Welcome Guest [Log In] [Register]
Welcome to Raven Project.


If you're already a member please log in to your account to access all of our features:

Username:   Password:
Add Reply
Erfenis "Prophecy I: Mid-Season Finale" (1x05); 29/09/2017
Topic Started: Sep 29 2017, 20:00 (113 Views)
The Undetected Hero
Member Avatar

[align=center]Posted Image

[utube]https://www.youtube.com/watch?v=sql2E1t83Dg[/utube]

Posted Image

Ci troviamo in un luogo completamente buio, l’unica zona illuminata è quella che vede due persone faccia a faccia. Si stanno guardando in viso senza battere ciglio, sono due gocce d’acqua e possono essere soltanto loro: i fratelli King. Notiamo come entrambi portano i pantaloni bicromi con entrambi i colori dei loro Re. Quindi Edgar ha il pantalone dal doppio colore rosso/blu mentre Allan “Leviathan” il doppio colore Giallo/Verde. I due continuano a fissarsi senza girarsi verso la telecamera. Leviathan prende la parola asserendo che Edgar rappresenta la rabbia e la furia che è subdolo e infido fino all’osso. Leviathan rimembra il match di settimana scorsa che avrebbe dovuto allontanare i gemelli per sempre e invece li ha riuniti, più forti che mai. Lo stesso Leviathan asserisce che ci avevano già provato a dividerli, ricordando Lei, ma che ora sono pronti per la loro ultima battaglia. Leviathan dice che Edgar è il Re Rosso ed è pronto per la battaglia.

Edgar annuisce e continua il discorso affermando che Leviathan rappresenta meglio di tutti la follia e la desolazione, colui che, anche se è araldo della perdizione per eccellenza, è stato colui che ha provato a rimettere insieme i pezzi. Una cosa che Edd ricorderà sempre, perché è questo il punto di forza dei fratelli. I loro nemici possono provare a separarli, ma non ci riusciranno mai. Essi sono due facce di una medesima medaglia ed il Culto li ha portati fino a quel momento per un semplice scopo: dominare. Edgar dice che lui è il Re Rosso, quello belligerante e pronto alla battaglia, ma ricorda anche come Leviathan sia il Re Giallo: colui che è capace di tutto. La bestia venuta a galla, colei che si nasconde dentro ogni uomo e che è pronta a venire a galla… inesorabile.

Leviathan pronuncia i nomi dei suoi avversari: Juggernaut, Rogue e Split. Loro sono delle marionette in mano al grande capo, loro saranno i primi veri agnelli sacrificali alla loro causa. I Re che vivono dentro di loro saranno soddisfatti di questo sacrificio e li renderanno più forti che mai. Leviathan ricorda come né il Re Blu né il Re Verde siano ancora usciti allo scoperto. Usando la metà della loro forza hanno catalizzato l’attenzione di Erfenis e stasera si libereranno dei .mob…PER SEMPRE.

Edgar aggiunge che loro saranno l’unica e vera forza capace di mandare avanti tutto questo teatro degli orrori ed alla fine tutti si inchineranno a loro. Anche D’Arby che ha provato a guidare con assurdo raziocinio il suo progetto, ma Edgar ci tiene a precisare che la razionalità non appartiene a quel luogo. Il mondo in cui si trovano è comandato da forze oscure che non si lasciano influenzare dalle semplici regole degli uomini. Bisogna essere corrotti per andare avanti, bisogna rappresentare qualcosa di più di un semplice ammasso di ossa, carne e viscere. A questo punto i due gemelli si fissano negli occhi e si voltano verso la telecamera per poi concludere il promo pronunciando, all’unisono, il loro pensiero finale. I due asseriscono che non bisogna scavare troppo per trovare il proprio mostro interiore, la vera difficoltà è imparare ad entrarci in sintonia. Poiché tutti nascono mostri, ma solo pochi diventano demoni.


Posted Image

Vediamo inquadrata una mano.
È aperta, e nel palmo tiene una pietra a forma di piuma che si è familiare.
Improvvisamente la mano si chiude di scatto, e stringendo l'amuleto con forza nel giro di pochi attimi lo riduce in pezzi.

L'inquadratura si allarga e vediamo come la mano sia quella di James D. D'Arby , per la prima alterato e non più sfacciato come siamo abituati a vederlo.
Non ha funzionato, l'amuleto di Era non ha funzionato. Il Boss sbuffa e scuote la testa, ma progressivamente torna alla sua caratteristica flemma sfacciata: è stato stupido, lo ammette, avrebbe dovuto aspettarsi che non era quello divino il potere a cui doveva affidarsi.
Non è il potere che lui ha costruito, quello edificato con la forza sua e dei suoi numeri, che invece è l'unico a cui dovrebbe essere devoto e di cui dovrebbe essere messaggero.

E parlando di numeri, quelli sono nuovamente dalla parte dei .mob: dei quattro Re soltanto due potranno scendere in campo, e come se non bastasse i loro due rappresentanti si vantano di essere una sola entità.
I .mob invece sono non soltanto più di loro, ma ognuno è una persona ben definita ed è per questo che il loro potere può essere definito il potere del nuSWmero.

