e lottare come sempre hai fatto. Sei maturata tanto da quando hai debuttato."

SF: “Ho imparato a consolarmi da sola, sei stato tu a insegnarmelo infondo, quando mi hai allontanata e bistrattata, mi hai resa un po' più forte, forse sono io che devo ringraziare te. Ma sia beninteso che non ho alcuna stima di te, smettila di girarmi attorno.”

SA: "Basta Safiye. Basta combattere contro i tuoi stessi sentimenti. Tu non mi odi e non è vero che non provi stima per me. Noi due abbiamo combattuto fianco a fianco al nostro debutto, siamo cresciuti insieme e, non per causa nostra, ci siamo dovuti separare. Ma ora è il momento di affrontare tutto ciò, perché ho bisogno della forza e della fiducia che mi hai sempre dato per affrontare quei 7 match. E so che tu non mi vuoi vedere fuori dal new Turkish order."

Safiye era rimasta ferma ad ascoltare Selim. Chiude gli occhi un secondo e poi li riapre.

SF: “Vai via, c'è Kemal in giro e questa volta non potrei bastare. Vai Selim. Cresci anche tu.”

SA: "Va bene, me ne vado, ma scusami Safiye: questa non può essere l'ultima volta che mi vedrai."

Posted Image

E siamo arrivati alla finale di questa edizione del King of Rome! Aaron Lahart dopo aver sconfitto Kenny Jones dovrà vedersela col nuovo FWF World Heavyweight Champion, Daniel Stuart, che ha sconfitto Simon Steed nella semifinale del torneo grazie all’ausilio della sua Legacy! Ed ecco proprio il Nobleman arrivare sulle note di “The Rains of Castamere”! Fischi impietosi del pubblico rivolti all’indirizzo del nuovo campione che per tutta risposta si bea battendo la mano sulla cintura che tiene in spalla e raggiunge il ring. Ma ora parte “Innervision” dei System of a Down ed è Aaron Lahart a raggiungere il quadrato: applausi e cori d’incitamento per the Light of Pro Wrestling che questa sera è chiamato ad un compito piuttosto arduo per laurearsi nuovo King of Rome nonché nuovo FWF World Heavyweight Champion! I due atleti sono faccia a faccia l’uno con l’altro, l’arbitro solleva la cintura in alto… E dà inizio al match!

6th Match - 8th King of Rome MMXIV - Finale/FWF World Heavyweight Title:
Daniel Stuart © vs Aaron Lahart


DIN DIN DIN!!!

Fase di studio iniziale con Stuart che invita Lahart a farsi avanti e l’inglese che non vuole rischiare di cadere in qualche trappola… Alla fine però le mani dei due atleti si congiungono e i due si trovano subito in fase di Clinch! Lahart prova a spingere Stuart verso le corde ma le forze dei due si equivalgono e quindi rimaniamo in una lunga fase di stallo che si conclude quando Stuart passa abilmente alle spalle di Lahart e lo intrappola in una Waistlock! NO! Lahart reversa e passa lui alle spalle dello scozzese con un’altra Waistlock! Stuart tuttavia riesce ad allentare la presa del wrestler di Manchester e a intrappolarlo in un Armbar! Lahart però capriola in avanti ed è lui con un Arm Drag a proiettare Stuart a terra intrappolandolo in un Armbar a tappeto! Stuart si dimena e cerca di liberarsi e alla fine si riporta lentamente in piedi… E colpisce Lahart con un Forearm Smash! NO! Lahart si abbassa e poi connette con un Manhattan Drop seguito da un Maphia Kick dopo uno slancio alle corde! CHE COLPO! Lahart prova subito il pin! One, two and NO! Stuart kicks out!

Lahart però non demorde, solleva nuovamente il suo avversario e dopo averlo stordito con dei pugni al volto lo whippa contro le corde… Back Body Drop sul ritorno, quindi Aaron si dà lo slancio anche lui alle corde e connette su Stuart con un Running Knee Drop! Stuart rotola dolorante per tutto il ring e Lahart lo insegue inchiodandolo a terra per un nuovo pin! 1…2ANCORA NO!!! Lahart non molla e sale sulla terza corda… FROG SPLASH!!! NO!!! Stuart si sposta all’ultimo istante e Lahart impatta malamente contro il mat! Il Nobleman prova subito un pin per sfruttare il break: 1…2…NO!!! Lahart resiste ma ora è Stuart ad essere passato in vantaggio! Il Nobleman infierisce su Lahart con alcuni Stomp quindi lo risolleva e lo whippa subito alle corde… Drop Toe Hold Takedown che manda the Light of Pro Wrestling faccia a terra e Running Low Dropkick a seguire! OUCH! Ancora tentativo di pin da parte di Stuart! 1…2…NO!!! Lahart c’è!

Stuart non sembra tuttavia preoccupato e solleva ancora una volta Lahart per mandarlo all’angolo con un’Irish Whip dopo averlo stordito con altri pugni al volto! High Knee di Stuart e Monkey Flip a seguire! Stuart salta quindi sulla terza corda… E VOLA SU LAHART CON LA NOBLESSE OBLIGE!!! A SEGNO!!! Subito tentativo di pin! 1…2…NO!!! Kick out di Aaron Lahart! Stavolta Stuart non la prende bene e infierisce su Lahart con una violenta serie di pugni al volto, quindi lo solleva… Release German Suplex! Ottima manovra! E ancora pin! 1…2…NO! Ancora nulla da fare, ma Stuart è determinato a demolire l’avversario ed eccolo risollevare Lahart per poi andare a segno con una Backbreaker! Di nuovo tentativo di pin: 1…2…E ANCORA NO!!! Lahart resiste ancora!!! Stuart decide allora di rallentare i ritmi della contesa per fiaccare la resistenza dell’avversario e intrappola Lahart in una Single Leg Boston Crab! Il Wrestler of Them All soffre terribilmente ma non vuole cedere e allora lentamente si trascina verso le corde… E’ vicinissimo!!! E le tocca!!!

Stuart ora dovrebbe mollare la presa ma invece la tiene ancora ben salda e attende il conto di 4 del referee per lasciar andare Lahart e infierire su di lui con una lunga serie di Stomp! Stuart porta Lahart all’angolo, lo stordisce con alcuni pugni e poi lo fa salire fin sulla terza corda… VUOLE TENTARE UN SUPERPLEX!!! OH MY!!! Stuart va per sollevare Lahart ma il GWF Honor Champion si oppone e inizia a colpire il Nobleman con alcuni pugni al costato per fargli mollare la presa… Quindi si posiziona diversamente… E CONNETTE CON LA C-4!!! C-4 DALLA TERZA CORDA!!! THAT’S UNBELIEVABLE!!! Incredibile mossa messa a segno da Aaron Lahart, ma l’impatto è stato devastante per entrambi i contendenti e ora l’arbitro inizia a contare il Doppio KO!

1!!!
2!!!
3!!!
4!!!
5!!!
6!!!
7!!!
8!!! SI STANNO RIALZANDO!!!
9!!!
10!!! NO!!! SONO IN PIEDI!!! IL MATCH CONTINUA…

… E INIZIA LO SCONTRO BRAWL TRA I DUE!!! Nessuno dei due atleti si risparmia ma ecco che Lahart sembra stia per avere la meglio riuscendo a connettere con una combo decisiva su Stuart… Che risponde con un Eye Poke! Che bastardo! Lahart fa qualche passo indietro coprendosi il volto con le mani e Stuart ne approfitta infierendo su di lui con alcuni pugni al volto, quindi lo afferra per i capelli e lo sbatte violentemente a terra! Legdrop di Stuart che rimane sopra a Lahart per tentare il pin! One, two and NO! Il Nobleman risolleva subito l’avversario… Irish Whip alle corde! NO!!! Lahart reversa e Stuart rimbalza alle corde, ma sul ritorno connette con la Daniel Drop! NO!!! Lahart si abbassa mandando a vuoto il colpo di Stuart… E LO COLPISCE CON UN SUPERKICK! SUPERKICK DI AARON LAHART OUT OF NOWHERE!!!

Adesso è Lahart a rallentare i ritmi della contesa intrappolando il suo avversario in una Texas Cloverleaf! Stuart soffre terribilmente ma non accenna minimamente a cedere e urla di voler continuare il match… La presa di Aaron continua a lungo senza riuscire ad avere effetto alcuno su Stuart e alla fine è lo stesso Lahart a mollare la presa! Lahart risolleva subito Stuart… DRAGON SUPLEX!!! CON PONTE!!! 1…2…3NO!!! Kickout all’ultimo istante da parte di Stuart che si salva in corner, ma Lahart ora è intenzionato a chiudere il match! Solleva nuovamente Stuart… LIGHTBRINGER!!!

NO!!!

Stuart scivola alle spalle di Lahart che cerca di girarsi subito…

E SI BECCA LA DEEP VANITY!!! DEEP VANITY OUT OF NOWHERE!!!