Lui ha dato a Edgar una possibilità, il ragazzo poteva finalmente vivere come una entità distinta, con una propria individualità. La possibilità di crescere, di evolversi, di diventare l'unico Re.
Ha scelto la mediocrità, ha scelto di rimanere nella marmaglia.
E per questo verrà punito.
Lui è James D. D'Arby, ha conquistato l'Inghilterra senza che nessuno avesse né il tempo né le forze di opporsi: due ragazzini che giocano a fare gli Wiccan non sono nessuno e i .mob glielo dimostreranno con una punizione indimenticabile.


Posted Image

Sin dal primo giorno il loro cammino si è incrociato, stanotte i fratelli King e il .mob arriveranno al capolinea del loro conflitto in un'ultima sanguinosa battaglia. Chi avrà l'ultima parola?

Handicap Match
Allan "Leviathan" King & Edgar King vs .mob (Juggernaut, Rogue, Split) /w James D'Arby

Non appena suona la campana tutto il .mob assale i fratelli, sotto gli occhi di D'Arby ancora nel ring. Pare un massacro e non una contesa sinché non c'è la risposta dei fratelli, con le loro solite combinazioni di calci e ginocchiate. I tre vengono lanciati fuori dal quadrato, rimane solo D'Arby che pare inevitabilmente la prossima vittima...Ma i due King vengono trascinati fuori ring e pestati a dovere, scaraventati contro le barricate e colpiti con una sedia da parte di Split. E' in quel momento che Rogue prepara un tavolo mentre Juggernaut afferra prima uno e poi l'altro scaraventandoli come se nulla fosse nel ring. Col tavolo ai suoi piedi Juggernaut porta all'apron Allan, se lo carica per un Suplex sul tavolo ma Edgar lo afferra e lo riporta nel ring.

Doppio Suplex successivo su Juggernaut, arriva Rogue che viene fermato con una ginocchiata. Edgar se lo carica per una Brainbuster, Leviathan lo colpisce con un Roundhouse Kick e poi Edgar lo sbatte al tappeto. Il conteggio viene arrestato da Split, che colpisce con la sedia Edgar. Allan evita il primo colpo, Split però insiste...E finisce vittima di un superkick attraverso la sedia! Il colpo però causa problemi anche a Leviathan, cosicché Juggernaut torna ad affrontarlo. Edgar e Allan comprendono che Jugger è chiaramente l'uomo in più e devono toglierlo di mezzo. Lo attaccano con tutte le loro energie, lo mettono alle corde e con un doppio braccio teso provano a scagliarlo sul tavolo proprio vicino all'apron. Juggernaut si tiene sul bordo, i due lo colpiscono con una serie di stomp fino a farlo posizionare sul tavolo disteso.

Moonsault dalla terza corda di Leviathan! Ma ancora una volta il danno procurato all'avversario costa, la gamba sembra peggiorare. Nel mentre Split prende alle spalle Edgar e Enzuigiri Kick a segno! Edgar prova a lottare sul dolore, ma finisce vittima del Belly to Belly! Allan sale sull'apron, a quel punto Split con una mazza da kendo gli colpisce la gamba dolorante! Rogue nel ring finisce vittima del comeback di Edgar, arriva Split che lo massacra con la mazza da kendo sino a marchiargli la pelle con chiazze rosse e poi lo finisce.

SKULL SPLITTER! Spike Piledriver a segno...

Ma il tre viene stroncato dall'arrivo di Allan! Leviathan toglie di mezzo Split, ma c'è il comeback devastante di Juggenaut! Scaglia via Allan dopo una Spinbuster, Edgar prova a stordirlo e si lancia alle corde, finendo vittima di un Lariat che lo fa roteare per aria! Juggernaut lo rialza e la chiude.

BURNING HAMMER! Stavolta è seriamente finita...

Non ci credo, Leviathan ha interrotto un conteggio di tre SICURO. Juggernaut è una furia, si lancia contro l'avversario ma Allan si sposta e l'avversario finisce contro il paletto col capo! Rotola fuori ring mentre Split come una furia attacca Leviathan, scatta contro le corde. Roaring Elbow e Samoan Drop di Leviathan, Split si rialza stordito.

EVAN DEATH MAY DIE! Leviathan soffre un dolore allucinante proprio a quella gamba, ma ha la forza di strisciare verso l'avversario.
E' finita...

D'Arby però tira via Split, l'ha tirato via proprio ad un passo dal tre. Adesso corre dall'altro lato mentre Rogue scatta contro Allan, lo mette al tappeto e lo chiude in una...

Calf slicer! Proprio alla gamba! Allan è ad un passo dal cedere proprio quando Edgar si rialza e...D'Arby lo trattiene per le gambe da fuori ring! Edgar urla ad Allan di resistere ma Allan non ne può più, ormai ha la mano tesa! A quel punto Edgar è abbastanza lucido da calciare d'Arby e riesce ad attaccare Rogue! L'ha preso con una ginocchiata al capo, Rogue si rialza stordito...

CAROL OF OLD ONES! Total Elimination!

Juggernaut e Split provano ad intervenire...

SOMERSAULT SENTON SU ENTRAMBI DI EDGAR!

E CONTEGGIO VINCENTE DI ALLAN!

Allan "Leviathan" & Edgar King b. .mob via Carol of Old Ones

Una contesa sensazionale, chiusa nel migliore dei modi da parte dei Kings! I fratelli festeggiano per aver vinto la guerra contro il .mob mentre, in un punto non illuminato sugli spalti, notiamo che Iside sta osservando con attenzione le gesta dei due. Cosa vorrà significare?

Posted Image

Farà male, ma è necessario. Questo è il concetto, a sua detta fondamentale, che Padre Callahan vuole instillare in tutti i coloro che assisteranno al suo incontro. Lui è convinto che più di qualcuno lo bollerà come un essere crudele, un vile che massacrerà un povero giovane, ignaro del suo destino. Lui stesso, se non conoscesse la verità e non fosse illuminato dalla luce di Cristo, si unirebbe a quel gregge di pecore belanti. Allo stato attuale, Desmond non ha con se l’appoggio popolare, ma francamente gli importa poco. I crociati, che uccidevano uomini donne e bambini innocenti, lo avevano. A Salem, la città che gli ha dato i natali, centinaia di donne vennero arse vive in quanto accusate di stregoneria, ad opera di uomini che si professavano cristiani, sempre con il benestare del popolo. Desmond ci tiene a precisare che il suo non è puro nozionismo, ma gli esempi sono necessari per far capire al popolo che non è di lui che devono aver paura. Lui agisce da solo, in quanto non ha bisogno di alleati dato che ha Dio con se. Lui agisce in nome della fede, perché ha la fede con se, a differenza dei crociati e dei puritani, che erano mossi da interessi personali si circondavano di uomini mossi dagli stessi piaceri terreni. Ciò non toglie che il Reverendo provi piacere nel malmenare la gente, tutt’altro. La violenza non genera mai godimento in chi la utilizza, per lo meno non in chi ha Dio nel suo cuore. Essa è solo uno strumento di cui lui si serve e continuerà a servirsi fin quando ne avrà la capacità fisica, per eliminare i Demoni, e tutti i nemici di Dio. Il fatto che ciò implichi generare dolore in altri figli di Dio è purtroppo un inevitabile conseguenza, resa meno dolorosa dal fatto che le anime dei poveri malcapitati potranno poi riposare in eterno nel Regno dei Cieli. Pertanto, quando Callahan si troverà a dare il colpo di grazie al giovane Justise, non proverà dolore, ma piuttosto una sensazione di sollievo, per la sorte del ragazzo. Lui soffrirà, il prete lo rimarca, letteralmente le pene dell’Inferno ma, proprio grazie a quel dolore immenso, si libererà dal Maligno, che alloggia indisturbato nel suo giovane corpo. The Owl, o Gerald che dir si voglia, ha già causato troppe pene e non può continuare ad agire e a seminare terrore su questo pianeta. Il suo posto non è sulla terra, ma negli Inferi, assieme a Lucifero e a tutti gli altri nemici di Dio. Ed è li che lui lo rispedirà, anche a costo di ammazzare il ragazzo con le sue stesse mani. Porre fine all’esistenza di un singolo essere vivente, per salvare milioni di vite. Chiunque, al suo posto, farebbe lo stesso, il Reverendo ne è sicuro. Magari avrà problemi a dormire la notte , ma ormai ci ha fatto l’abitudine. Il Male non si riposa mai dopotutto…perché dovrebbe farlo lui?

“…fortificatevi nel Signore e nella forza della sua potenza. Rivestitevi della completa armatura di Dio, affinché possiate star saldi contro le insidie del diavolo; il nostro combattimento infatti non è contro sangue e carne ma contro i principati, contro le potenze, contro i dominatori di questo mondo di tenebre, contro le forze spirituali della malvagità, che sono nei luoghi celesti".
Efesini 6:10-12.


Posted Image

Il buio è calato.

Di nuovo.

Non ce l’ha fatta neanche il più fedele fra gli amici.

Anzi.

Una voce pare sussurrare qualcosa, ma le immagini che ci appaiono dinanzi sono di un buio forte, capace di freddare ogni minima emozione.

Dice di averlo fatto perché non c’era altra scelta. Dovevano andare così le cose.
Spiega di averlo fatto perché così è meglio, questo è l’unico modo che si ha per contenere la bestia demoniaca intrinseca in lui. Non si sarebbe potuto fare altrimenti. La scelta incondizionata di tornare a prestare servigi al male ed al demonio in persona, per salvare un amico. Certo, Puzzle non era Jay.

Puzzle non era affatto Jay.

Ma non si sarebbe mai dovuta ripetere la cosa.

Ecco perché lo ha fatto, ecco perché ora è di nuovo il male. La scelta consapevole di essere il male ha tenuto alla larga dal pericolo Puzzle.
Lui sa che è così. Ce lo dice. Anche se non lo vediamo.

The Owl non avrebbe mai potuto restare indifferenti alle provocazioni di Callahan. Avrebbe fatto scendere l’apocalisse.

Un’anima già dannata era il giusto sacrificio, per evitare una catastrofe.

Un urlo.

Convulsioni.

La voce ci avvisa, le tenebre la stanno riprendendo, non sa se la riascolteremo.

Questa voce.

La maschera di The Owl ora si palesa davanti.