Stuart sta per diventare il secondo King of Rome della storia… Ecco il pin!

1!!!
2!!!
3!!!

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!

LAHART HA ALZATO UNA SPALLA!!! LAHART E’ SALVO!!! L’arbitro fa cenno a Stuart che era solo conto di 2 e il Nobleman si chiede se si trovi ancora in 2FH, ma il match continua ed è inutile perdere tempo in congetture! Stuart solleva nuovamente Lahart e lo stende a seguire con la Noble Boy Style quindi prova il pin, ma se Lahart non ha ceduto dopo la Deep Vanity, resisterà anche ora e infatti alza una spalla prima del 3… Stuart però attende che Lahart si rialzi… E poi prova ancora una volta la Deep Vanity! NO!!! Stavolta Lahart non si fa cogliere impreparato e spinge via Stuart… CHE FINISCE DRITTO CONTRO IL REFEREE!!! L’arbitro va KO!!! Lahart non riesce a crederci ma Stuart capisce che deve approfittarne e colpisce Lahart a tradimento con un Lariat poderoso!

E ORA FA UN CENNO VERSO IL BACKSTAGE DA CUI DOPO POCHI ISTANTI ARRIVANO DI GRAN CARRIERA PEDRO DA REIS E DYLAN MCZAX!!! OH NO!!! ANCORA UNA VOLTA!!!

I due salgono sul ring e, insieme a Stuart, accerchiano Lahart che si stava rialzando… Si mette male per il wrestler di Manchester! E PARTE IL PESTAGGIO!!! Lahart non riesce a reagire minimamente mentre i 3 della Legacy lo riempiono di calci e pugni!

MA ORA CHE SUCCEDE?!? DAL PA SYSTEM RISUONA UNA THEME!!! E’ “BIG IN JAPAN” DEI GUANO APES!!!

OH MY!!!

Sullo stage compare un uomo mascherato che corre verso il ring… Possiamo vedere meglio la maschera! Sembra la maschera di Spider Man in versione simbionte! E’ KUMO NO KAMEN!!! Stuart se ne accorge e manda Pedro ad “accogliere” il nuovo arrivato che però anticipa il portoghese con un Hangman che lo fa barcollare all’interno del ring, Kumo non esita un secondo, salta sull’apron e poi sulla terza corda da dove connette con uno Springboard Dropkick che lo manda KO! E’ Dylan allora che si fa sotto ma Kumo riesce ad anticipare anche l’ex-lottatore dell’ASW con un Toe Kick… E POI VA A SEGNO CON LA SPIDER DRIVER!!! Devastante Canadian Destroyer messa a segno da Kumo no Kamen!

Tuttavia Stuart riesce a colpire il wrestler mascherato prima che egli possa fare altro e ora infierisce su di lui con una violenta serie di Stomp… E ORA PROVA A SMASCHERARLO!!! Ma Kumo non vuole mostrare il suo vero volto e cerca di resistere più che può tirando la maschera nel verso opposto rispetto a Daniel Stuart… Ciò che però Stuart sta trascurando è il suo vero avversario, Aaron Lahart, che nel frattempo si è ripreso… ABBRANCA STUART DALLE SPALLE…

E VA A SEGNO CON LA LIGHTBRINGER!!! LIGHTBRINGER A SEGNO!!!

Anche l’arbitro nel frattempo si è ripreso e può contare il pin!

1!!!
2!!!
3!!!

CLAMOROSO AL CINECITTA’ WORLD SPECIAL RING!!! IN UNA SERA L’FWF WORLD HEAVYWEIGHT TITLE HA CAMBIATO POSSESSORE DUE VOLTE!!! E ORA CI APPRESTIAMO AD INCORONARE IL NUOVO RE DI ROMA!!! AARON LAHART!!!

Aaron Lahart sconfigge Daniel Stuart (13:04) via Lightbringer ed è il vincitore dell’8th King of Rome MMXIV nonché nuovo FWF World Heavyweight Champion.

Kumo no Kamen resta a guardare Stuart che nel frattempo si riprende e gli ringhia schiumando di rabbia… Il Nobleman sembra sapere chi si celi sotto quella maschera ma Kumo ormai è sparito nel backstage e le telecamere sono tutte per Lahart che può festeggiare l’importante vittoria di questa sera con tutto il pubblico di Roma!
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
Seifer
La "Concorrenza"
Un altro ottimo show R-Pro, non privo di difetti (ma si tratta di difettucci che ho riscontrato più nei singoli promo che non nello show preso "organicamente") e con qualche risultato sorprendente. Vado col PBP.