Dice di essere tornato, il demone è tornato, si è reimpossessato del corpo di Justise Cedrics, il Dragone Gallese che non ha saputo resistere, dopo averlo combattuto a lungo.
The Owl dice di dover il suo ritorno a due persone, una è di certo Puzzle, capace di far intenerire Justise a tal punto da essere paragonato all’amico Jay, capace di intenerire il già fragile animo di Justise in modo tale da farlo ritornare. Perché è tornato.
L’altro uomo invece che merita una menzione d’onore nel discorso di The Owl è l’uomo capace di farlo inferocire a tal punto da far avvertire a Justise stesso la catastrofe che l’anima iraconda di The Owl, così come costui l’aveva ridotta, avrebbe potuto scatenare.
The Owl era sempre dentro Justise, quest’uomo lo sapeva, ed ha fatto di tutto purchè uscisse fuori.
Ce l’ha fatta.
Così dice Owl, lasciandosi scappare un applauso.

The Owl si congratula con padre Callahan.

Callahan sapeva, forse era l’unico a saperlo, era conscio della costante presenza di Owl in Justise, sin dal primo giorno, quando Justise era convinto di essersene liberato, di averlo intrappolato in una maschera che non avrebbe mai messo.

Callahan ha sconfitto Justise Cedrics.

Con i suoi stratagemmi è riuscito ad ottenere quel che voleva: far mostrare Justise per quello che era, non era affatto il bene che L’Erede avrebbe voluto contrastare e scacciare. Callahan era l’unico a saperlo. Justise in realtà era il male.

Perché…

Justise era The Owl.

Ma The Owl sorride, ed ammonisce Callahan.
Un uomo come lui dovrebbe far attenzione a desiderare fortemente qualcosa, perché prima o poi potrebbe ottenerla, e non sa quanto possa essere piacevole questo incontro per Callahan.

Eppure…

Callahan il demonio lo conosce bene.

O no?

Callahan vuole lui.

Ma riuscirà mai ad esorcizzare il demone più potente?

Fa cenno di no con il capo Owl.

Ride.


Posted Image

Dinnanzi all'inevitabile, Justise è stato costretto ad indossare la maschera. Oggi Callahan avrà l'opportunità di esorcizzare quel demone che ha cambiato radicalmente la sua vita.

Hardcore Match
Father Callahan vs The Owl

Dopo il suono della campana Callahan si avvicina lentamente all'avversario, nel momento in cui prova a recitare delle parole in latino Owl lo colpisce con un calcio al braccio, lo volta e con un dropkick lo spinge fuori dal quadrato. Successiva Baseball slide, torna nel ring e prova un Suicide...Ricevendo in pieno volto una sediata! Callahan sbatte l'avversario contro il paletto, poi afferra un tavolo e lo lancia nel quadrato. Owl torna ad attaccarlo e lo colpisce con un Big Boot. Afferra poi da sotto al ring una mazza da baseball avvolta nel filo spinato e colpisce la schiena, lo fa sanguinare al volto con essa e lo rilancia nel quadrato. Standing Moonsault!

Callahan non demorde, reagisce con un calcio e un successivo Big Boot. Prepara al centro del quadrato il tavolo, prova a schiantare Owl che gli passa alle spalle. Rolling Elbow, afferra la mazza e colpo in piena fronte! Callahan è un bagno di sangue, sbatte contro l'angolo ma non ci sta...E inizia a schiaffeggiare a ripetizione il rivale! Owl lo spinge all'angolo, prende la rincorsa e lo salta addosso...Callahan reversa il tutto e carica l'avversario! Powerbomb a segno, Owl stordito resta a terra.

LEAP OF FAITH! Shooting Star Press a segno!

Owl resiste, Callahan rotola fuori ring e va ad afferrare un...Tavolo con avvolto del filo spinato! Lo appoggia contro le barricate, Owl però lo raggiunge con un Suicide Dive! Callahan non demorde, prova a schiantarlo contro il tavolo ma Owl s'oppone, poi Jumping Knee...Prende la rincorsa ma Callahan l'afferra e lo schianta contro il tavolo con un Cradle Suplex devastante! Owl sanguina alla schiena mentre Callahan lo riporta nel ring...Vade retro Satana! CONTEGGIO DI DUE! Callahan non sa più che fare, rotola fuori ring...E afferra benzina e accendino!

OH MIO DIO, IL TAVOLO VA A FUOCO!

Callahan afferra Owl per la Crucifix Powerbomb, Owl però striscia alle spalle e mazza da baseball al busto! Afferra Callahan, lo porta sulla seconda corda perché vuole chiudere con la Flip Piledriver sul tavolo infuocato! E' IMPAZZITO! Owl sta per...

E invece si ferma, si è fermato proprio un attimo prima.
Qualcosa lo blocca, lascia andare Callahan...
Owl sembra lottare contro sé stesso, contro Justin!

Ma proprio quel momento è fatale!

CRUCIFIXION SUL TAVOLO INFUOCATO, LA FOLLA IMPAZZISCE!!!

...

MA IL CONTO E' SOLO DI DUE, NON E' POSSIBILE!

Callahan dopo minuti di disperazione lo mette all'angolo e lo schiaffeggia, prende a pugni, calci, sputa. Fa qualsiasi cosa! E ad un certo punto comincia a parlare in latino! Vuole esorcizzarlo lì, davanti al pubblico! Owl pare in piena sofferenza...Poi afferra Callahan!

DRAGON'S POISON! E' LA FINISHER DI JUSTISE!

E INFATTI SI SMASCHERA, CEDRICS SI E' RIBELLATO ALLA MASCHERA!

Salta sulla terza corda...

FLAP OF THE WINGS! PHOENIX SPLASH A...

CALLAHAN LO AFFERRA AL VOLO E LO CHIUDE NELLA EXORCISM, MANDIBLE CLAW! PAZZESCO!

JUSTISE CEDE E L'ARBITRO CHIAMA LA FINE DEL MATCH!

Father Callahan b. Justise Cedrics via Exorcism

Justise ha vinto la sua battaglia col male, pagando però un prezzo altissimo. Alla fine Callahan ottiene una vittoria a metà, avendo sconfitto Cedrics ma non The Owl. La maschera resta sul tappeto del ring mentre la folla tributa applausi ai due, dopo un match assurdo.

Posted Image

Siamo all’interno del Castello de Haar, la telecamera segue dal basso una figura che cammina per i suoi corridoi: ne inquadra prima gli stivali neri, quindi sale riprendendo i pantaloni sempre neri con motivi rossi, la schiena scoperta e infine la maschera anch’essa nera con i frammenti rossi disegnati in maniera irregolare su di essa… Per chi ancora non avesse capito di chi si tratta, l’uomo in questione è Puzzle, che stasera dovrà affrontare contemporaneamente Judah, Rhyfel e infine Orpheus, il Prescelto che l’Erede vorrebbe come campione di Erfenis. Una sfida ai limiti dell’impossibile anche per uno avvezzo a questo tipo di prove come Puzzle.

E per l’atleta di Londra inizia un flusso di pensieri che viene esplicitato a voce alta nonostante non ci sia nessuno che lo ascolti. Perché questa sera è cruciale per il futuro di Puzzle: egli dovrà vincere per ottenere la possibilità di sfidare Orpheus e diventare lui il campione di Erfenis; ma dovrà vincere anche perché qualora dovesse risultare sconfitto egli sarà costretto ad abbandonare per sempre Erfenis, rinunciando ai suoi sogni di giustizia e, di fatto, permettendo all’Erede di realizzare i suoi oscuri piani privo di qualunque opposizione.

Questo Puzzle non può permetterlo. E non lo permetterà.

Numerose volte è stato messo all’angolo, numerose volte ha visto le speranze di prevalere affievolirsi sempre più fino a sparire, numerose volte ha visto da vicino l’orrido volto della disfatta. Eppure altrettante sono state le volte in cui egli è stato capace di rialzarsi, di sfruttare quelle minime possibilità a suo favore per conquistare la gloria, di cancellare ogni pronostico a lui contrario sovvertendolo e raggiungendo l’agognata vittoria. E questa volta non vi sarà alcuna differenza.
Puzzle non ha paura. Non teme la forza bruta di Judah, non teme la violenza dei colpi di Rhyfel. Ma soprattutto non teme le melodie di Orpheus, non si farà ammaliare dalla sua musica, resisterà a ogni colpo e procederà dritto verso il suo obiettivo: la vittoria, la permanenza all’interno del Castello de Haar, il titolo di campione di Erfenis. Quel titolo sarà per lui un’arma in più, quel titolo gli garantirà maggiori possibilità di sconfiggere il male: Puzzle lo sa, sa che fin quando egli sarà il campione di Erfenis, tutti vorranno la sua testa, gli empi verranno a cercarlo per impadronirsi del suo potere… E sarà così che egli li sconfiggerà uno dopo l’altro, finché non rimarranno solamente lui e l’Erede. E a quel punto il proprietario del castello non potrà più fuggire, non potrà più interporre nessuno tra lui e Puzzle: Puzzle lo sconfiggerà, distruggerà il suo potere oscuro e porterà l’ordine all’interno di Erfenis.

E’ solamente questione di tempo, nulla più. Puzzle ha imparato a essere paziente, ha imparato che ogni cosa deve essere fatta col giusto tempismo per evitare il fallimento… Finora tutto si è verificato al momento giusto e ora Puzzle non deve sbagliare. Dovrà resistere all’attacco congiunto di Judah, Rhyfel e Orpheus fino a che non si presenterà la giusta occasione propizia.
Il resto verrà da sé.


Posted Image

La vecchia stanza del Castello di Hair occupata ormai da tempo dai succubi dell’Erede è in piena agitazione perchè uno dei guardaspalle sta alzando la voce. Si tratta ovviamente di Rhyfel, il mascherato, che urla contro un impassibile Judah.

Come sempre il big man appare isolato dal mondo ma il tono di voce così elevato sembrano infastidirlo. Rhyfel gli urla di prestargli attenzione, ma l’uomo con il cappuccio è impegnato a pettinare la bambola rispondendo solo con grugniti.