- L'intro di RRR ad esempio, seppur sufficiente, mi fa storcere la bocca. Perchè quelle descrizioni in cui il romano ridacchia come un idiota? Se me lo immagino, mi viene in mente un villain alla Joker, non quello che comunque è un fan-favourite locale (e globale). Sono piccolezze ma contribuiscono a farmi apprezzare di meno un personaggio...RRR non dovrebbe avere gli stessi "modi" che ha Lilith.

- Di Thomas Ross ho apprezzato molto l'impegno ed il promo non era certo malvagio. Però anche questo non era esente da errori. Innanzitutto, non puoi dire "sono stato a chiamare a rappresentare il mio PAESE, la Georgia". Il tuo paese sono gli USA, la Georgia è il tuo STATO. Se scrivi una frase del genere, uno che legge e che non conosce il personaggio, è portato a pensare che viene da Tiblisi, non da Atlanta.
Altra cosa: "Anche lui, atleta GWF, ma che in questo torneo, oltre alla sua Cina, rappresenta un'altra federazione in cui milita... la 2FH." Second mistake. Per quanto continuate a crederlo, in questo torneo nessun wrestler rappresenta una Federazione, rappresenta o la sua nazione/stato o sè stesso, non è il GAME OF THRONES... teoricamente in finale potrebbero finirci due che appartengono alla stessa Federazione, quindi chi rappresenta cosa in quel caso????
Ad ogni modo, visto che l'avversario è stato così "fango" da non aver promato, tanto di cappello a Ross.

- Perfino troppo impegno per quest'opener.

- Commento insieme i promo di Kenny Jones e Aaron Lahart: due promo molto simili, tra i due ho apprezzato più quello di Lahart, notevole ed incisivo, mentre KJ, sarà perchè lo seguo anche in 2FH, mi è parso abbastanza "ripetitivo" nel portare in dote la vittoria ottenuta contro Stuart... capisco che, attualmente, rappresenta l'highlight della sua carriera, ma sembra comunque un concetto "riciclato" da un altro promo (poi, per carità, i promo non li ho valutati certo io, quindi le motivazioni che hanno portato al risultato sono differenti).

- Il match tra i due è comunque molto bello, rapido e scorrevole. Si è capito che concordo col risultato.

- Non commento il mio promo ma faccio un parallelo con quello di Steed. Il promo di Simone mi è sembrato... l'idrossido perfetto per neutralizzare l'acidità del promo di Stuart. Anche in questo caso, due promo abbastanza simili, in realtà tutti e quattro, manco a farlo apposta, non ci siamo discostati troppo dal clichè di analizzare non solo l'avversario, ma anche il possibile rivale del turno successivo. Non ne sono sicuro, ma credo che ciò abbia potuto creare qualche problema nelle valutazioni visto che alla fine, se i risultati sono stati decisi dal lavoro degli handler, si trattava solo di scegliere quali sfumature erano più apprezzabili e quali di meno. Per me, sarebbe stato un compito molto difficile.

- Molto bello il promo successivo anche se Kemal ormai è più prezzemolo di un'Antonella Elia dei bei tempi... combatte un match al mese ma compare in 18 show diversi, ogni volta. La relazione con Eve è sempre tratteggiata benissimo, con la ragazza sull'orlo di una crisi di nervi e Kemal più sfinge che mai... certo, mi chiedo sempre quanto un segmento del genere possa venire apprezzato a chi non sta dietro a tutte le tematiche che coinvolgono la coppia e che si dipanano anche in WTF (e se prima si poteva dire che l'80% dell'utenza coincideva, adesso direi che la percentuale è un po' calata).

- Match che mi ha assolutamente sorpreso, ovviamente per l'esito. Esito sul quale non concordo. Non sono così ingrato da lamentarmene, ma... beh, non lo reputo giusto. Non credo fosse giusto che Steed terminasse così il suo regno, non credo fosse giusto che perdesse contro un avversario che l'ha sempre snobbato, come Daniel Stuart... ed il promo di Simone mi era sembrato valido quanto, se non più, del mio. Tra l'altro, mi aspettavo succedesse in questo match quello che invece è accaduto dopo... certo, il colpo di scena è stato notevole, ma mi spiace per Steed, tutto qua.