Per farsi ascoltare Rhyfel è costretto ad un gesto estremo, quello di afferrare e rubare dalle mani del Big Man la bambola. Un gesto che ha già eseguito in passato provocando il Gigante. Anche questa volta Judah non è da meno e vistosi rubata la bambola è pronto a caricare il “partner” furioso. Al contrario dell’ultima volta Rhyfel anticipa il Gigante spintonandolo in avanti. Judah, sorpreso dal gesto, compie un passetto all’indietro sopraffatto dai modi del mascherato.

Rhyfel lancia in terra la bambola e va faccia a faccia (anzi, maschera a maschera) con Judah minacciandolo. Gli urla di darsi una calmata e di concentrarsi. Gli ordina di darsi uno scopo, che finalmente è arrivato il momento di avere uno scopo nella vita. Non può stare legato al passato, qualunque esso sia, e a quella dannata bambola. I due hanno l’occasione della vita. Possono cambiare il loro destino che ora li lega all'Erede e lui, Judah, non sa facendo nulla. Nulla.

Il mascherato non aspetta una risposta o una reazione. Da le spalle al “partner” ed esce dalla stanza sbattendo la porta alle sue spalle. Il Mascherato si china a raccogliere la bambola e ala stringe a se rassicurandola.


Posted Image

Un elegante pianoforte.
I tasti bianchi e neri si alternano alla nostra vista, mentre mani gentili si muovono veloci su di esso. Una melodia cupa si ode, prima lieve, poi sempre più intensa e movimentata.

Wolfgang Amadeus Mozart - D Minor Requiem
Lacrimosa



Un uomo dai fluenti capelli argentati esegue per noi, ospiti del castello di de Haar, tali note, muovendosi elegante mentre la sua chioma sembra seguire il suono che il pianoforte produce. Un suono irrequieto lascia il posto ed una musica pacata e tranquilla, per poi cessare di colpo. Un sorriso sincero compare sul volto del musico, che si volta, chinando il capo in segno di riverenza nei confronti di colei che è entrata nella stanza, uno degli eleganti saloni della residenza dell'Erede. Lunghi capelli corvini si muovono come corde di quello stesso pianoforte. Uno sguardo magnetico fissa Orpheus, caritatevole eppur distaccato.


Ella è lì, con lui..

...


"I trust you."


Poche, semplici parole.
Un dolce messaggio di fiducia, nei confronti dell'uomo che vive solo per renderla felice. E, nel contempo, un gelido imperativo legato alla contesa che attende l'uomo, il tetro musico, il protetto dell'Erede. Vincere, eliminare l'unico uomo deciso ad opporsi al fato, l'uomo che vuole "liberare" il castello dall'uomo che ne è legittimo proprietario.


Sorride, Orpheus, nascondendo il suo sguardo dietro l'inquietante maschera ch'egli indossa. Non v'è nulla da temere, precisa chinando nuovamente il capo verso la sua ragion d'etre. S'Ella gli ha assegnato tal compito ed ha così deciso, non vi sarà altra via. La musica suonerà seguendo lo spartito ch'Ella ha intonato. L'uomo con la maschera cadrà, nelle dolci braccia del suo requiem, finché ogni preoccupazione sarà svanita ed egli potrà riposare. Orpheus pare compatirlo, par provare tristezza per Puzzle. Nota, con un velo di amarezza, come egli pensi d'essere un baluardo, di esser punto di riferimento per uomini come lui e per tutti coloro che vedono nel castello null'altro che luogo tetro e misterioso.
Ma si sbaglia.


<span style='font-family:Geneva'>"Vox clamantis in deserto."



Puzzle è solo.
Pur di rimaner ligio al suo onore, è costretto ad illudere sé stesso. Privo di una motivazione sufficiente da superare la sua eterna frustrazione, la trova nella follia di essere l'Eroe della storia. Coperto da una maschera, immagina un mondo in cui la sua voce viene ascoltata, in cui uomini e donne attendono con giubilo la sua vittoria contro le forze del male. Ma egli non è che una singola, caduca foglia nella tempesta d'autunno. Aggrappata con ogni forza alla vita, crede di essere differente, che resisterà alle intemperie.

Ma il suo destino è segnato.
E questa dolce melodia lo accompagnerà finché nulla rimarrà di lui.

Orpheus riprende a suonare. Con passione ed estro esegue tale malinconica melodia, fino ad interrompersi. Un fremito sembra percorrerlo. Il suo volto lascia trasparire un certo incanto, un incanto che travolge anche noi, semplici ospiti di una terra lontana.

Perché una voce si ode.
Melodiosa. Melencolica. Lieve come un sospiro, eppur capace di travolgere la mente, di sconvolgere l'animo. Di irretire, di incantare, di lasciar senza fiato.
La dolce voce di Eurydice diviene melodia sublime. Canto di sirena.

Portatrice gentile d'un destino inevitabile.



"Lacrimosa dies illa
Qua resurget ex favilla
Judicandus homo reus.
Dona eis requiem.


Amen."


Posted Image

Puzzle sin dal primo giorno ha dichiarato guerra all'Erede, al catalizzatore di malvagità che si concentra ad Erfenis. Stanotte dovrà affrontare una missione quasi impossibile, ma non si tirerà di certo indietro.

Handicap Match
Orpheus, Judah & Rhyfel vs Puzzle
-Se il team di Orpheus vince, Puzzle sarà bandito dal Castello per sempre
-Se Puzzle vince avrà un'occasione titolata contro Orpheus
-Chi tra Judah o Rhyfel pinnerà Puzzle avrà un'occasione titolata contro Orpheus


Appena iniziato l'incontro, Rhyfel vs Puzzle. Quest'ultimo colpisce subito Rhyfel con uno Yakuza Kick e successivamente fa cadere dall'apron Judah e Orphues. Si lancia con uno Springboard Shooting Star su entrambi! Inizio grandioso di Puzzle stroncato però da Rhyfel che lo sbatte contro le barricate. Con una violenza inaudita colpisce il volto con delle ginocchiate, lo porta nel ring e lo chiude in una headlock. Puzzle si libera, evita il rivale con un leapfrog ma viene preso alle spalle e sbattuto al tappeto con un German. Cambio per Judah, cerca d'affogare Puzzle e poi lo sbatte all'angolo. Scatto...

Va a vuoto, Puzzle si lancia contro le corde e gli salta addosso per una Hurricanrana. Judah vola fuori ring, Puzzle si lancia con un Suicide e viene afferrato al volo. Allorché Judah prova a schiantarlo contro il paletto ma Puzzle striscia via e Judah sbatte con violenza! Rotola nel ring, Judah pure, Puzzle lo mette alle corde e Orpheus si prende il tag...Neckbreaker! E successiva Shining Wizard! Inizio devastante di Orpheus, ma Puzzle non è da meno e lo sorprende con una Puzzle Puzzle e Standing Shooting Star! Rhyfel interviene a favore di Orpheus, che gli consente di prendere Puzzle alla sprovvista.

♪ Overture...Roundhouse Kick a segno!
♪ Allegro...Puzzle si lascia sorprendere dalla Dragonara!
♪ Adagio...E viene anche steso da una DDT!
♪ Grave...Orpheus lo afferra sulle spalle, ormai è finita...Argentine Neckbreaker!
MELODRAMMA A SEGNO!

Conteggio vincente.

NO! Puzzle resta nell'incontro, Orphues è a dir poco incredulo. A quel punto lascia entrare nel ring Judah, che fa strisciare Puzzle all'angolo.

THE EXECUTION! Top rope Legdrop...

Conteggio interrotto da Rhyfel! Puzzle rotola via mentre Rhyfel urla a Judah che Orpheus deve schienarlo, non lui! Judah, seppur contrariato, tagga Orpheus che schiena Puzzle. Ed è solo due! Il wrestler mascherato dimostra la sua innata capacità di resistere alle miglior manovre dei rivali. A quel punto Orphues fa entrare Rhyfel, che si scaglia contro Puzzle. Che lo ferma con una headbutt! E Question Buster a segno, con Rhyfel che esce dal conteggio per un soffio. Puzzle lo rialza ancora, Rhyfel gli passa alle spalle tentando una presa al capo ma Puzzle si divincola con una Jawbreaker.

RABBET DRIVER! Judah e Orpheus entrano nel ring, Puzzle con un dropkick spinge Judah contro Orpheus, i due si schiantano all'angolo.

PIN...

SOLO DUE, RHYFEL ESCE! Clamoroso kickout, Puzzle non sarà mai più così vicino alla vittoria. Però non demorde e giunge sulla terza corda, con Judah che lo scaglia sul mat con una Gorilla Press Slam! A quel punto Orpheus lo chiude nella Parodoi...Coquina Clutch a segno! Puzzle crolla al tappeto ma non demorde, Orpheus viene messo con le spalle a terra e Puzzle si libera.

A quel punto Judah se lo carica per la Samoan Drop, ma Puzzle reversa il tutto in una Reverse Frankesteiner e lo schianta al tappeto! Orpheus prova ad afferrarlo, Puzzle però se lo carica... Epeisòdia! Dragon Sleeper a segno! Puzzle è ormai KO, ma Orphues lo lascia andare perché vuole finirlo con la Argentine Backbreaker. Judah e Rhyfel lo seguono, Orphues afferra P...

JUDAH SI CARICA RHYFEL E SAMOAN DROP! No! Orpheus scende dalle spalle e Rhyfel richiama Judah, urlandogli di abbandonare il match! Judah per il tradimento viene cacciato e incredibilmente sta a sentire Rhyfel, lascia il ring mentre Puzzle spinge i due rivali contro l'angolo.

DOPPIO YAKUZA KICK!
Puzzle va sulla terza corda...

PUZZLESAULT SU ENTRAMBI! NO, SOLO SU RHYFEL PERCHE' ORPHEUS SI SPOSTA...

E PROPRIO LUI INTERROMPE IL TRE VINCENTE! La folla è incredula, Orpheus adesso afferra Puzzle e un altro Snap DDT. Sì, stavolta è proprio finita. Puzzle viene caricato dal rivale e steso al tappeto con la devastante Argentine Backbreaker. Grave a segno!


MA RHYFEL COLPISCE CON UN CALCIO IN PIENO VOLTO ORPHEUS

E CHIUDE PUZZLE NELLA KATA HA JIME!!! Puzzle è vittima della sua miglior manovra di sottomissione, prova a stringere i denti ma a lungo andare non reagisce più! Però non cede, non intende cedere! Rhyfel urla furioso sinché...