- Un promo che mi ha lasciato a bocca aperta. Ma per quanto l'ho sentito... sbagliato. Intendiamoci: si vuole dare un push ad Aelita perchè anche se donna è un armadio di due metri e passa? Sono d'accordissimo, chi potrebbe esserlo più di me? Però già il fatto che Aelita si comporti in maniera così....altezzosa, con Lilith, mi fa capire che non conosce un cazzo di dov'è capitata. Ma questo posso accettarlo, è una fase d'ambientamento. Quello che mi ha lasciato sgomento è l'atteggiamento quasi remissivo con il quale Lilith interagisce. Assolutamente non da lei. Ed è stato l'aspetto peggiore del promo.

- Un buon promo di servizio, un match femminile con una carta hype, e non siamo manco ad uno show THEA.

- Una Battle Royal con pochissime sorprese, salvo l'eliminazione affrettata di Aelita e quella altrettanto (ma meno) frettolosa di Zoey, il resto hanno seguito pedissequamente l'iter corrispondente al valore delle wrestler in campo. Praticamente una Battle Royal ordinata, sarà stato felice Diggia.

- Sono sincero, non è che mi importasse molto di questo match, anche perchè aveva il vago sapore di "friendly match". Ad ogno modo, è finito con l'esito più giusto.

- Romeo e Giulietta in salsa turca.

- Finale del torneo... e pena del contrappasso per Daniel Stuart che subisce un trattamento alla Expo. :D Non che mi stupisca, sapevo che prima o poi doveva succedere quello che è successo anche se non sapevo fino a che punto fossero cambiati i piani. Ad ogni modo, preferirei concentrarmi, più che sulla mia sconfitta, sulla scelta di premiare Lahart. Una scelta, a mio avviso, non solo giusta ma anche coraggiosa. Un nome nuovo al vertice di una Fed che PER ME è una delle più importanti, perchè cerca di concentrare il meglio che c'è su piazza. Adesso il problema è un altro: la R-Pro per la sua stessa natura....atipica rende complicato fare un buon regno. Perchè lo spazio te lo devi creare, gli impegni non sono tantissimi. Io spero che Lahart non si dimentichi di essere adesso FWF World Champ (nonchè nuovo King of Rome) quando sarà in WFS, ECF o GWF. Perchè se spera di essere Campione solo quella volta scarsa al mese in cui sarà chiamato in causa qui, allora il suo regno rischia di essere un flop. Se spera di potersela cavare sempre con un compitino, allora rischia di essere un flop. Non dico debba fare presenzialismo esagerato o che debba promuovere ad oltranza le sue vittorie, ma semplicemente dovrà fare, di tanto in tanto, qualcosa che "giustifichi" il suo regno, e questa scelta, anche fuori da questi lidi. Io spero lo faccia, perchè Lahart è un personaggio che a me piace e sul quale vorrei puntare.
La vita è un varieté
e 'o cazz è cumm 'o rré
e io ca so' guaglione,
t'o ronco 'stu bastone sott' 'a luna
puttana comm'a ttè.

(O' tiempo se ne va - Squallor)
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
The Special Uan
Member Avatar
The Good
faccio un commento in generale


mi trovo in accordo con alcune cose dette da danilo. Mi è dispiaciuto anche a me vedere Steed perdere così dopo un regno del genere. Si meritava di perdere in un one on one, in alto nella card, come main event di uno show.

concordo anche sul piacere di avere un nome nuovo come campione ma la "preoccupazione" di come Lahart saprà ritagliarsi lo spazio da FWF Champ. I campioni prima di lui (Mimmo e Steed su tutti) e non solo i campioni massimi ma anche quelli della categoria tag hanno sempre colto l'occasione di ricordare di essere detentori del titolo in ogni show in cui si presentavano al di fuori della R-Pro, e secondo me è stato uno dei punti di forza dei precedenti regni. Spero che Lahart farà bene, intanto ci si gode di questa novità.

ME DOVEDE DA LI SORDI, QUELLI GROSSI, BIG MONEY I BIG MONEY, I WANT BIG MONEY
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
Cross Wizard
Member Avatar
Grazie Gianni, GIAOOOO!
Iniziamo parlando di record:

- Daniel Stuart è ovviamente il campione FWF WHW meno longevo della storia, ma è anche il primo campione FWF Tag in carica a vincere il titolo dei massimi; prima di lui Justice e RRR erano riusciti a compire il percorso inverso.

- Daniel Stuart è anche il primo ad aver vinto i tre titoli maggiori Heavyweight – Tag Team – Trios in R-Pro; di fatto raggiunge RRR e Mehmet Arkin che però hanno vinto i titoli di coppia quando ancora il Raven Project non esisteva.

- Daniel Stuart è stato il primo a vincere il FWF WHW Title nel corso del KoR, lo scorso anno RRR e Arkin pareggiarono il loro scontro titolato nel torneo.

- Ranilo82 è anche il primo handler ad essere stato campione FWF WHW con due personaggi differenti (il primo è stato Mad Dog), ed anche finalista in tutte e due le edizioni del KoR.

Passiamo ai contro-commenti:

Vedo una certa “delusione” per la sconfitta di Simon Steed... ma qualche mese fa la seconda critica a “WrestlEmpire” non era proprio indirizzato verso la riconferma del campione nella Battle Royal? :P
La prima porzione di regno di Steed non è stata di certo memorabile, vuoi perché il Tavenegro non era ispirato, vuoi perché in WFS era ridotto a jobber, la vittoria ad Istanbul (figlia di un bel promo) ha cambiato le carte in tavola e dato una svolta al tutto.

“mi chiedo sempre quanto un segmento del genere possa venire apprezzato a chi non sta dietro a tutte le tematiche che coinvolgono la coppia e che si dipanano anche in WTF”

A parte il fatto che ho provato a citare cose successe in R-Pro, ma tu non sei uno del grande universo narrativo? :lol: I confini si rompono meglio con una storyline multi-federazione o con un qualcosa di “freddo ed istituzionale”? :D
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
Seifer
La "Concorrenza"
Cross Wizard,1 October 2014
22:52
A parte il fatto che ho provato a citare cose successe in R-Pro, ma tu non sei uno del grande universo narrativo? :lol: I confini si rompono meglio con una storyline multi-federazione o con un qualcosa di “freddo ed istituzionale”? :D

Io si.

Ma attualmente la R-Pro ha diversi handler (che si spera leggano anche gli show) che pur facendo parte del GUN, la WTF non la seguono. Considerando solo quelli che hanno partecipato a questo show, direi: Frank, Badini, Trombetta (:D), l'handler di Aelita... la mia domanda era volta a chiedere quanto questo tipo di lettori abbiano potuto capire del promo.

Comunque se non è un problema per te, figurati per me.
La vita è un varieté
e 'o cazz è cumm 'o rré
e io ca so' guaglione,
t'o ronco 'stu bastone sott' 'a luna
puttana comm'a ttè.

(O' tiempo se ne va - Squallor)
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
Il Cavaliere Nero
Member Avatar
AKA Pigmeo
volevo commentare per bene questo show, ma poi sono rimasto stordito dalla lista dei record di Daniel Stuart e penso che dopo un breve commento andrò in un angolino a piangere. :(

Per quello che finora ha fatto qui Lahart, giusto premiarlo, ricordo i suoi promo già nei primi show RPro e non mi pare abbia mai steccato quando in card...
buoni anche i promo di Stuart e Jones. Non credo comunque che il risultato sia stato stabilito in base ai promo, vedo un preciso booking dietro tutte le fasi finali del torneo, non roba che si costruisce in una settimana perchè il promo era migliore. (certo, se uno non promava, col cazzo che andava così)

tutto sommato, a me come uscita di scena del campione da mesi, non spiace.
sconfitto per interferenza, con il titolo che subito dopo non è più di chi gliel'ha rubato... è un buon finale di regno, almeno leva quella solita palla di 'mi hai rubato il titolo, me lo riprendo, fatti una lega tua' con conseguente risposta 'ancora godo, sciacquati la bocca'.

non ho capito il senso del match dei tizi dell'Illinoia. qualcuno aveva dubbi sul vincitore? O dubbi su chi comandasse?

dovete pagarmi le visite dall'oculista e i danni morali se sperate che io legga il promo di Ross.
dai promo visti questa sera, mi aspettavo passasse Lin Li Yung. Mi sa che non ho capito bene come funziona il torneo. :ph43r:

E ora, basta commentare, devo andare a vedere le foto dei troioni che prestano volti e corpi alla categoria femminile per decidere per chi tifare nel modo più consono.
per ora vince, ovviamente, la Sins, anche se Kemal di mezzo mi rovina il tutto... come la carta da parati durante la Slut Machine

mi scuso con chi ho saltato.
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
1 user reading this topic (1 Guest and 0 Anonymous)
« Previous Topic · Show · Next Topic »
Add Reply

Theme Designed by McKee91 and Lout of ZNR