PUZZLE NON RISPONDE PIU'! HA PERSO I SENSI!

L'ARBITRO FA SUONARE LA CAMPANA

COSA DIAVOLO E' SUCCESSO

Rhyfel (& Orphues & Judah) b. Puzzle via Kata Ha Jime
Puzzle lascia il Castello
Rhyfel affronterà Orpheus


La folla ha le mani nei capelli, Puzzle è arrivato ad un soffio dal miracolo, Orpheus ha capovolto la situazione e Rhyfel, dopo aver speso tutto il match a 'proteggere' il Prescelto, finisce per tradirlo all'ultimo istante. Clamoroso! Adesso l'Erede seguito da Judah giunge nel quadrato, estasiato dalla vista di Puzzle sconfitto, ormai prossimo a lasciare il Cas...


"Prima viene la pioggia. Poi viene la fame, seguita dalla febbre. Per ultima la fine...
E poi il Vuoto."

[utube]https://www.youtube.com/watch?v=IStlBOX9F4o[/utube]

Cosa sta succedendo? Qualcuno si mostra...Un uomo in abito elegante con una maschera nera che fa sbiancare l'Erede! E' la prima profezia, costui è colui che segnerà la fine del potente proprietario del Castello! L'uomo cammina a passo lento verso il ring, Orpheus è fuori gioco mentre Rhyfel scappa via. Solo Judah è sulla sua strada.

Giunge all'apron, si toglie la maschera.


Posted Image
CASTIEL.

Entra nel quadrato e Judah lo assale, ma egli si sposta con una velocità impressionante e con un Roundhouse Kick lo fa inginocchiare. E poi subito il suo obiettivo diventa l'Erede, il quale rotola fuori ring furioso per quella presenza. Questa è l'unica finestra aperta per Judah, che schianta l'uomo contro l'angolo. Caduto a terra, è prossima vittima del Top Rope Legdrop...

Se non fosse che l'uomo si rialza in un istante, va all'apron e si dirige al lato opposto dove si trova Judah...

Che diavolo fa?!

RINCORSA E TOP ROPE SLING BLADE SU JUDAH!



JUDAH SPROFONDA NEL RING
L'IMPATTO HA PROVOCATO UN BUCO NEL RING



JUDAH SCOMPARE DOPO L'IMPATTO DALLA TERZA CORDA! LA FOLLA IMPAZZISCE A SUON DI HOLY SHIT! A costui sono bastate due mosse per far crollare il gigante sotto al ring dell'Erede, Castiel si rialza e fissa il proprietario del Castello. E' qui per lui, è qui per distruggerlo.

Puzzle è andato via, ma forse ci penserà qualcun altro a fermare l'Erede.
</span>
[/align]
Posted Image

Spoiler: click to toggle
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
zanding/STEWIE01
Member Avatar

Ottimo mid-season finale che chiude tutte le storie principali. I fratelli King si portano a casa un importante vittoria, sono stati messi a dura prova da D'Arby e i suoi ma alla fine ne sono usciti più cazzuti che mai. Bellissimo. Credevo che Iside potesse fare qualcosa, invece ha solo osservato la situazione. Interessante.

Ottimo booking anche quello della sfida Callahan-The Owl. Callahan vince ma facendo cedere Cedrics e non The Owl grazie alla ribellione del Gallese.

Il Main Event vede un Puzzle stoico che resiste e va vicinissimo alla vittoria. Alla fine Rhyfel tradisce Orpheus e si prende la vittoria e ora avrà una possibilità contro il Prescelto. Puzzle deve lasciare il castello, tornerà in altre sembianze?

Nel finale vediamo arrivare un nuovo, inquietante, personaggio dal nome Castiel che si libera con facilità di Judah e sembra pronto a dare la caccia all'Erede. Bellissimo.
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
Red Revolution Raven
Member Avatar
The Ugly
Finale un po' scialbo per la faida tra fratelli King e .mob, in fondo era già stato detto tutto quello che bisognava dire e in questa puntata sarebbe stato sufficiente anche solo il singolo match con una giustia vittoria dei King. Il .mob non ha comunque demeritato ma li vedo indietro rispetto ai due fratelli di Beppe e Simone.

Punto finale anche per Callahan e The Owl, anche se secondo me non è ancora detta l'ultima parola: dal match non si capisce bene se Callahan è riuscito a esorcizzare Cedrics o se The Owl vedendo la malaparata ha momentaneamente abbandonato il corpo di Justise per poi tornare in un momento più propizio.

DIOMERDA TROMBY MI HAI CACCIATO. Però benvenuto Castiel, tanta roba davvero.
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
S!mon

(Di Beppe e Stefano)
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
Red Revolution Raven
Member Avatar
The Ugly
Giusto, ho avuto un lapsus.
Offline Profile Quote Post Goto Top
 
1 user reading this topic (1 Guest and 0 Anonymous)
ZetaBoards - Free Forum Hosting
Join the millions that use us for their forum communities. Create your own forum today.
« Previous Topic · Show · Next Topic »
Add Reply

Theme Designed by McKee91 and Lout of ZNR